displaying: https://debatepost.com/feed/

Debatepost
Frölunda’s response to the supporters after massive criticism of the club brand
Zelen hujerstv EU me vst a k vym emism, k zstupce chemiek – iDNES.cz
Football: Wimmer plays in Foda’s focus
Corona measures: Thousands demonstrate for and against them on Monday evening – WELT
Davis Cup: the Argentine team returns to Buenos Aires Lawn Tennis after 16 years
Boycott discussion about the Olympic Winter Games in Beijing
The draw of the quarterfinals: Berrettini and Sinner can find themselves in the final
European: Italy, with Slovenia another equal. Now we need to beat Kazakhstan
Elezioni Presidente della Repubblica, votazione per il Quirinale in diretta: Salvini incontra Letta e Conte, scheda bianca per i grandi partiti
Mkk Nmecko, tvrd Britnie. Zpadu proti Rusku kod i oteven diplomacie – iDNES.cz

MagpieRSS Object
(
    [parser] => Resource id #10
    [current_item] => Array
        (
        )

    [items] => Array
        (
            [0] => Array
                (
                    [title] => Frölunda’s response to the supporters after massive criticism of the club brand
                    [link] => https://debatepost.com/sport/frolundas-response-to-the-supporters-after-massive-criticism-of-the-club-brand/
                    [dc] => Array
                        (
                            [creator] => Ann Moon
                        )

                    [pubdate] => Tue, 25 Jan 2022 01:28:29 +0000
                    [category] => SportbrandClubcriticismFrölundasmassiveresponsesupporters
                    [guid] => https://debatepost.com/?p=11606
                    [description] => Published: Less than 3 hours ago Updated: Less than 40 minutes ago Frölunda has issued an open love letter to the supporters before the launch of the new club brand. Do they apologize in advance? – So surely some can interpret it. But our idea is more to emphasize how important it is for us ... Read more
                    [content] => Array
                        (
                            [encoded] => 

Frölunda has issued an open love letter to the supporters before the launch of the new club brand.

Do they apologize in advance?

– So surely some can interpret it. But our idea is more to emphasize how important it is for us with everyone who loves and sympathizes with our association, says chairman Mats Grauers.

Frölunda will change club brand and last week the SHL club offered a taste of what is to come. A wing or letter (?) In a shade of green – appeared under a white sheet, something that stirred the emotions in the supporter ranks.

Hecky Engeroth, leader of Section 84, which is one of two supporter groups, wrote, among other things: “I’m tired of our association functioning as some kind of wannabe NHL stunt club” and “It is unfortunate that the board in Frölunda HC not let the association’s members be part of the design of the new club brand ”.

Responds to criticism

– He said so. And you can think about how to produce a club brand. We have turned to all supporters and said that they are welcome with suggestions. We have had reference groups where members and supporters have been represented together with experts and others. We think we have found a good process to develop the club brand. Then there are probably many who think that they should have been involved and had their say. But already when we started the process, we told how we would do and then we followed it, says Frölunda’s strong man – chairman Mats Grauers

Could you have let them be more involved in the process all the way, so to speak?

– 700 proposals were received. We took part in all the material that was sent in. Since then, we have had people who have worked with this, both in the organization and the reference group, who have put in a great deal of work during the journey. Finally, we decided on the club brand.

Can you understand that there is an outrage? Are you self-critical?

– Well. It’s a bit funny that you have views on the club brand before we have presented it, you might think. We certainly sent out a teaser, but no one has seen it yet. So we have to wait for the presentation.

Frölunda’s chairman Mats Grauers.

Reactions to the open letter

On Monday, the club went out with an open letter to supporters ahead of the club’s launch on February 2. Both digitally and physically in the form of posters in town – which also became a big snack.

“Before you see it, we want to take this opportunity to explain how we feel about you” can be read at the beginning of the letter.

Just a beautiful declaration of love, according to some.

Lines that can be interpreted as an excuse in advance for what is to come, according to others.

– So surely some can interpret it. But our idea is more to emphasize how important it is for us with everyone who loves and sympathizes with our association. That is the message we want to convey, says chairman Mats Greus.

Do you feel that it needs to be communicated just in connection with the launch?

