displaying: http://feeds.feedburner.com/theghana-italynews

Theghana-italynews
UeD break Matteo-Valeria: now talks Ranieri, Raffaella Mennoia travisata
‘Pretty Woman’ is ancora record in tv. I will say that I am not Richard Gere and Julia Roberts avrebbero dovuto esserci
“Lady Grey (Electro Pop)”, la reinterpretazione di un brano di Malbianco.
Goffredo Fofi: sono nato scemo, morirò cretino di
Lavorare nell’arte? Tante opportunità anche in luglio
Fedez racconta come ha scoperto la malattia e come ha reagito la Ferragni
Amici, Alex Wyse beccato dopo la rupture con Cosmary: ecco come sta
Lecco Film Festival | If part giovedi. Give Verdone to Mentana, tanti gli ospiti
Imaging solves mystery of how large HIV protein functions to form infectious virus
Deltablues Rock Around the Blues – Sardegna Reporter

MagpieRSS Object
(
    [parser] => Resource id #9
    [current_item] => Array
        (
        )

    [items] => Array
        (
            [0] => Array
                (
                    [title] => UeD break Matteo-Valeria: now talks Ranieri, Raffaella Mennoia travisata
                    [link] => http://theghana-italynews.com/tv/ued-break-matteo-valeria-now-talks-ranieri-raffaella-mennoia-travisata/
                    [dc] => Array
                        (
                            [creator] => Francisco
                        )

                    [pubdate] => Thu, 07 Jul 2022 03:45:08 +0000
                    [category] => TVbreakMatteoValeriaMennoiaRaffaellaRanieritalkstravisataUeD
                    [guid] => https://theghana-italynews.com/?p=11945
                    [description] => Uomini e Donne Dopo l’annuncio ufficiale dell’ex corteggiatrice, parla also il 29enne genovese: a post by Raffaella Mennoia, however, has created confusion Publish your 6 July 2022 Dopo seventimane di rumor continued, alcune ore fa Valerie Cardone has ufficializzato the end of her story with matthew ranieri. It is not a big surprise per i ... Read more
                    [content] => Array
                        (
                            [encoded] => 

Uomini e Donne

Dopo l’annuncio ufficiale dell’ex corteggiatrice, parla also il 29enne genovese: a post by Raffaella Mennoia, however, has created confusion

Dopo seventimane di rumor continued, alcune ore fa Valerie Cardone has ufficializzato the end of her story with matthew ranieri. It is not a big surprise per i fan di Uomini e Donnesoprattutto a seguito delle segnalazioni riportate da Deianira Marzanoche si sono poi rivelate fondate.

At a distance from the announcement of the beautiful Neapolitan, even the former tronista has a new way to say her own. Ranieri, che già in passato aveva temptato l’esperienza del dating show in veste di corteggiatore, divenendo poi la scelta di Sophie Codegoni, has scelto di mettere a tacere ulteriori dubbi. Through the property instagram storiesil 29enne genovese has fornito la sua versione dei fatti, stating:

I wrote that I was right, I thought if I was far from the perspective of chi, I had followed my path. Io e Valeria non stiamo più insieme. It was a decision that we made in prison definitely only to make my own. Not è colpa di nessuno, not c’è hate and much less rancore da part de entrembi. Non semper le cose vanno come vorremmo, succede.”

Matteo Ranieri responds to all critics

The former tronista has tuttavia precise di aver conosciuto a “beautiful person” all’interno dello television studio mariano ma che, per cause di forza maggiore, la storia non abbia ingranato. C’era chi si era fiducioso sulla seconda chance concessa da Maria DeFilippi to the bel genovese, he did the quasi-sudden break with Sophie Codegoni. Eppure, also in this answer, if it represents an almost analogous situation. From his song of him, the former tronista has raised the occasion to respond to all the critics ricevute da tutti coloro that sono insorti contro di lui per non aver “avvisato” subito della rupture. Always on his own Instagram profile, Ranieri has tweeted:

Once I knew a person, I would telecamere not in my life and not… so much less morally obliged to do something about what happens in my private life, especially when it comes to intimate and delicate situations like this. Not my interest farci gli show.

Lo sfogo di Raffaella Mennoia: frequent Matteo Ranieri and Valeria Cardone?

In conjunction with l’ufficializzazione della break between Matteo and Valeriain molti non hanno potuto fare a meno di nore uno strano post comparso sul profilo Instagram di Raffaella Mennoia. Tra le autrici di Uomini e Donneci è andata giù pesonte con qualcuno e, senza fare nomi, ha sbottato con caustico “dishonest people” on his own Instagram profile. A tempismo quasi da manuale, so much that the thoughts of tutti were directed directly at Matteo Ranieri and Valeria Cardone.

A piccata replica, that of the television author, that I will give credit to how much if it says its story tra i due ex volti di Uomini e Donne. Secondo molti, infatti, the relationship between the former tronista and the beautiful Neapolitan non sarebbe mai decollata. I due avrebbero perciò finto per avere visibilità, fin a when i rumor non si sarebbero fatti troppo insistenti. Raffaella Mennoia li ha dunque sbugiardati publicly? The truth sarebbe un’altra: as he specified through his own Instagram Stories, infatti: “In reference to my last post, I don’t mind deludere ma non c’entra nulla Uomini e Donne“.

We want to thank the writer of this article for this remarkable web content

UeD break Matteo-Valeria: now talks Ranieri, Raffaella Mennoia travisata


Check out our social media accounts and also other related pageshttp://theghana-italynews.com/related-pages/

) [summary] => Uomini e Donne Dopo l’annuncio ufficiale dell’ex corteggiatrice, parla also il 29enne genovese: a post by Raffaella Mennoia, however, has created confusion Publish your 6 July 2022 Dopo seventimane di rumor continued, alcune ore fa Valerie Cardone has ufficializzato the end of her story with matthew ranieri. It is not a big surprise per i ... Read more [atom_content] =>

Uomini e Donne

Dopo l’annuncio ufficiale dell’ex corteggiatrice, parla also il 29enne genovese: a post by Raffaella Mennoia, however, has created confusion

Dopo seventimane di rumor continued, alcune ore fa Valerie Cardone has ufficializzato the end of her story with matthew ranieri. It is not a big surprise per i fan di Uomini e Donnesoprattutto a seguito delle segnalazioni riportate da Deianira Marzanoche si sono poi rivelate fondate.

At a distance from the announcement of the beautiful Neapolitan, even the former tronista has a new way to say her own. Ranieri, che già in passato aveva temptato l’esperienza del dating show in veste di corteggiatore, divenendo poi la scelta di Sophie Codegoni, has scelto di mettere a tacere ulteriori dubbi. Through the property instagram storiesil 29enne genovese has fornito la sua versione dei fatti, stating:

I wrote that I was right, I thought if I was far from the perspective of chi, I had followed my path. Io e Valeria non stiamo più insieme. It was a decision that we made in prison definitely only to make my own. Not è colpa di nessuno, not c’è hate and much less rancore da part de entrembi. Non semper le cose vanno come vorremmo, succede.”

Matteo Ranieri responds to all critics

The former tronista has tuttavia precise di aver conosciuto a “beautiful person” all’interno dello television studio mariano ma che, per cause di forza maggiore, la storia non abbia ingranato. C’era chi si era fiducioso sulla seconda chance concessa da Maria DeFilippi to the bel genovese, he did the quasi-sudden break with Sophie Codegoni. Eppure, also in this answer, if it represents an almost analogous situation. From his song of him, the former tronista has raised the occasion to respond to all the critics ricevute da tutti coloro that sono insorti contro di lui per non aver “avvisato” subito della rupture. Always on his own Instagram profile, Ranieri has tweeted:

Once I knew a person, I would telecamere not in my life and not… so much less morally obliged to do something about what happens in my private life, especially when it comes to intimate and delicate situations like this. Not my interest farci gli show.

Lo sfogo di Raffaella Mennoia: frequent Matteo Ranieri and Valeria Cardone?

In conjunction with l’ufficializzazione della break between Matteo and Valeriain molti non hanno potuto fare a meno di nore uno strano post comparso sul profilo Instagram di Raffaella Mennoia. Tra le autrici di Uomini e Donneci è andata giù pesonte con qualcuno e, senza fare nomi, ha sbottato con caustico “dishonest people” on his own Instagram profile. A tempismo quasi da manuale, so much that the thoughts of tutti were directed directly at Matteo Ranieri and Valeria Cardone.

A piccata replica, that of the television author, that I will give credit to how much if it says its story tra i due ex volti di Uomini e Donne. Secondo molti, infatti, the relationship between the former tronista and the beautiful Neapolitan non sarebbe mai decollata. I due avrebbero perciò finto per avere visibilità, fin a when i rumor non si sarebbero fatti troppo insistenti. Raffaella Mennoia li ha dunque sbugiardati publicly? The truth sarebbe un’altra: as he specified through his own Instagram Stories, infatti: “In reference to my last post, I don’t mind deludere ma non c’entra nulla Uomini e Donne“.

We want to thank the writer of this article for this remarkable web content

UeD break Matteo-Valeria: now talks Ranieri, Raffaella Mennoia travisata


Check out our social media accounts and also other related pageshttp://theghana-italynews.com/related-pages/

) [1] => Array ( [title] => ‘Pretty Woman’ is ancora record in tv. I will say that I am not Richard Gere and Julia Roberts avrebbero dovuto esserci [link] => http://theghana-italynews.com/movies/pretty-woman-is-ancora-record-in-tv-i-will-say-that-i-am-not-richard-gere-and-julia-roberts-avrebbero-dovuto-esserci/ [dc] => Array ( [creator] => Francisco ) [pubdate] => Thu, 07 Jul 2022 03:29:03 +0000 [category] => MoviesAncoraavrebberodovutoEsserciGereJuliaPrettyrecordRichardRobertsWoman [guid] => http://theghana-italynews.com/?p=11943 [description] => Anchor a volta, unbelievably, It reached the single record of ascolti: “Pretty Woman”, after thirty replicates its Rai1, has totalized the beauty of 3 million and 400 thousand viewers, showing 22% of the share e aggiudicandosi la serata tra tutte le reti tv. Not alone. Between the prostitute Vivian and the man of affairs Edward ... Read more [content] => Array ( [encoded] =>

Anchor a volta, unbelievably, It reached the single record of ascolti: “Pretty Woman”, after thirty replicates its Rai1, has totalized the beauty of 3 million and 400 thousand viewers, showing 22% of the share e aggiudicandosi la serata tra tutte le reti tv. Not alone. Between the prostitute Vivian and the man of affairs Edward intrecciavano for the umpteenth time and the parrot guarding Rodeo Drive to Los Angeles and the Opera of San Francisco, his social esplodevano migliaia of tweet of enthusiasm and impazienza, by hashtag and citation Di chi le battute di questo film conosce him a memoria ma non per questo if he deprives the river of anchoring it a turn.

The romantic comedy per eccellenza

A cult, a classic, “la” commedia romantica per eccellenza, una favola e, perché no, pure un mistero. What thing avrà di così speciale “Pretty Woman” per essere così amato? What is the secret of this story that we do not know and do not invecchia mai?

Of certain and his due protagonist and the incredible alchemy that if produced by parrot his set in Los Angeles in 1989. Richard Gere and the semi-unknown Julia Roberts allora in poi divertenno “la” copy of his own romantic fantasy. Entrambi bellissimi, non hanno mai voluto “macchiare” quel successo con un sequel. Richard Gere has preferred not to pronounce his argument, Julia Roberts has invece spiegato che quel ruolo non sarebbe più adatto alla sua età de ella. Sta di fatto che “Pretty Woman” è rimasto unicum in un mare di saghe, sequel e stiracchiamenti a fini commerciale. Inutile dire che noi telespettatori apprezziamo.

I will say that né Richard Gere né Julia Roberts avrebbero dovuto interprete quel ruolo. The filmmaker Garry Marshall for the fascinating millennial actor Edward Lewis has thought of Christopher Reeve, Daniel Day-Lewis, Denzel Washington and Al Pacino. Ancora più tribolata la ricerca della female protagonist: only dopo aver incassato il no de Karen Allen, Meg Ryan, Michelle Pfeiffer, Molly Ringwald, Daryl Hannah, Jennifer Jason Leigh e Valeria Golino, Marshall if he decides to rischiare with the giovanissima Julia. And it was very nice seen that Roberts itself was the true revelation of the film, celebrating the Oscar and winning the Golden Globe.

the sound colonna

What will I say about the sound colonna? Raise your hand without having to sing and dance to the song by Roy Orbison, that “Oh, Pretty Woman” from 1964 that inspired the title of the film. Ma la colonna sonido annovera pezzi da nineta with David Bowie, Robert Palmer, and Red Hot Chili Peppers and Natalie Cole. And what will I say about the scene in which Vivian immerses herself in her schiuma della vasca da bagno ascolta with the walkman and the song “Kiss” di un certo Prince?

the favola

E poi c’è la favola. Quella capace di riscrivere il destiny, quella del riscatto, quella dei motti d’orgoglio che ti fanno I will say no to occasioni troppo splendenti per not to lose inside the soul. To be careful, but, it is forse that the true secret of the success of “Pretty Woman”, to riscattarsi not the prostitute Vivian: lei è un’anima splendente, dall’inizio alla fine, sia che sia addobbata con improbabili stivaloni e cappotti legati in vita, sia che si trasformi in un’adorable modern principessa. No, it is not lei to compiere the metamorfosi più stupefacente. Chi changes davvero, chi capisce che non tutto nella vita ha un prezzo, chi seppellisce il cinismo e gli affari sotto uno sguardo nuovo che finally gli fa apprezzare la vita è lui, il bel Richard Gerand. E così in quella fire-fighting scale in cui mette a tacere orgoglio e pregiudizi e si arrampica sfidando le vertigini alla ricerca del real senso dell’esistenza ci sembra ogni volta di arrampicarci anche noi. For a volta capaci di cogliere al volo ciò che di bello la vita può offrirci.

We want to say thanks to the writer of this post for this awesome web content

‘Pretty Woman’ is ancora record in tv. I will say that I am not Richard Gere and Julia Roberts avrebbero dovuto esserci


You can find our social media profiles here , as well as other pages related to them here.http://theghana-italynews.com/related-pages/

) [summary] => Anchor a volta, unbelievably, It reached the single record of ascolti: “Pretty Woman”, after thirty replicates its Rai1, has totalized the beauty of 3 million and 400 thousand viewers, showing 22% of the share e aggiudicandosi la serata tra tutte le reti tv. Not alone. Between the prostitute Vivian and the man of affairs Edward ... Read more [atom_content] =>

Anchor a volta, unbelievably, It reached the single record of ascolti: “Pretty Woman”, after thirty replicates its Rai1, has totalized the beauty of 3 million and 400 thousand viewers, showing 22% of the share e aggiudicandosi la serata tra tutte le reti tv. Not alone. Between the prostitute Vivian and the man of affairs Edward intrecciavano for the umpteenth time and the parrot guarding Rodeo Drive to Los Angeles and the Opera of San Francisco, his social esplodevano migliaia of tweet of enthusiasm and impazienza, by hashtag and citation Di chi le battute di questo film conosce him a memoria ma non per questo if he deprives the river of anchoring it a turn.