– No, it has no connection to what you call it, to apologize before or something like that, but we take the opportunity to show how much our fans and supporters mean to us. You can see it as if in connection with the launch there are reasons to remind everyone how important they are to us, says Mats Grauers.

Published:

sportbladet

Subscribe to our SHL ice hockey newsletter: The revelations, opinions, profile portraits, in-depth analyzes and lists!

newsletter illustration

We would love to give thanks to the writer of this write-up for this awesome web content

Frölunda’s response to the supporters after massive criticism of the club brand

) [summary] => Published: Less than 3 hours ago Updated: Less than 40 minutes ago Frölunda has issued an open love letter to the supporters before the launch of the new club brand. Do they apologize in advance? – So surely some can interpret it. But our idea is more to emphasize how important it is for us ... Read more [atom_content] =>

Frölunda has issued an open love letter to the supporters before the launch of the new club brand.

Do they apologize in advance?

– So surely some can interpret it. But our idea is more to emphasize how important it is for us with everyone who loves and sympathizes with our association, says chairman Mats Grauers.

Frölunda will change club brand and last week the SHL club offered a taste of what is to come. A wing or letter (?) In a shade of green – appeared under a white sheet, something that stirred the emotions in the supporter ranks.

Hecky Engeroth, leader of Section 84, which is one of two supporter groups, wrote, among other things: “I’m tired of our association functioning as some kind of wannabe NHL stunt club” and “It is unfortunate that the board in Frölunda HC not let the association’s members be part of the design of the new club brand ”.

Responds to criticism

– He said so. And you can think about how to produce a club brand. We have turned to all supporters and said that they are welcome with suggestions. We have had reference groups where members and supporters have been represented together with experts and others. We think we have found a good process to develop the club brand. Then there are probably many who think that they should have been involved and had their say. But already when we started the process, we told how we would do and then we followed it, says Frölunda’s strong man – chairman Mats Grauers

Could you have let them be more involved in the process all the way, so to speak?

– 700 proposals were received. We took part in all the material that was sent in. Since then, we have had people who have worked with this, both in the organization and the reference group, who have put in a great deal of work during the journey. Finally, we decided on the club brand.

Can you understand that there is an outrage? Are you self-critical?

– Well. It’s a bit funny that you have views on the club brand before we have presented it, you might think. We certainly sent out a teaser, but no one has seen it yet. So we have to wait for the presentation.

Frölunda’s chairman Mats Grauers.

Reactions to the open letter

On Monday, the club went out with an open letter to supporters ahead of the club’s launch on February 2. Both digitally and physically in the form of posters in town – which also became a big snack.

“Before you see it, we want to take this opportunity to explain how we feel about you” can be read at the beginning of the letter.

Just a beautiful declaration of love, according to some.

Lines that can be interpreted as an excuse in advance for what is to come, according to others.

– So surely some can interpret it. But our idea is more to emphasize how important it is for us with everyone who loves and sympathizes with our association. That is the message we want to convey, says chairman Mats Greus.

Do you feel that it needs to be communicated just in connection with the launch?

– No, it has no connection to what you call it, to apologize before or something like that, but we take the opportunity to show how much our fans and supporters mean to us. You can see it as if in connection with the launch there are reasons to remind everyone how important they are to us, says Mats Grauers.

Published:

sportbladet

Subscribe to our SHL ice hockey newsletter: The revelations, opinions, profile portraits, in-depth analyzes and lists!

newsletter illustration

We would love to give thanks to the writer of this write-up for this awesome web content

Frölunda’s response to the supporters after massive criticism of the club brand

) [1] => Array ( [title] => Zelen hujerstv EU me vst a k vym emism, k zstupce chemiek – iDNES.cz [link] => https://debatepost.com/sport/zelen-hujerstv-eu-me-vst-a-k-vym-emism-k-zstupce-chemiek-idnes-cz/ [dc] => Array ( [creator] => Ann Moon ) [pubdate] => Tue, 25 Jan 2022 00:32:43 +0000 [category] => SportiDNEScz [guid] => https://debatepost.com/?p=11602 [description] => Ceny energi bezprecedentn rostou a nkte to pitaj snahm EU sniovat emise CO2 v rmci Green Dealu. Skuten za to me?Domnvm se, e zatm ne. Sp je to dsledek geopolitick situace ve svt a na globlnm trhu s energiemi. Meme to ale vnmat jako indicii toho, co se stane s cenami energi, a pijmeme Green ... Read more [content] => Array ( [encoded] =>

Ceny energi bezprecedentn rostou a nkte to pitaj snahm EU sniovat emise CO2 v rmci Green Dealu. Skuten za to me?
Domnvm se, e zatm ne. Sp je to dsledek geopolitick situace ve svt a na globlnm trhu s energiemi. Meme to ale vnmat jako indicii toho, co se stane s cenami energi, a pijmeme Green Deal, jak je dnes navrhovan.

Kdy se podvme na cenu ekologick elektiny z fotovoltaiky, vychz nm na rovni 100130 eur za MWh plus nklady na penos a distribuci, bn cena tedy me bt 200 eur. Ptkrt dra ne loni. Jedin ance je, e klesne cena alternativy, co je zemn plyn, nkam na 30 eur (ze souasnch piblin 80 eur). To by stlailo cenu elektiny, ale zase by jej cena pi ekologick vrob nevychzela bez dotac. Je to zaarovan kruh, zatm nem lidstvo levn alternativn technologie na pokryt vech svch energetickch poteb, kter navc stle rostou.

Petr Cingr

Prezident Svazu chemickho prmyslu

  • Petr Cingr vystudoval Strojn fakultu VUT.
  • M dlouholet zkuenosti s zenm prmyslovch podnik. Po ukonen studia pracoval trnct let ve skupin Unipetrol (do roku 2006), z toho vce ne 6 let jako generln editel spolenosti Kauuk a Chemopetrol.
  • Od roku 2006 je mstopedsedou pedstavenstva spolenosti Agrofert, a. s., zodpovdnm za zen a restrukturalizaci masnho prmyslu, farem a vroby krmnch sms.
  • Od roku 2011 je editelem divize hnojiv a paliv, od ledna 2021 t jednatelem SKW Stickstoffwerke Piesteritz GmbH.

Z pohledu prezidenta Svazu chemickho prmyslu se tedy stavte ke Green Dealu negativn?
Nekme, e sniovn emis je patn. Je to sprvn smr, ale mus mt asovou i ekonomickou racionalitu a musme mt srovnateln podmnky s ostatnmi konkurenty z mimoevropskch zem. Dov se sem ada vrobk z jinch region, kter sice deklaruj, e tak budou sniovat emise, ale na mluv o roku 2060, Indie o roku 2070 a Amerika nek nic.

Pokud mme splnit cl v roce 2050, zatmco ostatn budou mt dalch 10 a 20 let, tak tady za tch 10 a 20 let dn prmysl nebude, pokud nebude prosted EU chrnno. Mme statistiky, podle kterch jsme v esku snili jako obor emise ve srovnn s rokem 1990 o vce ne 70 procent a plnme velmi psn stvajc limity.

Pokud nae provozy zaveme a vroba se pesune do zem, kde nkdo vyrb na horch technologich, planet nepomeme. Nejene vroba vyprodukuje vce emis, ale navc se zv emise za dopravu do Evropy. Pokud nebudou platit pro vechny stejn podmnky, nae evropsk hujerstv zpsob opan efekt svtov emise vzrostou.

Co je poteba udlat, aby ochrana planety nezlikvidovala nae chemiky?
Mus se to nastavit rozumn, vyjt z technicky dostupnch een, vzt do vahy ekonomick aspekty a hlavn as. Mus se nastavit podmnky, abychom zstali konkurenceschopn ve srovnn s ostatnmi regiony. To je n cl a apel na politiky.

Aktuln se hodn e cena emisnch povolenek. I tady vm mou evropt politici pomoci?
Pokud nejde zadit, aby na celm svt existoval jednotn trh s emisnmi povolenkami a museli je kupovat vichni za stejn penze, tak a alespo zastropuj jejich cenu, aby se s nimi nemohlo spekulovat, jak je to dnes. Stal se z nich investin nstroj, jako jsou akcie.