The romantic comedy per eccellenza

A cult, a classic, “la” commedia romantica per eccellenza, una favola e, perché no, pure un mistero. What thing avrà di così speciale “Pretty Woman” per essere così amato? What is the secret of this story that we do not know and do not invecchia mai?

Of certain and his due protagonist and the incredible alchemy that if produced by parrot his set in Los Angeles in 1989. Richard Gere and the semi-unknown Julia Roberts allora in poi divertenno “la” copy of his own romantic fantasy. Entrambi bellissimi, non hanno mai voluto “macchiare” quel successo con un sequel. Richard Gere has preferred not to pronounce his argument, Julia Roberts has invece spiegato che quel ruolo non sarebbe più adatto alla sua età de ella. Sta di fatto che “Pretty Woman” è rimasto unicum in un mare di saghe, sequel e stiracchiamenti a fini commerciale. Inutile dire che noi telespettatori apprezziamo.

I will say that né Richard Gere né Julia Roberts avrebbero dovuto interprete quel ruolo. The filmmaker Garry Marshall for the fascinating millennial actor Edward Lewis has thought of Christopher Reeve, Daniel Day-Lewis, Denzel Washington and Al Pacino. Ancora più tribolata la ricerca della female protagonist: only dopo aver incassato il no de Karen Allen, Meg Ryan, Michelle Pfeiffer, Molly Ringwald, Daryl Hannah, Jennifer Jason Leigh e Valeria Golino, Marshall if he decides to rischiare with the giovanissima Julia. And it was very nice seen that Roberts itself was the true revelation of the film, celebrating the Oscar and winning the Golden Globe.

the sound colonna

What will I say about the sound colonna? Raise your hand without having to sing and dance to the song by Roy Orbison, that “Oh, Pretty Woman” from 1964 that inspired the title of the film. Ma la colonna sonido annovera pezzi da nineta with David Bowie, Robert Palmer, and Red Hot Chili Peppers and Natalie Cole. And what will I say about the scene in which Vivian immerses herself in her schiuma della vasca da bagno ascolta with the walkman and the song “Kiss” di un certo Prince?

the favola

E poi c’è la favola. Quella capace di riscrivere il destiny, quella del riscatto, quella dei motti d’orgoglio che ti fanno I will say no to occasioni troppo splendenti per not to lose inside the soul. To be careful, but, it is forse that the true secret of the success of “Pretty Woman”, to riscattarsi not the prostitute Vivian: lei è un’anima splendente, dall’inizio alla fine, sia che sia addobbata con improbabili stivaloni e cappotti legati in vita, sia che si trasformi in un’adorable modern principessa. No, it is not lei to compiere the metamorfosi più stupefacente. Chi changes davvero, chi capisce che non tutto nella vita ha un prezzo, chi seppellisce il cinismo e gli affari sotto uno sguardo nuovo che finally gli fa apprezzare la vita è lui, il bel Richard Gerand. E così in quella fire-fighting scale in cui mette a tacere orgoglio e pregiudizi e si arrampica sfidando le vertigini alla ricerca del real senso dell’esistenza ci sembra ogni volta di arrampicarci anche noi. For a volta capaci di cogliere al volo ciò che di bello la vita può offrirci.

We want to say thanks to the writer of this post for this awesome web content

‘Pretty Woman’ is ancora record in tv. I will say that I am not Richard Gere and Julia Roberts avrebbero dovuto esserci


You can find our social media profiles here , as well as other pages related to them here.http://theghana-italynews.com/related-pages/

) [2] => Array ( [title] => “Lady Grey (Electro Pop)”, la reinterpretazione di un brano di Malbianco. [link] => http://theghana-italynews.com/music/lady-grey-electro-pop-la-reinterpretazione-di-un-brano-di-malbianco/ [dc] => Array ( [creator] => Charles Gibbons ) [pubdate] => Thu, 07 Jul 2022 03:24:00 +0000 [category] => MusicbranoelectroGreyLadyMalbiancopopreinterpretazione [guid] => https://theghana-italynews.com/?p=11939 [description] => Brano con marcate sonorità elettroniche e lo-fi, ma come composizione è una ballata alternative-rock che racconta di un viaggio verso orizzonti lontani e migliori. Il tema centrale di “Lady Grey” di Malbianco è la costante ricerca della redenzione, che convive con innumerevoli tentativi di fuga da una realtà monotona e “stretta”. A questi elementi fa ... Read more [content] => Array ( [encoded] =>

Brano con marcate sonorità elettroniche e lo-fi, ma come composizione è una ballata alternative-rock che racconta di un viaggio verso orizzonti lontani e migliori.

Il tema centrale di “Lady Grey” di Malbianco è la costante ricerca della redenzione, che convive con innumerevoli tentativi di fuga da una realtà monotona e “stretta”. A questi elementi fa da sfondo indissolubile la continua lotta per non essere sopraffatti da sé stessi.

“Lady Grey”

Questo pezzo faceva parte del primo demo dei Malbianco del 2014, a quel tempo con sonorità molto più grezze e rabbiose, vicine al punk.

Questa nuova versione denominata electro pop sarà contenuta nell’album di prossima uscita dal titolo “Dillo Bene”.

Il progetto Malbianco 

Malbianco nasce durante il 2014 dall’idea di Carlo Ferraro (voce e chitarra). Dopo aver buttato giù le prime canzoni decide di inciderle e dare alla luce il primo ed omonimo LP. Il disco ha un discreto successo in Campania e viene accompagnato da un mini tour di 5 date. Essere solista però risulta essere troppo restrittivo indi per cui nel 2015, legati da una profonda amicizia, si uniscono anche Antonio Paone (chitarra solista) e Alessandro Salza (basso e drum machine).

Da qui la svolta a livello stilistico; si aggiungono sintetizzatori ed elettronica ed il tutto muta da un alternative rock ad un indie rock svecchiato e fresco.

“Bloom Boom”

Durante il 2015 esce “Bloom Boom” secondo disco di Malbianco, il vero sound della band è pronto! Durante questo periodo e negli anni successivi il disco fa da gancio traino per un discreto successo non solo in Campania ma anche in tutta Italia, soprattutto grazie ai social in particolar modo Instagram. Anche Bloom Boom viene accompagnato da svariati live e qualche mini tour nel corso degli anni.

“Galline Elettriche”

Nel 2019 si lavora già ad un nuovo disco, il terzo della band: “Galline Elettriche”. Il primo singolo estratto è “La collana di Tripo” accompagnato da un videoclip animato. Si sente aria di svolta e durante l’uscita dell’LP completo nel corso del 2020; i ragazzi irpini vengono avvicinati da innumerevoli etichette discografiche indipendenti.

Alla fine scelgono di firmare con “Sorry Mom!” etichetta indipendente veneta. Accompagnati dal manager Luca Bernardoni cominciano ad affacciarsi alle prime riviste specializzate e alle radio indipendenti. Nel febbraio 2020 il secondo singolo estratto da “Galline Elettriche” è “Sono una bomba!”. Il brano è in premier su Sky Tg 24 e nel giro di poche settimane il singolo riceve più di 30 mila visualizzazioni su Spotify.

Il videoclip viene realizzato da Capibara Lab in quel di Roma. Durante il 2020 si esibiscono svariate volte online, dato la pandemia. Riescono ad essere ospiti del MEI (Meeting Delle Etichette Indipendenti) esibendosi in maniera egregia superando quasi i 200 spettatori online.

Nel 2021 si fa avanti “Artist First” che affiancherà “Sorry Mom!” come etichetta e distribuzione con un contratto triennale. Da qui in poi escono con un buon riscontro, superando le 20 mila visualizzazioni su spotify, due singoli (Ritorno A Cartagena e Uroboro).

“Ritorno A Cartagena” eUroboro”

Anche questa volta i singoli sono accompagnati da 2 videoclip. Il primo, “Ritorno A Cartagena” realizzato da Cabibara Lab di nuovo a Roma ed il secondo “Uroboro” realizzato da Ired film, conosciuti per aver collaborato con artisti del calibro di Clementino e Capararezza.

Uroboro viene menzionato dalla rivista online Rock On. Sempre nello stesso anno i Malbianco vengono selezionati per Sanremo Rock dove parteciperanno durante il tour campano. Nell’ottobre 2021 si esibiscono a Roma, la prima data che organizzata in vista dell’organizzazione di un tour nazionale. Durante l’estate del 2022 uscirà il nuovo album “Dillo Bene”, anticipato dal nuovo singolo “Lady Grey”.

Malbianco sono su Instagram e su Facebook.



We want to say thanks to the author of this post for this amazing web content

“Lady Grey (Electro Pop)”, la reinterpretazione di un brano di Malbianco.

You can view our social media profiles here and other pages on related topics here.http://theghana-italynews.com/related-pages/

) [summary] => Brano con marcate sonorità elettroniche e lo-fi, ma come composizione è una ballata alternative-rock che racconta di un viaggio verso orizzonti lontani e migliori. Il tema centrale di “Lady Grey” di Malbianco è la costante ricerca della redenzione, che convive con innumerevoli tentativi di fuga da una realtà monotona e “stretta”. A questi elementi fa ... Read more [atom_content] =>

Brano con marcate sonorità elettroniche e lo-fi, ma come composizione è una ballata alternative-rock che racconta di un viaggio verso orizzonti lontani e migliori.

Il tema centrale di “Lady Grey” di Malbianco è la costante ricerca della redenzione, che convive con innumerevoli tentativi di fuga da una realtà monotona e “stretta”. A questi elementi fa da sfondo indissolubile la continua lotta per non essere sopraffatti da sé stessi.

“Lady Grey”

Questo pezzo faceva parte del primo demo dei Malbianco del 2014, a quel tempo con sonorità molto più grezze e rabbiose, vicine al punk.

Questa nuova versione denominata electro pop sarà contenuta nell’album di prossima uscita dal titolo “Dillo Bene”.

Il progetto Malbianco 

Malbianco nasce durante il 2014 dall’idea di Carlo Ferraro (voce e chitarra). Dopo aver buttato giù le prime canzoni decide di inciderle e dare alla luce il primo ed omonimo LP. Il disco ha un discreto successo in Campania e viene accompagnato da un mini tour di 5 date. Essere solista però risulta essere troppo restrittivo indi per cui nel 2015, legati da una profonda amicizia, si uniscono anche Antonio Paone (chitarra solista) e Alessandro Salza (basso e drum machine).

Da qui la svolta a livello stilistico; si aggiungono sintetizzatori ed elettronica ed il tutto muta da un alternative rock ad un indie rock svecchiato e fresco.

“Bloom Boom”

Durante il 2015 esce “Bloom Boom” secondo disco di Malbianco, il vero sound della band è pronto! Durante questo periodo e negli anni successivi il disco fa da gancio traino per un discreto successo non solo in Campania ma anche in tutta Italia, soprattutto grazie ai social in particolar modo Instagram. Anche Bloom Boom viene accompagnato da svariati live e qualche mini tour nel corso degli anni.

“Galline Elettriche”

Nel 2019 si lavora già ad un nuovo disco, il terzo della band: “Galline Elettriche”. Il primo singolo estratto è “La collana di Tripo” accompagnato da un videoclip animato. Si sente aria di svolta e durante l’uscita dell’LP completo nel corso del 2020; i ragazzi irpini vengono avvicinati da innumerevoli etichette discografiche indipendenti.

Alla fine scelgono di firmare con “Sorry Mom!” etichetta indipendente veneta. Accompagnati dal manager Luca Bernardoni cominciano ad affacciarsi alle prime riviste specializzate e alle radio indipendenti. Nel febbraio 2020 il secondo singolo estratto da “Galline Elettriche” è “Sono una bomba!”. Il brano è in premier su Sky Tg 24 e nel giro di poche settimane il singolo riceve più di 30 mila visualizzazioni su Spotify.

Il videoclip viene realizzato da Capibara Lab in quel di Roma. Durante il 2020 si esibiscono svariate volte online, dato la pandemia. Riescono ad essere ospiti del MEI (Meeting Delle Etichette Indipendenti) esibendosi in maniera egregia superando quasi i 200 spettatori online.

Nel 2021 si fa avanti “Artist First” che affiancherà “Sorry Mom!” come etichetta e distribuzione con un contratto triennale. Da qui in poi escono con un buon riscontro, superando le 20 mila visualizzazioni su spotify, due singoli (Ritorno A Cartagena e Uroboro).

“Ritorno A Cartagena” eUroboro”

Anche questa volta i singoli sono accompagnati da 2 videoclip. Il primo, “Ritorno A Cartagena” realizzato da Cabibara Lab di nuovo a Roma ed il secondo “Uroboro” realizzato da Ired film, conosciuti per aver collaborato con artisti del calibro di Clementino e Capararezza.

Uroboro viene menzionato dalla rivista online Rock On. Sempre nello stesso anno i Malbianco vengono selezionati per Sanremo Rock dove parteciperanno durante il tour campano. Nell’ottobre 2021 si esibiscono a Roma, la prima data che organizzata in vista dell’organizzazione di un tour nazionale. Durante l’estate del 2022 uscirà il nuovo album “Dillo Bene”, anticipato dal nuovo singolo “Lady Grey”.

Malbianco sono su Instagram e su Facebook.



We want to say thanks to the author of this post for this amazing web content

“Lady Grey (Electro Pop)”, la reinterpretazione di un brano di Malbianco.

You can view our social media profiles here and other pages on related topics here.http://theghana-italynews.com/related-pages/

) [3] => Array ( [title] => Goffredo Fofi: sono nato scemo, morirò cretino di [link] => http://theghana-italynews.com/books/goffredo-fofi-sono-nato-scemo-moriro-cretino-di/ [dc] => Array ( [creator] => Laura Surber ) [pubdate] => Thu, 07 Jul 2022 03:18:01 +0000 [category] => BookscretinoFofiGoffredomoriròNatoscemosono [guid] => http://theghana-italynews.com/?p=11937 [description] => Tutte le mattine, da ben più di mezzo secolo, Goffredo Fofi si alza a ore antelucane e scrive uno o due articoli. Fino a che era possibile pestava le dita sulle Olivetti elettroniche, poi si è dovuto rassegnare al più silenzioso PC. Impossibile provare a ricostruire una bibliografia davanti a una produzione sterminata. L’ultimo tentativo ... Read more [content] => Array ( [encoded] =>

Tutte le mattine, da ben più di mezzo secolo, Goffredo Fofi si alza a ore antelucane e scrive uno o due articoli. Fino a che era possibile pestava le dita sulle Olivetti elettroniche, poi si è dovuto rassegnare al più silenzioso PC. Impossibile provare a ricostruire una bibliografia davanti a una produzione sterminata. L’ultimo tentativo lo aveva fatto, in occasione dei 60 anni del nostro, Giuseppe Fonseca, ma è passato un quarto di secolo e il ritmo non accenna a diminuire. Due libri usciti da poco invitano a fare un bilancio sul suo ruolo nella cultura e nella società italiana: Caro agli dèi (E/O), una serie di ritratti di amici e sodali morti in genere giovani, e Sono nato scemo, morirò cretino. Scritti 1956-2021 (Minimum Fax), una ricca antologia curata dallo studioso di cinema, amico e allievo, Emiliano Morreale.

Il punto è che Fofi, se da un lato ha le carte in regola per essere considerato un “grande vecchio” che ha col tempo tentato di diventare saggio, dall’altro ha nell’impazienza e nella curiosità le caratteristiche che meglio lo definiscono. Un impeto giovanile che ancora lo muove alla ricerca di libri, film, spettacoli teatrali, graphic novel e molto altro, ma soprattutto persone che vale la pena conoscere e far conoscere. In lui, a differenza della quasi totalità degli uomini di cultura, non c’è distanza tra il libro e la vita. Morreale, nell’introduzione del libro che deve il suo titolo a un couplet di Nino Taranto, paragona Fofi a due divoratori di cultura e insigni critici come Mario Praz e Alberto Arbasino.

Ci sono punti di contatti, ma Fofi, a differenza dei due, è un caso rarissimo di intellettuale militante di provenienza non borghese e che da questa posizione è stato forse il primo a rivalutare la cultura popolare: non solo l’amato Totò, ma Maciste, la fantascienza, l’avanspettacolo o il fumetto. Il percorso culturale di Fofi può essere seguito percorrendo due strade: o ricordando le riviste a cui ha collaborato, fondato o diretto: ‘Positif’, ‘Quaderni Piacentini’, ‘Ombre rosse’, ‘Linea d’Ombra’, ‘Dove sta Zazà’, ‘Lo Straniero’, ‘Gli Asini’ (che ha appena raggiunto i 100 numeri); oppure i luoghi dove ha vissuto: la natìa Gubbio, la Sicilia dove raggiunse Danilo Dolci nel 1956, Roma, Torino (a cui è legato il libro a cui tiene di più: L’immigrazione meridionale a Torino), Parigi, Napoli, Milano, e poi di nuovo Napoli e Roma, intervallati da spostamenti frequentissimi (fondamentale per lui vivere vicino a una stazione) che l’amico Piergiorgio Giacché definì per celia “il complesso di Chiappucci”, riferendosi a un ciclista popolare negli anni ‘90.

C’è una terza strada per seguire la biografia culturale di Fofi ed è quella di ripercorrere gli incontri con i suoi maestri: Aldo Capitini (il pacifismo), Angelo Zucconi (l’inchiesta sociale), Ranieri Panzieri (il socialismo non dogmatico), Elsa Morante (l’attenzione ‘creaturale’), l’ingombrante Franco Fortini (l’uso o l’abuso del carisma), a cui si possono aggiungere punti di riferimento come Manlio Rossi Doria, Rocco Mazzarone, Ada Gobetti e altre donne da cui ha appreso molto, come scrive nell’introduzione di Caro agli dèi. È un elenco incompleto e bisogna fare almeno un altro nome: Elio Vittorini, modello imprescindibile per chi ha fatto cultura attraverso le riviste nel secondo Novecento.

Altre caratteristiche si ritrovano in un diario del 1960, ampiamente antologizzato da Morreale: l’attrazione verso le minoranze, il gusto per gli spettacoli popolari, il cinema e la letteratura come abitudine quotidiana, l’eredità famigliare. Dalla mamma direi che ha preso la tenacia, il lavoro giorno per giorno, mentre “il babbo, iroso e umorale (…) quanti difetti mi ha passato”. Fofi raggiunge i genitori a Parigi dove recupera, nei cinema d’essai, tutta la storia del cinema e vive in diretta la rivoluzione della Nouvelle Vague. A quel punto, dopo aver imparato a fare inchiesta nell’esperienza in Sicilia, fin troppo intensa nel periodo di Cortile Cascino, e averla messa a frutto a Torino in un libro che provocò una spaccatura all’interno dell’Einaudi, torna in Italia nella seconda metà degli anni Sessanta.

b

Scrive soprattutto di cinema, collegandolo nelle sue recensioni alle trasformazioni in atto nella società. Il risultato è Il cinema italiano: servi e padroni (Feltrinelli, 1971). Pagine che risultano un po’ invecchiate sul versante dall’analisi dei singoli film (lo stesso Fofi su Fellini, ad esempio, ha cambiato idea), ma che valgono ancora nella denuncia della supposta superiorità morale del nostro cinema impegnato, fonte di equivoci e brutte opere. Il decennio del lungo Sessantotto Fofi lo vive da fratello maggiore e, pur impegnato in Lotta Continua, continua a dividersi tra politica e cultura. È significativo, per comprenderne le posizioni, l’adesione convinta allo sforzo di Elsa Morante di scrivere con La storia un libro per tutti, e il rifiuto delle Città invisibili di Italo Calvino che risultano un raffinatissimo gioco letterario ma non è quello che il critico vorrebbe dallo scrittore ligure in quel momento storico.

Le potenzialità inespresse di quelle trasformazioni sociali, in ogni caso avvenute, si colgono nei ricordi di Maurizio Flores d’Arcais e di Marco Lombardo-Radice. Il lascito di quella generazione Fofi lo andrà cercare negli anni successivi tra gli operatori sociali più aperti, tra i preti coraggiosi e tra gli educatori più aggiornati, mai rassegnandosi a un ritorno all’ordine. 

‘Linea d’Ombra’ fondata a Milano nel 1983, corrisponde, all’acquisita maturità per Fofi. È un momento di ripiegamento per la Nuova sinistra, una generazione di grandi scrittori sta lasciando la scena senza essere rimpiazzata, l’intera società sta andando da un’altra parte. La rivista ha il merito primario di riunire i non rassegnati e, tra le altre cose, di scoprire per prima la letteratura dell’ex colonie, di trovare nuove forme di narrazione al di fuori del romanzo, di segnalare nuovi talenti in diversi campi espressivi, a partire dalle illustrazioni delle bellissime copertine.

Sono anche gli anni del crollo del comunismo che per la rivista non significa la fine della lotta di classe, ma la ricerca di nuovi esempi, nuove strade da imboccare. C’è anche una maggiore autorevolezza di Fofi, che non ha mai smesso di imparare dagli incontri della vita, come osservatore della società. Ne danno conto le stroncature di Bertolucci, Veltroni, Arbore, Scalfari, Benigni, qui antologizzate, ma molti altri sono stati oggetto di “plausi e botte”. In alcuni casi seguono riconciliazioni. Ricordo che quando Olmi girò Il mestiere delle armi, dopo una serie di film di qualità inferiore rispetto ai primi, Fofi voleva dargli un premio come miglior esordiente di quell’anno.

Innumerevoli poi i litigi (“di Parma e Piacenza, possiamo farne senza”) e gli armistizi con Bernardo Bertolucci e Marco Bellocchio. Il tratto comune di queste critiche è il rifiuto del midcult, la categoria individuata da Dwight MacDonald per definire la paccottiglia culturale ammantata in vesti solenni (Benigni che riduce la Shoah a un’occasione per spargere buoni sentimenti, per fare un solo esempio). Molte belle risultano le pagine dedicate all’osservazione delle trasformazioni del costume: l’ossessione italiana per il cibo, il ballo, l’umanità colta sui treni oppure chi si incontra sulla metropolitana di Roma alle sei del mattino.

Fofi è un non riconciliato, a volte il disprezzo per il presente risulta un po’ meccanico, ma è sempre attento a distinguere tra produzione culturale (sempre esigua, da cogliere ai margini della vita collettiva) e consumi culturali che è quello che oggi si intende solitamente per cultura: i festival, i bestseller, oppure l’aggiornamento tecnologico della scuola in cui si confondono i mezzi con i fini. Si leggono con commozione i ricordi di amici come Luca Rastello e Alessandro Leogrande, esempi fulgidi perché impegnati a incidere nel proprio tempo. Per finire un consiglio: Fofi è uno dei pochi a conoscere l’Italia quasi palmo a palmo: sarebbe utile riunire i suoi scritti in un’antologia secondo un criterio geografico. Ne risulterebbe una mappa in grado di spiegare molte cose sul nostro Paese.

We would like to thank the author of this post for this amazing content

Goffredo Fofi: sono nato scemo, morirò cretino di

Our social media profiles here as well as other related pages herehttp://theghana-italynews.com/related-pages/

) [summary] => Tutte le mattine, da ben più di mezzo secolo, Goffredo Fofi si alza a ore antelucane e scrive uno o due articoli. Fino a che era possibile pestava le dita sulle Olivetti elettroniche, poi si è dovuto rassegnare al più silenzioso PC. Impossibile provare a ricostruire una bibliografia davanti a una produzione sterminata. L’ultimo tentativo ... Read more [atom_content] =>

Tutte le mattine, da ben più di mezzo secolo, Goffredo Fofi si alza a ore antelucane e scrive uno o due articoli. Fino a che era possibile pestava le dita sulle Olivetti elettroniche, poi si è dovuto rassegnare al più silenzioso PC. Impossibile provare a ricostruire una bibliografia davanti a una produzione sterminata. L’ultimo tentativo lo aveva fatto, in occasione dei 60 anni del nostro, Giuseppe Fonseca, ma è passato un quarto di secolo e il ritmo non accenna a diminuire. Due libri usciti da poco invitano a fare un bilancio sul suo ruolo nella cultura e nella società italiana: Caro agli dèi (E/O), una serie di ritratti di amici e sodali morti in genere giovani, e Sono nato scemo, morirò cretino. Scritti 1956-2021 (Minimum Fax), una ricca antologia curata dallo studioso di cinema, amico e allievo, Emiliano Morreale.

Il punto è che Fofi, se da un lato ha le carte in regola per essere considerato un “grande vecchio” che ha col tempo tentato di diventare saggio, dall’altro ha nell’impazienza e nella curiosità le caratteristiche che meglio lo definiscono. Un impeto giovanile che ancora lo muove alla ricerca di libri, film, spettacoli teatrali, graphic novel e molto altro, ma soprattutto persone che vale la pena conoscere e far conoscere. In lui, a differenza della quasi totalità degli uomini di cultura, non c’è distanza tra il libro e la vita. Morreale, nell’introduzione del libro che deve il suo titolo a un couplet di Nino Taranto, paragona Fofi a due divoratori di cultura e insigni critici come Mario Praz e Alberto Arbasino.

Ci sono punti di contatti, ma Fofi, a differenza dei due, è un caso rarissimo di intellettuale militante di provenienza non borghese e che da questa posizione è stato forse il primo a rivalutare la cultura popolare: non solo l’amato Totò, ma Maciste, la fantascienza, l’avanspettacolo o il fumetto. Il percorso culturale di Fofi può essere seguito percorrendo due strade: o ricordando le riviste a cui ha collaborato, fondato o diretto: ‘Positif’, ‘Quaderni Piacentini’, ‘Ombre rosse’, ‘Linea d’Ombra’, ‘Dove sta Zazà’, ‘Lo Straniero’, ‘Gli Asini’ (che ha appena raggiunto i 100 numeri); oppure i luoghi dove ha vissuto: la natìa Gubbio, la Sicilia dove raggiunse Danilo Dolci nel 1956, Roma, Torino (a cui è legato il libro a cui tiene di più: L’immigrazione meridionale a Torino), Parigi, Napoli, Milano, e poi di nuovo Napoli e Roma, intervallati da spostamenti frequentissimi (fondamentale per lui vivere vicino a una stazione) che l’amico Piergiorgio Giacché definì per celia “il complesso di Chiappucci”, riferendosi a un ciclista popolare negli anni ‘90.

C’è una terza strada per seguire la biografia culturale di Fofi ed è quella di ripercorrere gli incontri con i suoi maestri: Aldo Capitini (il pacifismo), Angelo Zucconi (l’inchiesta sociale), Ranieri Panzieri (il socialismo non dogmatico), Elsa Morante (l’attenzione ‘creaturale’), l’ingombrante Franco Fortini (l’uso o l’abuso del carisma), a cui si possono aggiungere punti di riferimento come Manlio Rossi Doria, Rocco Mazzarone, Ada Gobetti e altre donne da cui ha appreso molto, come scrive nell’introduzione di Caro agli dèi. È un elenco incompleto e bisogna fare almeno un altro nome: Elio Vittorini, modello imprescindibile per chi ha fatto cultura attraverso le riviste nel secondo Novecento.

Altre caratteristiche si ritrovano in un diario del 1960, ampiamente antologizzato da Morreale: l’attrazione verso le minoranze, il gusto per gli spettacoli popolari, il cinema e la letteratura come abitudine quotidiana, l’eredità famigliare. Dalla mamma direi che ha preso la tenacia, il lavoro giorno per giorno, mentre “il babbo, iroso e umorale (…) quanti difetti mi ha passato”. Fofi raggiunge i genitori a Parigi dove recupera, nei cinema d’essai, tutta la storia del cinema e vive in diretta la rivoluzione della Nouvelle Vague. A quel punto, dopo aver imparato a fare inchiesta nell’esperienza in Sicilia, fin troppo intensa nel periodo di Cortile Cascino, e averla messa a frutto a Torino in un libro che provocò una spaccatura all’interno dell’Einaudi, torna in Italia nella seconda metà degli anni Sessanta.

b

Scrive soprattutto di cinema, collegandolo nelle sue recensioni alle trasformazioni in atto nella società. Il risultato è Il cinema italiano: servi e padroni (Feltrinelli, 1971). Pagine che risultano un po’ invecchiate sul versante dall’analisi dei singoli film (lo stesso Fofi su Fellini, ad esempio, ha cambiato idea), ma che valgono ancora nella denuncia della supposta superiorità morale del nostro cinema impegnato, fonte di equivoci e brutte opere. Il decennio del lungo Sessantotto Fofi lo vive da fratello maggiore e, pur impegnato in Lotta Continua, continua a dividersi tra politica e cultura. È significativo, per comprenderne le posizioni, l’adesione convinta allo sforzo di Elsa Morante di scrivere con La storia un libro per tutti, e il rifiuto delle Città invisibili di Italo Calvino che risultano un raffinatissimo gioco letterario ma non è quello che il critico vorrebbe dallo scrittore ligure in quel momento storico.