Prmyslu by pomohlo i to, kdyby ml na trh s povolenkami pstup pouze ten, kdo je pouije k podnikn. Tm, e jsou bnm cennm paprem, je kvli spekulantm jejich cena mimo jakkoli historick oekvn.

Jak by mla bt jejich cena?
Evropsk unie, kdy povolenky zavdla, pedpokldala, e cena povolenek bude v roce 2030 piblin 30 eur, jene dnes stoj 85 eur. Koncept povolenek ml motivovat emitenty, aby sniovali emise m budou dra, tm vt bude tlak na sniovn emis.

Ve skutenosti se to mj inkem. Pokud mme dnes zaplatit 85 eur za povolenku a poet povolenek, kter musme nakupovat, se trvale zvyuje, pak nezbvaj penze na hledn a instalovn een, kter budou sniovat emise. Jako vrobci bychom teoreticky mohli promtnout vy cenu povolenek do svch vrobk, ale to nememe, protoe konkurence mimo EU takov nklady nem, take nae vrobky nebudou prodejn se ziskem. V takov situaci mete bu pestat vyrbt, nebo pesunout vrobu tam, kde povolenky nejsou, respektive nejsou tak drah.

Jin monost za souasnho systmu nen?
V Nmecku jsme oteveli debatu na tma systmu, kde by ten, kdo vytv emise, nakupoval povolenky podle souasnho modelu a penze, kter za n utrat, by byly vzny pro ely jeho investic do ekologizace vroby.

Podobn jako je tomu u skldek, kde muste povinn ukldat penze, kter mete pout pouze vy a pouze na budouc rekultivaci takov skldky. Vytvte si fond, abyste skldku uvedl do stavu, kter neohrouje ivotn prosted. Takov systm by umonil masivn sniovat emise v relativn krtk dob.

Jak je na to odezva?
Zatm bohuel bez valnch vsledk, ale nevzdvme to. kme, nemme problm platit teba 100 euro za povolenku, ale nechte ty penze vzan pro emitenta, aby je vyuil na snen emis a teba i v omezenm ase.

Mohou bt chemiky uhlkov neutrln do roku 2030, jak chce EU?
Pokud jim nkdo dod zelenou elektinu, tak ano. Umme nae firmy pedlat na CO2 neutrln een s tm, e st CO2 se vyuije ve vrobcch, kter dlouhodob fixuj CO2 a EU to bude akceptovat jako udriteln een.

Ale nejsme schopni si takto rychle vybudovat vlastn energetick zdroje, kde bychom si sami vyrbli zelenou energii. To bychom u kad chemiky museli postavit jeden blok jadern elektrrny, co je nesmysl a trvalo by to destky let. A to se bavme jen o chemickm prmyslu, stejn nroky na ekologickou elektinu budou mt i dal odvtv a domcnosti.

Kolik lid zamstnv chemick prmysl?
V esku v chemickm prmyslu pmo pracuje piblin 110 tisc zamstnanc. Odhaduje se, e celkov odvtv iv nebo je na nm zvisl piblin jeden milion obyvatel, a u prostednictvm dodavatelskch firem i rodinnch pslunk zamstnanc.

Dleit je pitom udret chemick prmysl v esku, protoe bez nho se dnen spolenost neobejde. asto si neuvdomujeme, co ve bychom bez chemie nemli. To je poteba pedvat i mlad generaci. N svaz se prostednictvm kampan Chemie pomh sna ukzat, kde vude se s n setkvme a e pomh lidem i planet.

Co tedy potebujete, abyste byli uhlkov neutrln a udreli pracovn msta?
Pokud mme bt uhlkov neutrln, potebujeme zelen zdroj elektrick energie. Napklad pavek vyrbme ze zemnho plynu konvenn technologi, kter je znm destky let, a potebujeme na to urit mnostv energie.

Alternativa je vyrbt bezemisn vodk ze zemnho plynu, pokud njakm zpsobem ulote CO2 bu do produkt s dlouhou ivotnost, jako jsou lepidla, nebo pod zem. Dal variantou je zskat vodk jako zkladn surovinu pro vrobu pavku z vody roztpenm na vodk a kyslk.