Le potenzialità inespresse di quelle trasformazioni sociali, in ogni caso avvenute, si colgono nei ricordi di Maurizio Flores d’Arcais e di Marco Lombardo-Radice. Il lascito di quella generazione Fofi lo andrà cercare negli anni successivi tra gli operatori sociali più aperti, tra i preti coraggiosi e tra gli educatori più aggiornati, mai rassegnandosi a un ritorno all’ordine. 

‘Linea d’Ombra’ fondata a Milano nel 1983, corrisponde, all’acquisita maturità per Fofi. È un momento di ripiegamento per la Nuova sinistra, una generazione di grandi scrittori sta lasciando la scena senza essere rimpiazzata, l’intera società sta andando da un’altra parte. La rivista ha il merito primario di riunire i non rassegnati e, tra le altre cose, di scoprire per prima la letteratura dell’ex colonie, di trovare nuove forme di narrazione al di fuori del romanzo, di segnalare nuovi talenti in diversi campi espressivi, a partire dalle illustrazioni delle bellissime copertine.

Sono anche gli anni del crollo del comunismo che per la rivista non significa la fine della lotta di classe, ma la ricerca di nuovi esempi, nuove strade da imboccare. C’è anche una maggiore autorevolezza di Fofi, che non ha mai smesso di imparare dagli incontri della vita, come osservatore della società. Ne danno conto le stroncature di Bertolucci, Veltroni, Arbore, Scalfari, Benigni, qui antologizzate, ma molti altri sono stati oggetto di “plausi e botte”. In alcuni casi seguono riconciliazioni. Ricordo che quando Olmi girò Il mestiere delle armi, dopo una serie di film di qualità inferiore rispetto ai primi, Fofi voleva dargli un premio come miglior esordiente di quell’anno.

Innumerevoli poi i litigi (“di Parma e Piacenza, possiamo farne senza”) e gli armistizi con Bernardo Bertolucci e Marco Bellocchio. Il tratto comune di queste critiche è il rifiuto del midcult, la categoria individuata da Dwight MacDonald per definire la paccottiglia culturale ammantata in vesti solenni (Benigni che riduce la Shoah a un’occasione per spargere buoni sentimenti, per fare un solo esempio). Molte belle risultano le pagine dedicate all’osservazione delle trasformazioni del costume: l’ossessione italiana per il cibo, il ballo, l’umanità colta sui treni oppure chi si incontra sulla metropolitana di Roma alle sei del mattino.

Fofi è un non riconciliato, a volte il disprezzo per il presente risulta un po’ meccanico, ma è sempre attento a distinguere tra produzione culturale (sempre esigua, da cogliere ai margini della vita collettiva) e consumi culturali che è quello che oggi si intende solitamente per cultura: i festival, i bestseller, oppure l’aggiornamento tecnologico della scuola in cui si confondono i mezzi con i fini. Si leggono con commozione i ricordi di amici come Luca Rastello e Alessandro Leogrande, esempi fulgidi perché impegnati a incidere nel proprio tempo. Per finire un consiglio: Fofi è uno dei pochi a conoscere l’Italia quasi palmo a palmo: sarebbe utile riunire i suoi scritti in un’antologia secondo un criterio geografico. Ne risulterebbe una mappa in grado di spiegare molte cose sul nostro Paese.

We would like to thank the author of this post for this amazing content

Goffredo Fofi: sono nato scemo, morirò cretino di

Our social media profiles here as well as other related pages herehttp://theghana-italynews.com/related-pages/

) [4] => Array ( [title] => Lavorare nell’arte? Tante opportunità anche in luglio [link] => http://theghana-italynews.com/art/lavorare-nellarte-tante-opportunita-anche-in-luglio/ [dc] => Array ( [creator] => Michael Backman ) [pubdate] => Thu, 07 Jul 2022 02:37:35 +0000 [category] => Artanchelavorareluglionellarteopportunitàtante [guid] => https://theghana-italynews.com/?p=11932 [description] => Teatro, formazione, fotografia, arte, fumetto, illustrazione e grafica sono gli ambiti di interesse dei bandi, delle offerte di lavoro e delle opportunità in senso più ampio che vi proponiamo questa settimana. Attori, autori performer compagnie, artisti visivi, fotografi e instagrammer, fumettisti, illustratori e grafici sono i professionisti a cui si rivolgono le offerte di lavoro ... Read more [content] => Array ( [encoded] =>

Teatro, formazione, fotografia, arte, fumetto, illustrazione e grafica sono gli ambiti di interesse dei bandi, delle offerte di lavoro e delle opportunità in senso più ampio che vi proponiamo questa settimana.

Attori, autori performer compagnie, artisti visivi, fotografi e instagrammer, fumettisti, illustratori e grafici sono i professionisti a cui si rivolgono le offerte di lavoro che abbiamo selezionato per voi questa settimana. In questo spazio diamo, infatti, una breve panoramica degli ultimi bandi aperti recentemente in Italia o prossimi alla scadenza, e alle opportunità (anche senza scopo di lucro) da cogliere al volo. Vi ricordiamo che su Facebook trovate il gruppo Artribune Jobs: vi invitiamo a iscrivervi per poter contribuire alla condivisione di bandi, concorsi, opportunità, spunti e offerte in ambito creativo. Intanto, ecco 5 proposte da tenere presente…

-Claudia Giraud

1. ACTORS POETRY FESTIVAL – ONLINE IL BANDO


Catania Teatro Bellini interno, ph Superbizzu, fonte Wikimedia

ActorsPoetryFestival 11th – un progetto sul teatro e sulla drammaturgia – e gli Spin-off Dubbing Glamour Festival 4th sul doppiaggio, sul cinema e sull’audiovisivo, che comprende anche le sezioni audiolibri e speakering e Poetry Connections Festival 2nd – un’estensione di ActorsPoetry Festival dedicato alla poesia – debuttano per l’edizione 2022 rilanciando prospettive di occupazione sul mercato del lavoro degli attori e degli autori performer. Per farlo, hanno indetto un bando per attori, autori performer compagnie con l’obiettivo di valorizzare le professioni che coinvolgono la voce degli attori e la scrittura di nuovi testi teatrali. In palio contratti di lavoro, pubblicazioni e premi fino a 3mila euro.

Scadenza: 10 agosto 2022
https://teatrogag.com/bando-iscrizioni

2. PROFILCULTURA – STAGE REMUNERATO SUPPORTO ATTIVITÀ COMMERCIALE


1657161427 281 Lavorare nellarte Tante opportunita anche in luglio

Profil Cultura

ProfilCultura ha ideato due piattaforme altamente specializzate per la diffusione di annunci di lavoro e offerte formative nei settori della cultura, dei media e della comunicazione. Ora è alla ricerca di una persona che si unica al team nella sede di Ferrara per 6 mesi a partire da luglio per attività di: sviluppo della rete di contatti istituzioni e aziende operanti nelle Arti dello Spettacolo, Beni Culturali, Editoria, Audiovisivo e Comunicazione; creazione nuove opportunità commerciali; supporto all’attività di digital marketing; supporto nell’attività amministrativa. La remunerazione prevista è di 450 euro.

Scadenza: fino alla copertura della posizione
https://www.profilcultura.it/

3. MÚSES ACCADEMIA EUROPEA DELLE ESSENZE – CONTEST PER FOTOGRAFI E INSTAGRAMMER


1657161427 47 Lavorare nellarte Tante opportunita anche in luglio

Palazzo Taffini, Savigliano sede di Múses, Accademia europea delle essenze

È online il contest organizzato da Múses Accademia Europea delle Essenze di Savigliano – un progetto culturale ed espositivo, ideato dall’Associazione Le Terre dei Savoia, per valorizzare i saperi secolari del Piemonte nella produzione delle erbe officinali – in collaborazione con il gruppo IGers Piemonte e IGersItalia. Fotografi e instagrammer potranno sbizzarrirsi con ritratti, paesaggi, scorci, particolari e inviare scatti che per loro rappresentino l’essenza dell’estate e/o l’essenza dell’inatteso. A fine agosto la giuria si riunirà per definire la rosa dei vincitori che si aggiudicheranno delle esperienze sensoriali e la possibilità di partecipare all’Atelier del profumiere a Múses. La premiazione avverrà a Palazzo Taffini, domenica 4 settembre.

Scadenza: 21 agosto 2022
[email protected]
https://musesaccademia.it/

4. EATALY ART HOUSE – PREMIO E.ART.H. PER ARTISTI UNDER 35


1657161427 730 Lavorare nellarte Tante opportunita anche in luglio

Antica Stazione Frigorifera Specializzata di Verona nuova sede di Eataly e della Eataly Art House. Foto Alessandra Chemollo

Eataly Art House – E.ART.H., nuovo e visionario progetto dedicato alle arti del nostro tempo fortemente voluto da Francesco Farinetti, presidente di Green Pea, Oscar Farinetti, fondatore di Eataly, e Chiara Ventura, manager culturale, aprirà le proprie porte al pubblico a fine settembre 2022 a Verona negli spazi della ex Stazione Frigorifera Specializzata. A sostegno della giovane creatività contemporanea Eataly Art House lancia il “Premio E.ART.H.” con il sostegno di Endes Srl, un riconoscimento a cadenza annuale dedicato ad artisti under trentacinque, coordinato da Matteo Mottin Ramona Ponzini, fondatori di Treti Galaxie. L’argomento indicato per il debutto del nuovo “Premio E.ART.H.” è la biodiversità, per questo E.ART.H. selezionerà artiste e artisti che pongono la promozione della diversità attiva al centro delle loro ricerche, sguardi che abbracciano le differenze come risorsa e pratiche che evidenziano l’unicità virtuosa, focalizzandosi sulla biodiversità del mondo che ci circonda e osservando come le diverse forme di vita prosperano attorno e insieme a noi. Il Premio vuole dunque essere uno strumento di promozione di nuovi modi di guardare alla complessità della vita sul pianeta.

Scadenza: 9 ottobre 2022
https://eatalyarthouse.it/wp-content/

5. THIS IS NOT A LOVE SONG – MODERAT CONTEST DI ILLUSTRAZIONE FUMETTO GRAFICA

Il VIVA! è uno dei più suggestivi festival musicali: ogni anno porta nella splendida Valle d’Itria il meglio del panorama musicale attuale. Quest’anno il festival si svilupperà in quattro giornate dal 4 al 7 agosto 2022 e tra i tantissimi suggestivi nomi che calcheranno i palchi del VIVA! (Jon Hopkins, Tirzah, Alfa Mist, Floating Points, The Cinematic Orchestra, Yasiin Bey, Kokoroko, Slowthai e tantissimi altri) spicca soprattutto quello di Moderat, supergruppo tedesco nato dalla fusione di Apparat e Modeselektor, che già da più di dieci anni si muove da protagonista assoluto nell’ambito elettronico mondiale. TINALS (This Is Not A Love Song) – un’autoproduzione editoriale nata nel 2013 con la collana di cassettine illustrate – in collaborazione con VIVA! Festival lancia così un contest di fumetto, illustrazione e grafica per far disegnare la locandina del live di MODERAT che si terrà il 6 agosto 2022 presso la Masseria Grofoleo a Locorotondo (BA). Quella stessa serata si esibiranno pure Jon Hopkins, Tirzah, Elkka e Bluem.

Scadenza: 24 luglio 2022

Claudia Giraud

Nata a Torino, è laureata in storia dell’arte contemporanea presso il Dams di Torino, con una tesi sulla contaminazione culturale nella produzione pittorica degli anni ’50 di Piero Ruggeri. Giornalista pubblicista, iscritta all’Albo dal 2006, svolge attività giornalistica per testate multimediali e cartacee di settore. Dal 2011 fa parte dello Staff di Direzione di Artribune (www.artribune.com ), è Caporedattore Musica e cura, per il magazine cartaceo, la rubrica “Art Music” dedicata a tutti quei progetti dove il linguaggio musicale si interseca con quello delle arti visive. E’ stata Caporedattore Eventi presso Exibart (www.exibart.com). Ha maturato esperienze professionali nell’ambito della comunicazione (Ufficio stampa “Castello di Rivoli”, “Palazzo Bricherasio”, “Emanuela Bernascone”) ed in particolare ha lavorato come addetto stampa presso la società di consulenza per l’arte contemporanea “Cantiere48” di Torino. Ha svolto attività di redazione quali coordinamento editoriale, realizzazione e relativa impaginazione degli articoli per l’agenzia di stampa specializzata in italiani all’estero “News Italia Press” di Torino. Ha scritto articoli e approfondimenti per diverse testate specializzate e non (SkyArte, Gambero Rosso, Art Weekly Report e Art Report di Monte dei Paschi di Siena, Exibart, Teknemedia, Graphicus, Espoarte, Corriere dell’Arte, La Piazza, Pagina).

We would like to say thanks to the writer of this write-up for this incredible content

Lavorare nell’arte? Tante opportunità anche in luglio

You can view our social media pages here and other pages related to them here.http://theghana-italynews.com/related-pages/

) [summary] => Teatro, formazione, fotografia, arte, fumetto, illustrazione e grafica sono gli ambiti di interesse dei bandi, delle offerte di lavoro e delle opportunità in senso più ampio che vi proponiamo questa settimana. Attori, autori performer compagnie, artisti visivi, fotografi e instagrammer, fumettisti, illustratori e grafici sono i professionisti a cui si rivolgono le offerte di lavoro ... Read more [atom_content] =>

Teatro, formazione, fotografia, arte, fumetto, illustrazione e grafica sono gli ambiti di interesse dei bandi, delle offerte di lavoro e delle opportunità in senso più ampio che vi proponiamo questa settimana.

Attori, autori performer compagnie, artisti visivi, fotografi e instagrammer, fumettisti, illustratori e grafici sono i professionisti a cui si rivolgono le offerte di lavoro che abbiamo selezionato per voi questa settimana. In questo spazio diamo, infatti, una breve panoramica degli ultimi bandi aperti recentemente in Italia o prossimi alla scadenza, e alle opportunità (anche senza scopo di lucro) da cogliere al volo. Vi ricordiamo che su Facebook trovate il gruppo Artribune Jobs: vi invitiamo a iscrivervi per poter contribuire alla condivisione di bandi, concorsi, opportunità, spunti e offerte in ambito creativo. Intanto, ecco 5 proposte da tenere presente…

-Claudia Giraud

1. ACTORS POETRY FESTIVAL – ONLINE IL BANDO


Catania Teatro Bellini interno, ph Superbizzu, fonte Wikimedia

ActorsPoetryFestival 11th – un progetto sul teatro e sulla drammaturgia – e gli Spin-off Dubbing Glamour Festival 4th sul doppiaggio, sul cinema e sull’audiovisivo, che comprende anche le sezioni audiolibri e speakering e Poetry Connections Festival 2nd – un’estensione di ActorsPoetry Festival dedicato alla poesia – debuttano per l’edizione 2022 rilanciando prospettive di occupazione sul mercato del lavoro degli attori e degli autori performer. Per farlo, hanno indetto un bando per attori, autori performer compagnie con l’obiettivo di valorizzare le professioni che coinvolgono la voce degli attori e la scrittura di nuovi testi teatrali. In palio contratti di lavoro, pubblicazioni e premi fino a 3mila euro.

Scadenza: 10 agosto 2022
https://teatrogag.com/bando-iscrizioni

2. PROFILCULTURA – STAGE REMUNERATO SUPPORTO ATTIVITÀ COMMERCIALE


1657161427 281 Lavorare nellarte Tante opportunita anche in luglio

Profil Cultura

ProfilCultura ha ideato due piattaforme altamente specializzate per la diffusione di annunci di lavoro e offerte formative nei settori della cultura, dei media e della comunicazione. Ora è alla ricerca di una persona che si unica al team nella sede di Ferrara per 6 mesi a partire da luglio per attività di: sviluppo della rete di contatti istituzioni e aziende operanti nelle Arti dello Spettacolo, Beni Culturali, Editoria, Audiovisivo e Comunicazione; creazione nuove opportunità commerciali; supporto all’attività di digital marketing; supporto nell’attività amministrativa. La remunerazione prevista è di 450 euro.

Scadenza: fino alla copertura della posizione
https://www.profilcultura.it/

3. MÚSES ACCADEMIA EUROPEA DELLE ESSENZE – CONTEST PER FOTOGRAFI E INSTAGRAMMER


1657161427 47 Lavorare nellarte Tante opportunita anche in luglio

Palazzo Taffini, Savigliano sede di Múses, Accademia europea delle essenze

È online il contest organizzato da Múses Accademia Europea delle Essenze di Savigliano – un progetto culturale ed espositivo, ideato dall’Associazione Le Terre dei Savoia, per valorizzare i saperi secolari del Piemonte nella produzione delle erbe officinali – in collaborazione con il gruppo IGers Piemonte e IGersItalia. Fotografi e instagrammer potranno sbizzarrirsi con ritratti, paesaggi, scorci, particolari e inviare scatti che per loro rappresentino l’essenza dell’estate e/o l’essenza dell’inatteso. A fine agosto la giuria si riunirà per definire la rosa dei vincitori che si aggiudicheranno delle esperienze sensoriali e la possibilità di partecipare all’Atelier del profumiere a Múses. La premiazione avverrà a Palazzo Taffini, domenica 4 settembre.

Scadenza: 21 agosto 2022
[email protected]
https://musesaccademia.it/

4. EATALY ART HOUSE – PREMIO E.ART.H. PER ARTISTI UNDER 35


1657161427 730 Lavorare nellarte Tante opportunita anche in luglio

Antica Stazione Frigorifera Specializzata di Verona nuova sede di Eataly e della Eataly Art House. Foto Alessandra Chemollo

Eataly Art House – E.ART.H., nuovo e visionario progetto dedicato alle arti del nostro tempo fortemente voluto da Francesco Farinetti, presidente di Green Pea, Oscar Farinetti, fondatore di Eataly, e Chiara Ventura, manager culturale, aprirà le proprie porte al pubblico a fine settembre 2022 a Verona negli spazi della ex Stazione Frigorifera Specializzata. A sostegno della giovane creatività contemporanea Eataly Art House lancia il “Premio E.ART.H.” con il sostegno di Endes Srl, un riconoscimento a cadenza annuale dedicato ad artisti under trentacinque, coordinato da Matteo Mottin Ramona Ponzini, fondatori di Treti Galaxie. L’argomento indicato per il debutto del nuovo “Premio E.ART.H.” è la biodiversità, per questo E.ART.H. selezionerà artiste e artisti che pongono la promozione della diversità attiva al centro delle loro ricerche, sguardi che abbracciano le differenze come risorsa e pratiche che evidenziano l’unicità virtuosa, focalizzandosi sulla biodiversità del mondo che ci circonda e osservando come le diverse forme di vita prosperano attorno e insieme a noi. Il Premio vuole dunque essere uno strumento di promozione di nuovi modi di guardare alla complessità della vita sul pianeta.

Scadenza: 9 ottobre 2022
https://eatalyarthouse.it/wp-content/

5. THIS IS NOT A LOVE SONG – MODERAT CONTEST DI ILLUSTRAZIONE FUMETTO GRAFICA

Il VIVA! è uno dei più suggestivi festival musicali: ogni anno porta nella splendida Valle d’Itria il meglio del panorama musicale attuale. Quest’anno il festival si svilupperà in quattro giornate dal 4 al 7 agosto 2022 e tra i tantissimi suggestivi nomi che calcheranno i palchi del VIVA! (Jon Hopkins, Tirzah, Alfa Mist, Floating Points, The Cinematic Orchestra, Yasiin Bey, Kokoroko, Slowthai e tantissimi altri) spicca soprattutto quello di Moderat, supergruppo tedesco nato dalla fusione di Apparat e Modeselektor, che già da più di dieci anni si muove da protagonista assoluto nell’ambito elettronico mondiale. TINALS (This Is Not A Love Song) – un’autoproduzione editoriale nata nel 2013 con la collana di cassettine illustrate – in collaborazione con VIVA! Festival lancia così un contest di fumetto, illustrazione e grafica per far disegnare la locandina del live di MODERAT che si terrà il 6 agosto 2022 presso la Masseria Grofoleo a Locorotondo (BA). Quella stessa serata si esibiranno pure Jon Hopkins, Tirzah, Elkka e Bluem.

Scadenza: 24 luglio 2022

Claudia Giraud

Nata a Torino, è laureata in storia dell’arte contemporanea presso il Dams di Torino, con una tesi sulla contaminazione culturale nella produzione pittorica degli anni ’50 di Piero Ruggeri. Giornalista pubblicista, iscritta all’Albo dal 2006, svolge attività giornalistica per testate multimediali e cartacee di settore. Dal 2011 fa parte dello Staff di Direzione di Artribune (www.artribune.com ), è Caporedattore Musica e cura, per il magazine cartaceo, la rubrica “Art Music” dedicata a tutti quei progetti dove il linguaggio musicale si interseca con quello delle arti visive. E’ stata Caporedattore Eventi presso Exibart (www.exibart.com). Ha maturato esperienze professionali nell’ambito della comunicazione (Ufficio stampa “Castello di Rivoli”, “Palazzo Bricherasio”, “Emanuela Bernascone”) ed in particolare ha lavorato come addetto stampa presso la società di consulenza per l’arte contemporanea “Cantiere48” di Torino. Ha svolto attività di redazione quali coordinamento editoriale, realizzazione e relativa impaginazione degli articoli per l’agenzia di stampa specializzata in italiani all’estero “News Italia Press” di Torino. Ha scritto articoli e approfondimenti per diverse testate specializzate e non (SkyArte, Gambero Rosso, Art Weekly Report e Art Report di Monte dei Paschi di Siena, Exibart, Teknemedia, Graphicus, Espoarte, Corriere dell’Arte, La Piazza, Pagina).

We would like to say thanks to the writer of this write-up for this incredible content

Lavorare nell’arte? Tante opportunità anche in luglio

You can view our social media pages here and other pages related to them here.http://theghana-italynews.com/related-pages/

) [5] => Array ( [title] => Fedez racconta come ha scoperto la malattia e come ha reagito la Ferragni [link] => http://theghana-italynews.com/celebrities/fedez-racconta-come-ha-scoperto-la-malattia-e-come-ha-reagito-la-ferragni/ [dc] => Array ( [creator] => Susan Street ) [pubdate] => Thu, 07 Jul 2022 02:26:44 +0000 [category] => CelebritiesFedezFerragnimalattiaraccontareagitoscoperto [guid] => https://theghana-italynews.com/?p=11930 [description] => Fedez è uno dei personaggi più seguiti a apprezzati dal pubblico italiano, e non solo per la sua carriera artistica ma anche per il suo carattere e il suo modo di fare, che molto spesso lo porta a condividere la quotidianità con i suoi numerosissimi fan. Tra le varie cose che ha voluto condividere c’è ... Read more [content] => Array ( [encoded] =>

Fedez è uno dei personaggi più seguiti a apprezzati dal pubblico italiano, e non solo per la sua carriera artistica ma anche per il suo carattere e il suo modo di fare, che molto spesso lo porta a condividere la quotidianità con i suoi numerosissimi fan.

Tra le varie cose che ha voluto condividere c’è anche quella inerente al suo problema di salute, ovvero un tumore al pancreas, che qualche mese fa lo ha costretto a subire un intervento abbastanza complicato. A tornare sull’argomento è stato proprio il rapper intervistato da Vanity Fair, partendo da come si sente dopo quello che è accaduto:

Bene. A parte il problema che dopo l’intervento mi sveglio sempre alle cinque del mattino. E non conta se vado a letto tardi. È come una maledizione. Devo fare i conti con questa nuova fase. Con le medicine. Gli integratori. Gli enzimi pancreatici.

Poi il marito di Chiara Ferragni ha rivelato come ha scoperto di avere il tumore e quale è stata la sua prima reazione:

Destino. Fortuna. La chiami come vuole. Faccio un esame generale ogni sei mesi. Quando è arrivato il giorno dell’appuntamento, ho litigato con Chiara e mi sono presentato con due ore di ritardo. Mentre mi visitavano, è passata di lì, per caso, una dottoressa che non doveva passare di lì. Ha guardato il monitor e ha ritenuto che il mio pancreas non fosse proprio nella norma. Le devo la vita. […] Ho avuto paura. Però ho voluto sapere tutto. Tutto. I medici sono stati chiari: da questa operazione puoi uscire vivo, morire nei giorni successivi, oppure non farcela durante l’intervento. È durata sei ore e mezza. Ma è andata bene e ora sono fuori pericolo, diciamo, al 99 per cento.

La malattia e l’operazione hanno cambiato radicalmente non solo la vita del rapper ma anche il suo atteggiamento nei confronti dei figli e degli altri:

Penso che nella vita si cambi sempre. Però poi ci sono avvenimenti che ti fanno cambiare profondamente. Sì, sono cambiato tantissimo. E sì, mi sono successe cose che avrei preferito non accadessero, ma l’epilogo mi fa ritenere molto fortunato. Mi tocco sempre i coglioni quando dico queste cose! […] Non sono cambiato soltanto con loro. Sono cambiato con tutti. Ho compreso soprattutto quanto sia una perdita di tempo prestare il fianco a polemiche facili. Una volta mi facevo guidare dalla pancia, adesso ho priorità diverse perché il tempo che abbiamo su questa terra è limitato. E io non lo voglio più sprecare.

Sempre nel corso dell’intervista Fedez ha poi parlato dei suoi figli, Leone e Vittoria, e ha confidato quale è la cosa che gli fa più paura:

Vittoria è atipica. Mi ripetevano: vedrai come sarà legata al papà. In realtà è indipendente, al momento non ha un attaccamento preciso a qualcuno. Sono io ad avere un attaccamento speciale a lei. Anche a Leone, ovvio. Con mia figlia, però, sento proprio il bisogno, il desiderio di respirarla. […] Ora ho sempre paura di morire. Il mio mantra è uno: vivere abbastanza per essere ricordato dai miei figli. Lo so, è un mantra un po’ triste, ma è l’unica cosa veramente importante per me. La vera paura è che mi possa venire una recidiva. Però non dovrebbe succedere. E non succederà.

Mentre per quanto riguarda il suo rapporto con la Ferragni, Fedez ha dichiarato:

Quando accade un avvenimento come questo comprendi che la tua sofferenza è quasi minore rispetto a quella di chi sta al tuo fianco e fa di tutto per non farla trapelare, per nasconderla pur di supportarti, di darti la carica. Un evento del genere non può che fortificare un rapporto. Io non ho dubbi: quello che ci è accaduto ha rafforzato in maniera granitica il nostro rapporto.

Infine Fedez ha ammesso che né LeoneVittoria conosceranno mai la ‘fame’, ma che nonostante ciò cercherà di trasmettergli dei valori fondamentali:

Bisogna mettersi l’anima in pace e comprendere che il percorso dei genitori non potrà mai essere lo stesso dei figli. Bisogna cercare di trasmettere loro i valori e soprattutto ricordare quanto siano fortunati, far capire lo stato di privilegio in cui vivono. E poi è importante cercare di coinvolgerli: voglio portarli da Tog, voglio che quando saranno grandi vadano a dare una mano e che siano parte attiva delle iniziative che il papà porterà avanti.

We wish to say thanks to the author of this write-up for this remarkable web content

Fedez racconta come ha scoperto la malattia e come ha reagito la Ferragni

You can view our social media pages here and additional related pages here.http://theghana-italynews.com/related-pages/

) [summary] => Fedez è uno dei personaggi più seguiti a apprezzati dal pubblico italiano, e non solo per la sua carriera artistica ma anche per il suo carattere e il suo modo di fare, che molto spesso lo porta a condividere la quotidianità con i suoi numerosissimi fan. Tra le varie cose che ha voluto condividere c’è ... Read more [atom_content] =>

Fedez è uno dei personaggi più seguiti a apprezzati dal pubblico italiano, e non solo per la sua carriera artistica ma anche per il suo carattere e il suo modo di fare, che molto spesso lo porta a condividere la quotidianità con i suoi numerosissimi fan.

Tra le varie cose che ha voluto condividere c’è anche quella inerente al suo problema di salute, ovvero un tumore al pancreas, che qualche mese fa lo ha costretto a subire un intervento abbastanza complicato. A tornare sull’argomento è stato proprio il rapper intervistato da Vanity Fair, partendo da come si sente dopo quello che è accaduto:

Bene. A parte il problema che dopo l’intervento mi sveglio sempre alle cinque del mattino. E non conta se vado a letto tardi. È come una maledizione. Devo fare i conti con questa nuova fase. Con le medicine. Gli integratori. Gli enzimi pancreatici.

Poi il marito di Chiara Ferragni ha rivelato come ha scoperto di avere il tumore e quale è stata la sua prima reazione:

Destino. Fortuna. La chiami come vuole. Faccio un esame generale ogni sei mesi. Quando è arrivato il giorno dell’appuntamento, ho litigato con Chiara e mi sono presentato con due ore di ritardo. Mentre mi visitavano, è passata di lì, per caso, una dottoressa che non doveva passare di lì. Ha guardato il monitor e ha ritenuto che il mio pancreas non fosse proprio nella norma. Le devo la vita. […] Ho avuto paura. Però ho voluto sapere tutto. Tutto. I medici sono stati chiari: da questa operazione puoi uscire vivo, morire nei giorni successivi, oppure non farcela durante l’intervento. È durata sei ore e mezza. Ma è andata bene e ora sono fuori pericolo, diciamo, al 99 per cento.