K tomu ale potebujete 13x vc elektrick energie ne na konvenn technologii. Pokud nemme zelenou elektinu ani na dnen zpsob vroby vodku, je jasn, e nen reln do roku 2030 splnit cl vyrobit polovinu vodku zelenm zpsobem a do roku 2050 vechen.

To nejde zvldnout asov ani ekonomicky. Pokud bychom peli na takovouto vrobu, tak bychom spotebovali vechnu zelenou energii, kter je v Evrop v souasn dob k dispozici. Nezbyla by na elektromobily, domcnosti ani jin prmyslov odvtv.

A co to znamen pro spotebitele?
Pokud se takto ekologicky vyroben pavek pouije pro vrobu hnojiv, tak potraviny budou nkolikansobn dra. Dostupn technologie to levnji nedokou vyrobit. Ceny, nad ktermi nyn asneme, jak vyltly vysoko, se stanou standardem.

Poadovan termn byste tedy zvldli, jen by to bylo dra.
Ne, ani tak to do roku 2030 nejde stihnout. Mme rok 2022 a jen povolovac zen na lokln investici trv tyi roky a pak mete zat stavt vechna zazen a infrastrukturu, kterou dnes nemme. Nemte ani penosovou soustavu na to, abyste penesli 13x vce elektiny, a to jen pro nae poteby. Na to nen evropsk energetick soustava stavn.

A vstavba penosov soustavy, tedy liniovch staveb se v esku, Nmecku, ale i jinde v EU schvaluje 10 a 15 let. Podvejte se, jak dlouho se pipravuje vstavba dalho bloku Dukovan. Z logiky vci je cl 2030 nerealizovateln. Pokud v roce 2050 budete mt potebn st, bude to velk spch.

Jak potom budou vychzet alternativn zdroje cenov?
k se, e nejlevnj elektina je z obnovitelnch zdroj, protoe 1 MWh ze slunen elektrrny vyjde piblin na 100 a 130 eur, ale elektina jet v plce loskho roku stla na trhu 40 a 50 eur. Obnoviteln zdroje tedy nejsou nejlevnj a ani nejsou dostaten stabiln. Nmecko m dnes a 40 procent instalovanho vkonu v obnovitelnch zdrojch.

Pokud pestane foukat, pichzej o tyto zdroje. Take je poteba je nm zlohovat. Lze to eit tak, e budete mt 150 procent instalovanho vkonu, a i kdy nebude foukat, stle budete mt k dispozici potebnch 100 procent.

To ale vyaduje obrovsk investice a spoustu asu. Navc, v naich zempisnch podmnkch nejrelevantnj vtrn parky nemete stavt vude i s ohledem teba na jen potenciln vskyt chrnnch ivoich.

Pro se tedy trv na clech, kter jsou zjevn nereln?
Jednm z dvod me bt snaha stanovit si ambicizn cle, aby se alespo nco zmnilo. Dalm me bt to, e tato revoluce je poprv taena ist politicky, nejde o transformaci na vy technologickou rove, jako kdy lidstvo nahradilo pru.

Nyn nahrazujeme jednu pouvanou technologii jinou, kterou jsme vymysleli ji dvno, ale dosud jsme ji povaovali za dra a mn efektivn. Pozitivnm efektem a clem jsou ni emise ale za vy cenu.

Pokud se shodneme na tom, e klima na na planet je na tom tak patn, e k tomuto kroku musme pistoupit, pak to mus udlat cel planeta, a nejen EU, kter produkuje pouhch 8 procent svtovch emis.

We want to thank the writer of this post for this amazing web content

Zelen hujerstv EU me vst a k vym emism, k zstupce chemiek – iDNES.cz

) [summary] => Ceny energi bezprecedentn rostou a nkte to pitaj snahm EU sniovat emise CO2 v rmci Green Dealu. Skuten za to me?Domnvm se, e zatm ne. Sp je to dsledek geopolitick situace ve svt a na globlnm trhu s energiemi. Meme to ale vnmat jako indicii toho, co se stane s cenami energi, a pijmeme Green ... Read more [atom_content] =>

Ceny energi bezprecedentn rostou a nkte to pitaj snahm EU sniovat emise CO2 v rmci Green Dealu. Skuten za to me?
Domnvm se, e zatm ne. Sp je to dsledek geopolitick situace ve svt a na globlnm trhu s energiemi. Meme to ale vnmat jako indicii toho, co se stane s cenami energi, a pijmeme Green Deal, jak je dnes navrhovan.