La malattia e l’operazione hanno cambiato radicalmente non solo la vita del rapper ma anche il suo atteggiamento nei confronti dei figli e degli altri:

Penso che nella vita si cambi sempre. Però poi ci sono avvenimenti che ti fanno cambiare profondamente. Sì, sono cambiato tantissimo. E sì, mi sono successe cose che avrei preferito non accadessero, ma l’epilogo mi fa ritenere molto fortunato. Mi tocco sempre i coglioni quando dico queste cose! […] Non sono cambiato soltanto con loro. Sono cambiato con tutti. Ho compreso soprattutto quanto sia una perdita di tempo prestare il fianco a polemiche facili. Una volta mi facevo guidare dalla pancia, adesso ho priorità diverse perché il tempo che abbiamo su questa terra è limitato. E io non lo voglio più sprecare.

Sempre nel corso dell’intervista Fedez ha poi parlato dei suoi figli, Leone e Vittoria, e ha confidato quale è la cosa che gli fa più paura:

Vittoria è atipica. Mi ripetevano: vedrai come sarà legata al papà. In realtà è indipendente, al momento non ha un attaccamento preciso a qualcuno. Sono io ad avere un attaccamento speciale a lei. Anche a Leone, ovvio. Con mia figlia, però, sento proprio il bisogno, il desiderio di respirarla. […] Ora ho sempre paura di morire. Il mio mantra è uno: vivere abbastanza per essere ricordato dai miei figli. Lo so, è un mantra un po’ triste, ma è l’unica cosa veramente importante per me. La vera paura è che mi possa venire una recidiva. Però non dovrebbe succedere. E non succederà.

Mentre per quanto riguarda il suo rapporto con la Ferragni, Fedez ha dichiarato:

Quando accade un avvenimento come questo comprendi che la tua sofferenza è quasi minore rispetto a quella di chi sta al tuo fianco e fa di tutto per non farla trapelare, per nasconderla pur di supportarti, di darti la carica. Un evento del genere non può che fortificare un rapporto. Io non ho dubbi: quello che ci è accaduto ha rafforzato in maniera granitica il nostro rapporto.

Infine Fedez ha ammesso che né LeoneVittoria conosceranno mai la ‘fame’, ma che nonostante ciò cercherà di trasmettergli dei valori fondamentali:

Bisogna mettersi l’anima in pace e comprendere che il percorso dei genitori non potrà mai essere lo stesso dei figli. Bisogna cercare di trasmettere loro i valori e soprattutto ricordare quanto siano fortunati, far capire lo stato di privilegio in cui vivono. E poi è importante cercare di coinvolgerli: voglio portarli da Tog, voglio che quando saranno grandi vadano a dare una mano e che siano parte attiva delle iniziative che il papà porterà avanti.

We wish to say thanks to the author of this write-up for this remarkable web content

Fedez racconta come ha scoperto la malattia e come ha reagito la Ferragni

You can view our social media pages here and additional related pages here.http://theghana-italynews.com/related-pages/

) [6] => Array ( [title] => Amici, Alex Wyse beccato dopo la rupture con Cosmary: ecco come sta [link] => http://theghana-italynews.com/tv/amici-alex-wyse-beccato-dopo-la-rupture-con-cosmary-ecco-come-sta/ [dc] => Array ( [creator] => Francisco ) [pubdate] => Thu, 07 Jul 2022 01:14:27 +0000 [category] => TVAlexAMICIbeccatoconCosmarydopoEccorupturestaWyse [guid] => https://theghana-italynews.com/?p=11927 [description] => friends The copy cream in the talent show of Maria De Filippi is scoppiata and, little cousin of the announcement, the singer is status paparazzato Publish your 6 July 2022 Alex Wyse and Cosmary Fasanelli if I’m lascivious. I due ex allievi di Friends of Maria De Filippi If I know, I’m sorry, in the ... Read more [content] => Array ( [encoded] =>

friends

The copy cream in the talent show of Maria De Filippi is scoppiata and, little cousin of the announcement, the singer is status paparazzato

Alex Wyse and Cosmary Fasanelli if I’m lascivious. I due ex allievi di Friends of Maria De Filippi If I know, I’m sorry, in the most famous school in Italy and in the successive days at the conclusion of this edition, all of which will proceed well. Poi sono arrivate le primer voci di crisi per l’ormai ex copy ed ecco that Cosmary publicly has scelto di rendere nota la verità dei fatti. The loro storia d’amore is finite, at a distance from mesi dal loro primo incontro under the luci dei riflettori. And I perched the story on the front of the telecamere, the ballerina did not have to fare unless I announced the news on the social network.

That sows this period of rotation for the program of Maria De Filippi. Infatti, semper nella giornata di ieri, sono arrivati ​​gli annunci di addio per a copy of history and a cream gives little di Uomini e Donne. turning ad friendstra le storie che hanno preso inizio nella scuola c’era appunto quella di Alex and Cosmary. I am so much and a fan that I have tifato per questa love story, that però è giunta al capolinea. The singer of Sogni to heaven aveva già fatto capire che qualcosa non andavaduring an’intervista per Casa Chi.

The announcement of the breakup of the former allievi of the talent show of Canale 5 is here, but it seems that they are lasting at the time. Infatti, his Telegram alex wyase has rivelato ai suoi fan la fine della sua storia con Cosmary così:

“Le cose non vanno semper come le vorremmo, da settimane abbiamo interrotto la nostra relazione per motivi dettati da una diversità in molti fattori. Io le vorrò semper bien, mi scuso per avervi fatto aspettare, mi è servito tempo per metabolizzare. Per chi ha pianto e smile with me”

what “da setimane” confirms that the breakage is not arrivata di certo ieri. His Instagram to esporsi ci has thought, invece, the Fasanelli with a long message in cui ha chiesto ai fan di portare rispetto per questo delicate moment. Intanto, proprio ieri, little prima dell’annuncio sulla rupture, Novella2000 has beccato Alexil quale avrebbe affrontato “a piccola disavventura”.

While he was relocating to Milano, he train his cui stava traveling has subito a guasto. Meanwhile, tutti i passeggeri aboard sono scesi a Reggio Emilia, dove hanno atteso l’arrivo di altro treno. Ed ecco che sulla banchina è stata avvistato Alex, who has shown his current state of mind. I consider that if I am lasciati “da settimane”, tale paparazzata è avvenuta dopo la rupture.

“È apparso ai nostri occhi palesemente nervous and irritated. Nonostante qualcuno abbia riconosciuto il singer, Wyse has not given confidence to nessuno, ma solo poche ore dopo abbiamo scoperto il perché”

Sembra che Wyse non fosse only annoying dalla disavventura affrontata during this journey. It seems that the singer is not still living in a calm situation, even though the announcement was made that he would soon be published to spread the news about his break.

Ci sono degli addii e delle separation, also in the world of the spettacolo, che non sono facili da gestire. Tra loro c’è semper estato a rapporto di complicità e securidad entrembi hanno sperato fino al’ltima di poter risolvere le loro divergenze.

It seems that Alex Fosse nervous because of the news that avrebbe dovuto will give to the public and, obviously, because of the fine della sua storia con Cosmary. Undoubtedly, the music will enter to turn the page and repeat the serenity.

We want to give thanks to the author of this article for this incredible web content

Amici, Alex Wyse beccato dopo la rupture con Cosmary: ecco come sta


You can view our social media pages here and other related pages herehttp://theghana-italynews.com/related-pages/

) [summary] => friends The copy cream in the talent show of Maria De Filippi is scoppiata and, little cousin of the announcement, the singer is status paparazzato Publish your 6 July 2022 Alex Wyse and Cosmary Fasanelli if I’m lascivious. I due ex allievi di Friends of Maria De Filippi If I know, I’m sorry, in the ... Read more [atom_content] =>

friends

The copy cream in the talent show of Maria De Filippi is scoppiata and, little cousin of the announcement, the singer is status paparazzato

Alex Wyse and Cosmary Fasanelli if I’m lascivious. I due ex allievi di Friends of Maria De Filippi If I know, I’m sorry, in the most famous school in Italy and in the successive days at the conclusion of this edition, all of which will proceed well. Poi sono arrivate le primer voci di crisi per l’ormai ex copy ed ecco that Cosmary publicly has scelto di rendere nota la verità dei fatti. The loro storia d’amore is finite, at a distance from mesi dal loro primo incontro under the luci dei riflettori. And I perched the story on the front of the telecamere, the ballerina did not have to fare unless I announced the news on the social network.

That sows this period of rotation for the program of Maria De Filippi. Infatti, semper nella giornata di ieri, sono arrivati ​​gli annunci di addio per a copy of history and a cream gives little di Uomini e Donne. turning ad friendstra le storie che hanno preso inizio nella scuola c’era appunto quella di Alex and Cosmary. I am so much and a fan that I have tifato per questa love story, that però è giunta al capolinea. The singer of Sogni to heaven aveva già fatto capire che qualcosa non andavaduring an’intervista per Casa Chi.

The announcement of the breakup of the former allievi of the talent show of Canale 5 is here, but it seems that they are lasting at the time. Infatti, his Telegram alex wyase has rivelato ai suoi fan la fine della sua storia con Cosmary così:

“Le cose non vanno semper come le vorremmo, da settimane abbiamo interrotto la nostra relazione per motivi dettati da una diversità in molti fattori. Io le vorrò semper bien, mi scuso per avervi fatto aspettare, mi è servito tempo per metabolizzare. Per chi ha pianto e smile with me”

what “da setimane” confirms that the breakage is not arrivata di certo ieri. His Instagram to esporsi ci has thought, invece, the Fasanelli with a long message in cui ha chiesto ai fan di portare rispetto per questo delicate moment. Intanto, proprio ieri, little prima dell’annuncio sulla rupture, Novella2000 has beccato Alexil quale avrebbe affrontato “a piccola disavventura”.

While he was relocating to Milano, he train his cui stava traveling has subito a guasto. Meanwhile, tutti i passeggeri aboard sono scesi a Reggio Emilia, dove hanno atteso l’arrivo di altro treno. Ed ecco che sulla banchina è stata avvistato Alex, who has shown his current state of mind. I consider that if I am lasciati “da settimane”, tale paparazzata è avvenuta dopo la rupture.

“È apparso ai nostri occhi palesemente nervous and irritated. Nonostante qualcuno abbia riconosciuto il singer, Wyse has not given confidence to nessuno, ma solo poche ore dopo abbiamo scoperto il perché”

Sembra che Wyse non fosse only annoying dalla disavventura affrontata during this journey. It seems that the singer is not still living in a calm situation, even though the announcement was made that he would soon be published to spread the news about his break.

Ci sono degli addii e delle separation, also in the world of the spettacolo, che non sono facili da gestire. Tra loro c’è semper estato a rapporto di complicità e securidad entrembi hanno sperato fino al’ltima di poter risolvere le loro divergenze.

It seems that Alex Fosse nervous because of the news that avrebbe dovuto will give to the public and, obviously, because of the fine della sua storia con Cosmary. Undoubtedly, the music will enter to turn the page and repeat the serenity.

We want to give thanks to the author of this article for this incredible web content

Amici, Alex Wyse beccato dopo la rupture con Cosmary: ecco come sta


You can view our social media pages here and other related pages herehttp://theghana-italynews.com/related-pages/

) [7] => Array ( [title] => Lecco Film Festival | If part giovedi. Give Verdone to Mentana, tanti gli ospiti [link] => http://theghana-italynews.com/movies/lecco-film-festival-if-part-giovedi-give-verdone-to-mentana-tanti-gli-ospiti/ [dc] => Array ( [creator] => Francisco ) [pubdate] => Thu, 07 Jul 2022 01:08:30 +0000 [category] => MoviesFestivalfilmGiovedìgivegliLeccoMentanaospitiparttantiVerdone [guid] => https://theghana-italynews.com/?p=11924 [description] => Gives the third edition of the Lecco event dedicated to cinema Carlo Verdone l’ospite di punta. Interverranno also Omar Pedrini, Minister Bonetti, Enrico Mentana LECCO – Si accendono i riflettori sul Lecco Film Fest: da domani, giovedì, il capoluogo manzoniano returns ad essere città del cinema for a fine settimana di incontri with attori e ... Read more [content] => Array ( [encoded] =>

Lecco Film Festival If part giovedi Give Verdone to

1657156096 519 Lecco Film Festival If part giovedi Give Verdone to

Gives the third edition of the Lecco event dedicated to cinema

Carlo Verdone l’ospite di punta. Interverranno also Omar Pedrini, Minister Bonetti, Enrico Mentana

1657156096 361 Lecco Film Festival If part giovedi Give Verdone to
1657156096 148 Lecco Film Festival If part giovedi Give Verdone to

LECCO – Si accendono i riflettori sul Lecco Film Fest: da domani, giovedì, il capoluogo manzoniano returns ad essere città del cinema for a fine settimana di incontri with attori e registi, proiezioni e dibattiti with people from the world of communication and the cinematographic industry.

If it’s about the third edition of the festival: “If we partitied in the least favorable conditions, in 2020 in the year of the pandemic, and because of the difficoltà we will do this event, not because of anything superfluous but allora as oggi rappresenta un’occasione per sperare, per condividere” ha sottolineato mons. David Milani, Prevost of Lecco and president of the Fondazione Ente dello Spettacolo alla guida del festival, carried out in partnership with Confindustria Lecco Sondrio.

Lecco film fest 2022
To the tavolo dei informeri (da destra) Mons. Davide Milani, Plinio Agostoni and Giuseppe Rossetto

“Ringraziamo Confindustria per il sostegno – ha rimarcato mons. Milani – there is a sfida that wants to work assieme for culture and for our community”.

Msgr. Milani intervened at the stamped conference at the start of the festival, insieme the president of industrialists Pliny Agostoni and Giuseppe Rossettopresident of the Consiglio di Indirizzo e Sorveglianza di EGEA, main sponsor of the rassegna lecchese.

“My heart will think that our world of industry contributes to an event of this type dedicated to cinema – has underlined Agostoni – the cinema talks about life, It is an intrattenimento that introduces a thought, a suggestion of relationship, approfondisce il senso della quotidianità. The printing and the work are part of our life and with this festival we will restore attention and visibility to the territory”.

Plinio Agostoni president Confindustria Lecco Sondrio
Plinio Agostoni president Confindustria Lecco Sondrio

How much a festival eats that può fare da traino allo sviluppo culturale e turistico della città? It will be discussed with the directors of the Festival del Cinema di Torino e di Pesaro, to confront the parrot of experience and the ritorni that have come into the city’s real estate. Of the rest, Lecco and its location have not known of recent a wide interest in international registration and nostrani, as Antonio Albanese He has just finished the riprese of his film and he is the protagonist of the previous edition of the Lecco Film Fest. Giusto ieri, the registrar has contacted Mons. Milani per un ‘in mouth al lupo’ per this new festival al via.

“The light of the city” It is the title of the 2022 edition: “Due parole chiave, luce e città, che significano nourishe le relazioni, la socialita – ha sottolineato Rossetto di Egea – siamo man sponsor convinti, perché la cultura è fundamentale, just thanks to this scopriamo chi really siamo, i nostri valori e dove vogliamo andare”.

Gli appuntamenti più importanti

The theme of the war, of current drama, will open the Sunday festival, Wednesday, with the screening of “Kurdbun – Essere Kurdo” of Fariborz Kamkari at the Cinema Nuovo Aquilone, the convention will continue “La luce sulle città in guerra. Cinema, reportage, podcast: linguaggi diversi per storie semper simili” condotto dalla giornalista Tiziana Ferrario.

Alle 18 l’inaugurazione ufficiale of the festival in Piazza XX Settembre with the institutional authority of the territory, after the 19th interview with Sabrina Impacciatore, attrice e comica interview da Catherine Taricano, film criticism always in piazza XX Settembre.

Lecco film fest 2022

In Piazza Garibaldi invece, ore 21, he ran into Julia Steigerwalt, registered, interviewed Lorenzo Ciofani, journalistic and critical.

Diversi sono gli appuntamenti che si suseguiranno nelle tre giornate successive, da venerdì a domenica (QUI IL COMPLETE PROGRAM). Vi riportiamo i più importanti:

Come here at 4:30 p.m. in Piazza XX September to meet the title “Culture as it shines through the territory: the synergy of diversity attori in the Lecchese territory” with interverranno Attilio FontanaPresident of the Lombardy Region, Francesca ColumboGeneral Cultural Director of BAM Milano Fabio Dadati, president of Lariofiere, Simona Plaza, vice sindaca e assessora alla cultura del Comune di Lecco, Sarah Vitaly, secretary associazione ArchiViVitali. moderate Maurizio Crippa, Deputy Director of Foglio

Alle pray 18:15, in Piazza XX Settembre intervenes Elena Bonetti, Minister for the Pari Opportunità and the Family interviewed by Tiziana Ferrario, journalist and writer.

Lecco film fest 2022

Sabato doppio appuntamento with Carlo Verdone: l’attore e regista dialogherà con mons. Davide Milani, at 4:30 p.m. at the Cinema Teatro Nuovo Aquilone, between 19 and piazza Garibaldi will be interviewed Marina Sannajournalist and film critic of the Rivista del Cinematografo.

Domenica alle 11:30, in piazza XX Settembre ci sarà l’incontro dal titolo “I media e la cultura. Come si evolvono le pagine culturali di giornali e tg?” I intervene Enrico Mentanadirector of TG La7 and Open, agnes pinidirector of La Nazione, Il Resto del Carlino, Il Giorno e Quotidiano Nazionale, Luciano Fontanadirector of Corriere della Sera, Vincenzo Morgantedirector of TV2000 and Radio InBlu.

Alle 19:00, in Piazza XX setembre l’contro con Omar Pedrinisinger-songwriter and musician former leader of Timoria, interviewed by Marta Cagnola, Radio2 gigalist

1657156097 644 Lecco Film Festival If part giovedi Give Verdone to
1657156097 956 Lecco Film Festival If part giovedi Give Verdone to

We wish to say thanks to the author of this post for this outstanding content

Lecco Film Festival | If part giovedi. Give Verdone to Mentana, tanti gli ospiti


Find here our social media profiles and other related pageshttp://theghana-italynews.com/related-pages/

) [summary] => Gives the third edition of the Lecco event dedicated to cinema Carlo Verdone l’ospite di punta. Interverranno also Omar Pedrini, Minister Bonetti, Enrico Mentana LECCO – Si accendono i riflettori sul Lecco Film Fest: da domani, giovedì, il capoluogo manzoniano returns ad essere città del cinema for a fine settimana di incontri with attori e ... Read more [atom_content] =>

Lecco Film Festival If part giovedi Give Verdone to

1657156096 519 Lecco Film Festival If part giovedi Give Verdone to

Gives the third edition of the Lecco event dedicated to cinema

Carlo Verdone l’ospite di punta. Interverranno also Omar Pedrini, Minister Bonetti, Enrico Mentana

1657156096 361 Lecco Film Festival If part giovedi Give Verdone to
1657156096 148 Lecco Film Festival If part giovedi Give Verdone to

LECCO – Si accendono i riflettori sul Lecco Film Fest: da domani, giovedì, il capoluogo manzoniano returns ad essere città del cinema for a fine settimana di incontri with attori e registi, proiezioni e dibattiti with people from the world of communication and the cinematographic industry.

If it’s about the third edition of the festival: “If we partitied in the least favorable conditions, in 2020 in the year of the pandemic, and because of the difficoltà we will do this event, not because of anything superfluous but allora as oggi rappresenta un’occasione per sperare, per condividere” ha sottolineato mons. David Milani, Prevost of Lecco and president of the Fondazione Ente dello Spettacolo alla guida del festival, carried out in partnership with Confindustria Lecco Sondrio.

Lecco film fest 2022
To the tavolo dei informeri (da destra) Mons. Davide Milani, Plinio Agostoni and Giuseppe Rossetto

“Ringraziamo Confindustria per il sostegno – ha rimarcato mons. Milani – there is a sfida that wants to work assieme for culture and for our community”.

Msgr. Milani intervened at the stamped conference at the start of the festival, insieme the president of industrialists Pliny Agostoni and Giuseppe Rossettopresident of the Consiglio di Indirizzo e Sorveglianza di EGEA, main sponsor of the rassegna lecchese.

“My heart will think that our world of industry contributes to an event of this type dedicated to cinema – has underlined Agostoni – the cinema talks about life, It is an intrattenimento that introduces a thought, a suggestion of relationship, approfondisce il senso della quotidianità. The printing and the work are part of our life and with this festival we will restore attention and visibility to the territory”.

Plinio Agostoni president Confindustria Lecco Sondrio
Plinio Agostoni president Confindustria Lecco Sondrio

How much a festival eats that può fare da traino allo sviluppo culturale e turistico della città? It will be discussed with the directors of the Festival del Cinema di Torino e di Pesaro, to confront the parrot of experience and the ritorni that have come into the city’s real estate. Of the rest, Lecco and its location have not known of recent a wide interest in international registration and nostrani, as Antonio Albanese He has just finished the riprese of his film and he is the protagonist of the previous edition of the Lecco Film Fest. Giusto ieri, the registrar has contacted Mons. Milani per un ‘in mouth al lupo’ per this new festival al via.

“The light of the city” It is the title of the 2022 edition: “Due parole chiave, luce e città, che significano nourishe le relazioni, la socialita – ha sottolineato Rossetto di Egea – siamo man sponsor convinti, perché la cultura è fundamentale, just thanks to this scopriamo chi really siamo, i nostri valori e dove vogliamo andare”.

Gli appuntamenti più importanti

The theme of the war, of current drama, will open the Sunday festival, Wednesday, with the screening of “Kurdbun – Essere Kurdo” of Fariborz Kamkari at the Cinema Nuovo Aquilone, the convention will continue “La luce sulle città in guerra. Cinema, reportage, podcast: linguaggi diversi per storie semper simili” condotto dalla giornalista Tiziana Ferrario.

Alle 18 l’inaugurazione ufficiale of the festival in Piazza XX Settembre with the institutional authority of the territory, after the 19th interview with Sabrina Impacciatore, attrice e comica interview da Catherine Taricano, film criticism always in piazza XX Settembre.

Lecco film fest 2022

In Piazza Garibaldi invece, ore 21, he ran into Julia Steigerwalt, registered, interviewed Lorenzo Ciofani, journalistic and critical.

Diversi sono gli appuntamenti che si suseguiranno nelle tre giornate successive, da venerdì a domenica (QUI IL COMPLETE PROGRAM). Vi riportiamo i più importanti:

Come here at 4:30 p.m. in Piazza XX September to meet the title “Culture as it shines through the territory: the synergy of diversity attori in the Lecchese territory” with interverranno Attilio FontanaPresident of the Lombardy Region, Francesca ColumboGeneral Cultural Director of BAM Milano Fabio Dadati, president of Lariofiere, Simona Plaza, vice sindaca e assessora alla cultura del Comune di Lecco, Sarah Vitaly, secretary associazione ArchiViVitali. moderate Maurizio Crippa, Deputy Director of Foglio

Alle pray 18:15, in Piazza XX Settembre intervenes Elena Bonetti, Minister for the Pari Opportunità and the Family interviewed by Tiziana Ferrario, journalist and writer.

Lecco film fest 2022

Sabato doppio appuntamento with Carlo Verdone: l’attore e regista dialogherà con mons. Davide Milani, at 4:30 p.m. at the Cinema Teatro Nuovo Aquilone, between 19 and piazza Garibaldi will be interviewed Marina Sannajournalist and film critic of the Rivista del Cinematografo.

Domenica alle 11:30, in piazza XX Settembre ci sarà l’incontro dal titolo “I media e la cultura. Come si evolvono le pagine culturali di giornali e tg?” I intervene Enrico Mentanadirector of TG La7 and Open, agnes pinidirector of La Nazione, Il Resto del Carlino, Il Giorno e Quotidiano Nazionale, Luciano Fontanadirector of Corriere della Sera, Vincenzo Morgantedirector of TV2000 and Radio InBlu.

Alle 19:00, in Piazza XX setembre l’contro con Omar Pedrinisinger-songwriter and musician former leader of Timoria, interviewed by Marta Cagnola, Radio2 gigalist

1657156097 644 Lecco Film Festival If part giovedi Give Verdone to
1657156097 956 Lecco Film Festival If part giovedi Give Verdone to

We wish to say thanks to the author of this post for this outstanding content

Lecco Film Festival | If part giovedi. Give Verdone to Mentana, tanti gli ospiti


Find here our social media profiles and other related pageshttp://theghana-italynews.com/related-pages/

) [8] => Array ( [title] => Imaging solves mystery of how large HIV protein functions to form infectious virus [link] => http://theghana-italynews.com/science/imaging-solves-mystery-of-how-large-hiv-protein-functions-to-form-infectious-virus/ [dc] => Array ( [creator] => Francisco ) [pubdate] => Thu, 07 Jul 2022 01:04:40 +0000 [category] => scienceformfunctionsHIVimaginginfectiouslargemysteryproteinsolvesvirus [guid] => https://theghana-italynews.com/?p=11922 [description] => Journal Reference: Jerry Joe E. K. Harrison, Dario Oliveira Passos, Jessica F. Bruhn, Joseph D. Bauman, Lynda Tuberty, Jeffrey J. DeStefano, Francesc Xavier Ruiz, Dmitry Lyumkis, Eddy Arnold. Cryo-EM structure of the HIV-1 Pol polyprotein provides insights into virion maturation. Science Advances, 2022; 8 (27) DOI: 10.1126/sciadv.abn9874 “Structure informs function, and the insights we gained ... Read more [content] => Array ( [encoded] =>

Journal Reference:

  1. Jerry Joe E. K. Harrison, Dario Oliveira Passos, Jessica F. Bruhn, Joseph D. Bauman, Lynda Tuberty, Jeffrey J. DeStefano, Francesc Xavier Ruiz, Dmitry Lyumkis, Eddy Arnold. Cryo-EM structure of the HIV-1 Pol polyprotein provides insights into virion maturation. Science Advances, 2022; 8 (27) DOI: 10.1126/sciadv.abn9874

“Structure informs function, and the insights we gained from visualizing the molecular architecture of Pol give us a new understanding of the mechanism by which HIV replicates,” says co-senior author Dmitry Lyumkis, assistant professor in the Laboratory of Genetics and Hearst Foundation Developmental Chair at Salk.

Scientists previously knew that HIV Pol, a polyprotein, breaks into three enzymes — a protease, reverse transcriptase and integrase — that work together to assemble the mature form of the virus. The protease plays a critical role in initiating this process by chopping up the molecule to separate the other components. However, it was previously unknown how the protease itself breaks free, first from the larger polyprotein HIV Gag-Pol and then from HIV Pol, to accomplish this task. The new paper suggests that the protease initiates the process by self-cleaving or cutting itself free from the rest of the molecule, aided by reverse transcriptase and, possibly, integrase.

“It was known (but not understood) that there is a coupling between these enzymes before HIV Pol breaks apart. Visualizing the HIV Pol structure explains the basis for this complex mechanism,” says co-senior author Eddy Arnold, board of governors professor and distinguished professor in the Center for Advanced Biotechnology and Medicine at Rutgers University.

“The first challenge was producing a stable version of HIV Pol so the structure could be analyzed, which had never previously been reported,” says co-first author Jerry Joe Harrison, senior lecturer at the University of Ghana.

“This was a key missing piece of the HIV structural puzzle,” adds Arnold.

The team used cryogenic electron microscopy, an imaging technique to which Lyumkis has made important contributions, to reveal the three-dimensional structure of the HIV pol protein molecule. This led to the discovery that Pol is a dimer, meaning it’s formed by two proteins bound together. The finding was a surprise because other similar viral proteins are single-protein assemblies.

The group showed that in this two-sided structure, the protease component of Pol is “loosely tethered” to the reverse transcriptase component in a binding configuration that keeps the protease slightly flexible.

“It’s holding the protease at arm’s length, loosely, and we believe that gives the protease a little bit of movement, which in turn allows it to initiate the cutting of polyproteins that is a prerequisite for viral maturation,” says co-first author Dario Passos, a former researcher in Lyumkis’ lab at Salk. “Current HIV treatments include multiple classes of inhibitors for all three enzymes, and the discovery also reveals a new vulnerability that could be targeted with drugs.”

The authors say the discovery opens the door for important follow-up research, including studies of the structure of the larger and more complex polyprotein Gag-Pol, also involved in viral assembly, as well as taking a closer look at the role of integrase in assembling the mature form of the HIV virus during replication.

Other authors included Jessica F. Bruhn of Salk; Joseph Bauman, Lynda Tuberty and Francesc Xavier Ruiz of Rutgers; and Jeffrey DeStefano of the University of Maryland.

The work was funded by the National Institutes of Health, International Institute of Education, Fulbright program, Margaret T. Morris Foundation and Hearst Foundations.