Kdy se podvme na cenu ekologick elektiny z fotovoltaiky, vychz nm na rovni 100130 eur za MWh plus nklady na penos a distribuci, bn cena tedy me bt 200 eur. Ptkrt dra ne loni. Jedin ance je, e klesne cena alternativy, co je zemn plyn, nkam na 30 eur (ze souasnch piblin 80 eur). To by stlailo cenu elektiny, ale zase by jej cena pi ekologick vrob nevychzela bez dotac. Je to zaarovan kruh, zatm nem lidstvo levn alternativn technologie na pokryt vech svch energetickch poteb, kter navc stle rostou.

Petr Cingr

Prezident Svazu chemickho prmyslu

  • Petr Cingr vystudoval Strojn fakultu VUT.
  • M dlouholet zkuenosti s zenm prmyslovch podnik. Po ukonen studia pracoval trnct let ve skupin Unipetrol (do roku 2006), z toho vce ne 6 let jako generln editel spolenosti Kauuk a Chemopetrol.
  • Od roku 2006 je mstopedsedou pedstavenstva spolenosti Agrofert, a. s., zodpovdnm za zen a restrukturalizaci masnho prmyslu, farem a vroby krmnch sms.
  • Od roku 2011 je editelem divize hnojiv a paliv, od ledna 2021 t jednatelem SKW Stickstoffwerke Piesteritz GmbH.

Z pohledu prezidenta Svazu chemickho prmyslu se tedy stavte ke Green Dealu negativn?
Nekme, e sniovn emis je patn. Je to sprvn smr, ale mus mt asovou i ekonomickou racionalitu a musme mt srovnateln podmnky s ostatnmi konkurenty z mimoevropskch zem. Dov se sem ada vrobk z jinch region, kter sice deklaruj, e tak budou sniovat emise, ale na mluv o roku 2060, Indie o roku 2070 a Amerika nek nic.

Pokud mme splnit cl v roce 2050, zatmco ostatn budou mt dalch 10 a 20 let, tak tady za tch 10 a 20 let dn prmysl nebude, pokud nebude prosted EU chrnno. Mme statistiky, podle kterch jsme v esku snili jako obor emise ve srovnn s rokem 1990 o vce ne 70 procent a plnme velmi psn stvajc limity.

Pokud nae provozy zaveme a vroba se pesune do zem, kde nkdo vyrb na horch technologich, planet nepomeme. Nejene vroba vyprodukuje vce emis, ale navc se zv emise za dopravu do Evropy. Pokud nebudou platit pro vechny stejn podmnky, nae evropsk hujerstv zpsob opan efekt svtov emise vzrostou.

Co je poteba udlat, aby ochrana planety nezlikvidovala nae chemiky?
Mus se to nastavit rozumn, vyjt z technicky dostupnch een, vzt do vahy ekonomick aspekty a hlavn as. Mus se nastavit podmnky, abychom zstali konkurenceschopn ve srovnn s ostatnmi regiony. To je n cl a apel na politiky.

Aktuln se hodn e cena emisnch povolenek. I tady vm mou evropt politici pomoci?
Pokud nejde zadit, aby na celm svt existoval jednotn trh s emisnmi povolenkami a museli je kupovat vichni za stejn penze, tak a alespo zastropuj jejich cenu, aby se s nimi nemohlo spekulovat, jak je to dnes. Stal se z nich investin nstroj, jako jsou akcie.

Prmyslu by pomohlo i to, kdyby ml na trh s povolenkami pstup pouze ten, kdo je pouije k podnikn. Tm, e jsou bnm cennm paprem, je kvli spekulantm jejich cena mimo jakkoli historick oekvn.

Jak by mla bt jejich cena?
Evropsk unie, kdy povolenky zavdla, pedpokldala, e cena povolenek bude v roce 2030 piblin 30 eur, jene dnes stoj 85 eur. Koncept povolenek ml motivovat emitenty, aby sniovali emise m budou dra, tm vt bude tlak na sniovn emis.

Ve skutenosti se to mj inkem. Pokud mme dnes zaplatit 85 eur za povolenku a poet povolenek, kter musme nakupovat, se trvale zvyuje, pak nezbvaj penze na hledn a instalovn een, kter budou sniovat emise. Jako vrobci bychom teoreticky mohli promtnout vy cenu povolenek do svch vrobk, ale to nememe, protoe konkurence mimo EU takov nklady nem, take nae vrobky nebudou prodejn se ziskem. V takov situaci mete bu pestat vyrbt, nebo pesunout vrobu tam, kde povolenky nejsou, respektive nejsou tak drah.

Jin monost za souasnho systmu nen?
V Nmecku jsme oteveli debatu na tma systmu, kde by ten, kdo vytv emise, nakupoval povolenky podle souasnho modelu a penze, kter za n utrat, by byly vzny pro ely jeho investic do ekologizace vroby.

Podobn jako je tomu u skldek, kde muste povinn ukldat penze, kter mete pout pouze vy a pouze na budouc rekultivaci takov skldky. Vytvte si fond, abyste skldku uvedl do stavu, kter neohrouje ivotn prosted. Takov systm by umonil masivn sniovat emise v relativn krtk dob.

Jak je na to odezva?
Zatm bohuel bez valnch vsledk, ale nevzdvme to. kme, nemme problm platit teba 100 euro za povolenku, ale nechte ty penze vzan pro emitenta, aby je vyuil na snen emis a teba i v omezenm ase.

Mohou bt chemiky uhlkov neutrln do roku 2030, jak chce EU?
Pokud jim nkdo dod zelenou elektinu, tak ano. Umme nae firmy pedlat na CO2 neutrln een s tm, e st CO2 se vyuije ve vrobcch, kter dlouhodob fixuj CO2 a EU to bude akceptovat jako udriteln een.

Ale nejsme schopni si takto rychle vybudovat vlastn energetick zdroje, kde bychom si sami vyrbli zelenou energii. To bychom u kad chemiky museli postavit jeden blok jadern elektrrny, co je nesmysl a trvalo by to destky let. A to se bavme jen o chemickm prmyslu, stejn nroky na ekologickou elektinu budou mt i dal odvtv a domcnosti.

Kolik lid zamstnv chemick prmysl?
V esku v chemickm prmyslu pmo pracuje piblin 110 tisc zamstnanc. Odhaduje se, e celkov odvtv iv nebo je na nm zvisl piblin jeden milion obyvatel, a u prostednictvm dodavatelskch firem i rodinnch pslunk zamstnanc.

Dleit je pitom udret chemick prmysl v esku, protoe bez nho se dnen spolenost neobejde. asto si neuvdomujeme, co ve bychom bez chemie nemli. To je poteba pedvat i mlad generaci. N svaz se prostednictvm kampan Chemie pomh sna ukzat, kde vude se s n setkvme a e pomh lidem i planet.

Co tedy potebujete, abyste byli uhlkov neutrln a udreli pracovn msta?
Pokud mme bt uhlkov neutrln, potebujeme zelen zdroj elektrick energie. Napklad pavek vyrbme ze zemnho plynu konvenn technologi, kter je znm destky let, a potebujeme na to urit mnostv energie.

Alternativa je vyrbt bezemisn vodk ze zemnho plynu, pokud njakm zpsobem ulote CO2 bu do produkt s dlouhou ivotnost, jako jsou lepidla, nebo pod zem. Dal variantou je zskat vodk jako zkladn surovinu pro vrobu pavku z vody roztpenm na vodk a kyslk.

K tomu ale potebujete 13x vc elektrick energie ne na konvenn technologii. Pokud nemme zelenou elektinu ani na dnen zpsob vroby vodku, je jasn, e nen reln do roku 2030 splnit cl vyrobit polovinu vodku zelenm zpsobem a do roku 2050 vechen.

To nejde zvldnout asov ani ekonomicky. Pokud bychom peli na takovouto vrobu, tak bychom spotebovali vechnu zelenou energii, kter je v Evrop v souasn dob k dispozici. Nezbyla by na elektromobily, domcnosti ani jin prmyslov odvtv.