We wish to say thanks to the author of this write-up for this awesome material

Imaging solves mystery of how large HIV protein functions to form infectious virus

You can find our social media profiles here as well as other related pages herehttp://theghana-italynews.com/related-pages/

) [summary] => Journal Reference: Jerry Joe E. K. Harrison, Dario Oliveira Passos, Jessica F. Bruhn, Joseph D. Bauman, Lynda Tuberty, Jeffrey J. DeStefano, Francesc Xavier Ruiz, Dmitry Lyumkis, Eddy Arnold. Cryo-EM structure of the HIV-1 Pol polyprotein provides insights into virion maturation. Science Advances, 2022; 8 (27) DOI: 10.1126/sciadv.abn9874 “Structure informs function, and the insights we gained ... Read more [atom_content] =>

Journal Reference:

  1. Jerry Joe E. K. Harrison, Dario Oliveira Passos, Jessica F. Bruhn, Joseph D. Bauman, Lynda Tuberty, Jeffrey J. DeStefano, Francesc Xavier Ruiz, Dmitry Lyumkis, Eddy Arnold. Cryo-EM structure of the HIV-1 Pol polyprotein provides insights into virion maturation. Science Advances, 2022; 8 (27) DOI: 10.1126/sciadv.abn9874

“Structure informs function, and the insights we gained from visualizing the molecular architecture of Pol give us a new understanding of the mechanism by which HIV replicates,” says co-senior author Dmitry Lyumkis, assistant professor in the Laboratory of Genetics and Hearst Foundation Developmental Chair at Salk.

Scientists previously knew that HIV Pol, a polyprotein, breaks into three enzymes — a protease, reverse transcriptase and integrase — that work together to assemble the mature form of the virus. The protease plays a critical role in initiating this process by chopping up the molecule to separate the other components. However, it was previously unknown how the protease itself breaks free, first from the larger polyprotein HIV Gag-Pol and then from HIV Pol, to accomplish this task. The new paper suggests that the protease initiates the process by self-cleaving or cutting itself free from the rest of the molecule, aided by reverse transcriptase and, possibly, integrase.

“It was known (but not understood) that there is a coupling between these enzymes before HIV Pol breaks apart. Visualizing the HIV Pol structure explains the basis for this complex mechanism,” says co-senior author Eddy Arnold, board of governors professor and distinguished professor in the Center for Advanced Biotechnology and Medicine at Rutgers University.

“The first challenge was producing a stable version of HIV Pol so the structure could be analyzed, which had never previously been reported,” says co-first author Jerry Joe Harrison, senior lecturer at the University of Ghana.

“This was a key missing piece of the HIV structural puzzle,” adds Arnold.

The team used cryogenic electron microscopy, an imaging technique to which Lyumkis has made important contributions, to reveal the three-dimensional structure of the HIV pol protein molecule. This led to the discovery that Pol is a dimer, meaning it’s formed by two proteins bound together. The finding was a surprise because other similar viral proteins are single-protein assemblies.

The group showed that in this two-sided structure, the protease component of Pol is “loosely tethered” to the reverse transcriptase component in a binding configuration that keeps the protease slightly flexible.

“It’s holding the protease at arm’s length, loosely, and we believe that gives the protease a little bit of movement, which in turn allows it to initiate the cutting of polyproteins that is a prerequisite for viral maturation,” says co-first author Dario Passos, a former researcher in Lyumkis’ lab at Salk. “Current HIV treatments include multiple classes of inhibitors for all three enzymes, and the discovery also reveals a new vulnerability that could be targeted with drugs.”

The authors say the discovery opens the door for important follow-up research, including studies of the structure of the larger and more complex polyprotein Gag-Pol, also involved in viral assembly, as well as taking a closer look at the role of integrase in assembling the mature form of the HIV virus during replication.

Other authors included Jessica F. Bruhn of Salk; Joseph Bauman, Lynda Tuberty and Francesc Xavier Ruiz of Rutgers; and Jeffrey DeStefano of the University of Maryland.

The work was funded by the National Institutes of Health, International Institute of Education, Fulbright program, Margaret T. Morris Foundation and Hearst Foundations.

We wish to say thanks to the author of this write-up for this awesome material

Imaging solves mystery of how large HIV protein functions to form infectious virus

You can find our social media profiles here as well as other related pages herehttp://theghana-italynews.com/related-pages/

) [9] => Array ( [title] => Deltablues Rock Around the Blues – Sardegna Reporter [link] => http://theghana-italynews.com/music/deltablues-rock-around-the-blues-sardegna-reporter/ [dc] => Array ( [creator] => Charles Gibbons ) [pubdate] => Thu, 07 Jul 2022 01:03:39 +0000 [category] => MusicBluesDeltabluesReporterROCKSardegna [guid] => http://theghana-italynews.com/?p=11919 [description] => Deltablues Rock Around the Blues Deltablues Rock Around the Blues – Archived the “Deltablues Rock Around the Blues” section with a successful public weekend at Rosolina Mare dedicated to Rock & Roll and all music anni ’50, Deltablues 2022 ends with four serate dove gli appassionati potranno gustare a rich concert program with emerging artists ... Read more [content] => Array ( [encoded] =>

Deltablues Rock Around the Blues

Deltablues Rock Around the Blues – Archived the “Deltablues Rock Around the Blues” section with a successful public weekend at Rosolina Mare dedicated to Rock & Roll and all music anni ’50, Deltablues 2022 ends with four serate dove gli appassionati potranno gustare a rich concert program with emerging artists and great international names.

Deltablues Rock Around the Blues – If it starts on July 7 with the third session in Piazza Annonaria, in collaboration with the Rovigo Jazz Club, from 9:00 p.m. onwards, you will see the screening of the three finalist groups of the IBC National Contest organized with the magazine “Il Blues ” and “Rootsway di Parma” for access to the International Blues Challenge of Memphis 2023.

I will continue to listen to the serata, the giovane singer and guitarist Elli de Mon who will present her new artistic project: an acoustic storytelling centered on her book “Countin’ the Blues-Donne Indomite”, commissioned by Arcana Edizioni.

First but, alle ore 19,00, due to passi da piazza Annonaria presso l’enoteca “Sur Lie” nella centralissima piazza Merlin, Deltablues riserva agli appassionati a special event: protagonist Mauro Zambellini who presents his book “The Allman Brothers Band. I ribelli del Southern Rock”, a “Dialogue with the author” with Marco Denti and Antonio Boschi.

The presentation of the book will be accompanied by an “Aperitif in Blues” and tasting products of the Polesine organization in collaboration with Slow Food Rovigo.

The final three days of Deltablues – 35th edition – will be held on Friday 8, Saturday 9 and Sunday 10 at the Arena spettacoli allestita in the big square of the CenSer a rich program with great names of Blues and Jazz music.

Venerdì April 8 will be the Anglo-American singer Sari Schorr Band to follow chiuderanno la serata “Restaurant Man” Joe Bastianich & la Terza Classe that will present the new CD recently published “Good Morning Italia”.

Saturday 9 will come out on the stage of the Maurizio Pugno Festival with the “The Sacromud Pugno Collective” that will open for the concert by Alex Britti who arrogantly returns to his Blues scene with the artistic project “Mojo Tour”.

Domenica 10 Deltablues will conclude with a ben due “big band”: at 9:00 p.m., the Venezze Big Band directed by Maestro Massimo Morganti, who also cares for the arrangements, special ospite the great sassophonist Andy Sheppard, who provided exclusively for the Festival a Tribute to a great of Jazz, Charles Mingus, on the centenary of her birth.

Chiuderà Deltablues thirty-fifth edition of the exclusive concerto nationale della Hypnotic Brass Ensemble explosive brass band from Chicago made up of a sette fratelli, figures of trombettista and jazz composer Kelan Phil Cohran, accompanied by a powerful rhythmic section.


Previous articleProject “Finestre sul chiostro”
successive articleDomani al via l’VIII Cagliari film festival

Deltablues Rock Around the Blues Sardegna Reporter

Michael Bonannini (La Maddalena, August 8, 2000), is an emerging regist, scenegist and writer. He studied at the Liceo Linguistico di La Maddalena, where he graduated in 2019. In 2018, he attended the workshop “Plus Movie And Communication Course”, at the CSUN in Los Angeles, where he studied the history of cinema and copywriting. Throughout 2019 and 2020 he has attended the “Scuola di Altaformazione per Sceneggiatori Cinetelevisivi”, (Associazione Script&Film), where he has learned the story-telling technique and the sceneggiatura cinetelevisiva. His first job was from 2019, when he produced, wrote, directed and performed his first short film: “Arrivederci Casa”, available on YouTube. During the estate 2020 he has produced, written and directed his second short film: “Il Ragazzo Che Collezionava L’Uomo Ragno”, also available on YouTube. The short film is currently competing for the Solinas Prize 2020. In the fall of 2020 it is transferred to Cagliari by frequenting the “Accademia D’Arte di Cagliari”, in the triennial of Creative Writing and Publishing, if it is formatted as a writer, editor, correttore di bozze, blogger, poet and newspaper writer. It is regularly registered at Creative Writers Italia, with recognition from MISE. His first book of his, “Spento: Parole di un cuore spezzato” è in tutte le Librerie e Store Online.

We would love to thank the writer of this article for this outstanding web content

Deltablues Rock Around the Blues – Sardegna Reporter


Find here our social media profiles , as well as other related pageshttp://theghana-italynews.com/related-pages/

) [summary] => Deltablues Rock Around the Blues Deltablues Rock Around the Blues – Archived the “Deltablues Rock Around the Blues” section with a successful public weekend at Rosolina Mare dedicated to Rock & Roll and all music anni ’50, Deltablues 2022 ends with four serate dove gli appassionati potranno gustare a rich concert program with emerging artists ... Read more [atom_content] =>

Deltablues Rock Around the Blues

Deltablues Rock Around the Blues – Archived the “Deltablues Rock Around the Blues” section with a successful public weekend at Rosolina Mare dedicated to Rock & Roll and all music anni ’50, Deltablues 2022 ends with four serate dove gli appassionati potranno gustare a rich concert program with emerging artists and great international names.

Deltablues Rock Around the Blues – If it starts on July 7 with the third session in Piazza Annonaria, in collaboration with the Rovigo Jazz Club, from 9:00 p.m. onwards, you will see the screening of the three finalist groups of the IBC National Contest organized with the magazine “Il Blues ” and “Rootsway di Parma” for access to the International Blues Challenge of Memphis 2023.

I will continue to listen to the serata, the giovane singer and guitarist Elli de Mon who will present her new artistic project: an acoustic storytelling centered on her book “Countin’ the Blues-Donne Indomite”, commissioned by Arcana Edizioni.

First but, alle ore 19,00, due to passi da piazza Annonaria presso l’enoteca “Sur Lie” nella centralissima piazza Merlin, Deltablues riserva agli appassionati a special event: protagonist Mauro Zambellini who presents his book “The Allman Brothers Band. I ribelli del Southern Rock”, a “Dialogue with the author” with Marco Denti and Antonio Boschi.

The presentation of the book will be accompanied by an “Aperitif in Blues” and tasting products of the Polesine organization in collaboration with Slow Food Rovigo.

The final three days of Deltablues – 35th edition – will be held on Friday 8, Saturday 9 and Sunday 10 at the Arena spettacoli allestita in the big square of the CenSer a rich program with great names of Blues and Jazz music.

Venerdì April 8 will be the Anglo-American singer Sari Schorr Band to follow chiuderanno la serata “Restaurant Man” Joe Bastianich & la Terza Classe that will present the new CD recently published “Good Morning Italia”.

Saturday 9 will come out on the stage of the Maurizio Pugno Festival with the “The Sacromud Pugno Collective” that will open for the concert by Alex Britti who arrogantly returns to his Blues scene with the artistic project “Mojo Tour”.

Domenica 10 Deltablues will conclude with a ben due “big band”: at 9:00 p.m., the Venezze Big Band directed by Maestro Massimo Morganti, who also cares for the arrangements, special ospite the great sassophonist Andy Sheppard, who provided exclusively for the Festival a Tribute to a great of Jazz, Charles Mingus, on the centenary of her birth.

Chiuderà Deltablues thirty-fifth edition of the exclusive concerto nationale della Hypnotic Brass Ensemble explosive brass band from Chicago made up of a sette fratelli, figures of trombettista and jazz composer Kelan Phil Cohran, accompanied by a powerful rhythmic section.


Previous articleProject “Finestre sul chiostro”
successive articleDomani al via l’VIII Cagliari film festival

Deltablues Rock Around the Blues Sardegna Reporter

Michael Bonannini (La Maddalena, August 8, 2000), is an emerging regist, scenegist and writer. He studied at the Liceo Linguistico di La Maddalena, where he graduated in 2019. In 2018, he attended the workshop “Plus Movie And Communication Course”, at the CSUN in Los Angeles, where he studied the history of cinema and copywriting. Throughout 2019 and 2020 he has attended the “Scuola di Altaformazione per Sceneggiatori Cinetelevisivi”, (Associazione Script&Film), where he has learned the story-telling technique and the sceneggiatura cinetelevisiva. His first job was from 2019, when he produced, wrote, directed and performed his first short film: “Arrivederci Casa”, available on YouTube. During the estate 2020 he has produced, written and directed his second short film: “Il Ragazzo Che Collezionava L’Uomo Ragno”, also available on YouTube. The short film is currently competing for the Solinas Prize 2020. In the fall of 2020 it is transferred to Cagliari by frequenting the “Accademia D’Arte di Cagliari”, in the triennial of Creative Writing and Publishing, if it is formatted as a writer, editor, correttore di bozze, blogger, poet and newspaper writer. It is regularly registered at Creative Writers Italia, with recognition from MISE. His first book of his, “Spento: Parole di un cuore spezzato” è in tutte le Librerie e Store Online.

We would love to thank the writer of this article for this outstanding web content

Deltablues Rock Around the Blues – Sardegna Reporter


Find here our social media profiles , as well as other related pageshttp://theghana-italynews.com/related-pages/

) ) [channel] => Array ( [title] => Theghana-italynews [link] => http://theghana-italynews.com [lastbuilddate] => Thu, 07 Jul 2022 03:45:08 +0000 [language] => en-US [sy] => Array ( [updateperiod] => hourly [updatefrequency] => 1 ) [generator] => https://wordpress.org/?v=6.0 [tagline] => ) [textinput] => Array ( ) [image] => Array ( ) [feed_type] => RSS [feed_version] => 2.0 [stack] => Array ( ) [inchannel] => [initem] => [incontent] => [intextinput] => [inimage] => [current_field] => [current_namespace] => [ERROR] => [_CONTENT_CONSTRUCTS] => Array ( [0] => content [1] => summary [2] => info [3] => title [4] => tagline [5] => copyright ) [last_modified] => Thu, 07 Jul 2022 04:18:01 GMT [etag] => Rfxw453/js6YC++QYZkBx3FQSl4 )