A co to znamen pro spotebitele?
Pokud se takto ekologicky vyroben pavek pouije pro vrobu hnojiv, tak potraviny budou nkolikansobn dra. Dostupn technologie to levnji nedokou vyrobit. Ceny, nad ktermi nyn asneme, jak vyltly vysoko, se stanou standardem.

Poadovan termn byste tedy zvldli, jen by to bylo dra.
Ne, ani tak to do roku 2030 nejde stihnout. Mme rok 2022 a jen povolovac zen na lokln investici trv tyi roky a pak mete zat stavt vechna zazen a infrastrukturu, kterou dnes nemme. Nemte ani penosovou soustavu na to, abyste penesli 13x vce elektiny, a to jen pro nae poteby. Na to nen evropsk energetick soustava stavn.

A vstavba penosov soustavy, tedy liniovch staveb se v esku, Nmecku, ale i jinde v EU schvaluje 10 a 15 let. Podvejte se, jak dlouho se pipravuje vstavba dalho bloku Dukovan. Z logiky vci je cl 2030 nerealizovateln. Pokud v roce 2050 budete mt potebn st, bude to velk spch.

Jak potom budou vychzet alternativn zdroje cenov?
k se, e nejlevnj elektina je z obnovitelnch zdroj, protoe 1 MWh ze slunen elektrrny vyjde piblin na 100 a 130 eur, ale elektina jet v plce loskho roku stla na trhu 40 a 50 eur. Obnoviteln zdroje tedy nejsou nejlevnj a ani nejsou dostaten stabiln. Nmecko m dnes a 40 procent instalovanho vkonu v obnovitelnch zdrojch.

Pokud pestane foukat, pichzej o tyto zdroje. Take je poteba je nm zlohovat. Lze to eit tak, e budete mt 150 procent instalovanho vkonu, a i kdy nebude foukat, stle budete mt k dispozici potebnch 100 procent.

To ale vyaduje obrovsk investice a spoustu asu. Navc, v naich zempisnch podmnkch nejrelevantnj vtrn parky nemete stavt vude i s ohledem teba na jen potenciln vskyt chrnnch ivoich.

Pro se tedy trv na clech, kter jsou zjevn nereln?
Jednm z dvod me bt snaha stanovit si ambicizn cle, aby se alespo nco zmnilo. Dalm me bt to, e tato revoluce je poprv taena ist politicky, nejde o transformaci na vy technologickou rove, jako kdy lidstvo nahradilo pru.

Nyn nahrazujeme jednu pouvanou technologii jinou, kterou jsme vymysleli ji dvno, ale dosud jsme ji povaovali za dra a mn efektivn. Pozitivnm efektem a clem jsou ni emise ale za vy cenu.

Pokud se shodneme na tom, e klima na na planet je na tom tak patn, e k tomuto kroku musme pistoupit, pak to mus udlat cel planeta, a nejen EU, kter produkuje pouhch 8 procent svtovch emis.

We want to thank the writer of this post for this amazing web content

Zelen hujerstv EU me vst a k vym emism, k zstupce chemiek – iDNES.cz

) [2] => Array ( [title] => Football: Wimmer plays in Foda’s focus [link] => https://debatepost.com/sport/football-wimmer-plays-in-fodas-focus/ [dc] => Array ( [creator] => Ann Moon ) [pubdate] => Mon, 24 Jan 2022 23:36:23 +0000 [category] => SportfocusFodasfootballplaysWimmer [guid] => https://debatepost.com/?p=11596 [description] => Wimmer inspired Arminia’s 2-0 victory with a goal and an assist worth seeing. The right winger crossed in the 27th minute with his right foot behind his left leg, compatriot Alessandro Schöpf only had to hold out his chest to make it 2-0. For the “Rabona trick” Wimmer received special praise from his trainer Frank ... Read more [content] => Array ( [encoded] =>

Wimmer inspired Arminia’s 2-0 victory with a goal and an assist worth seeing. The right winger crossed in the 27th minute with his right foot behind his left leg, compatriot Alessandro Schöpf only had to hold out his chest to make it 2-0. For the “Rabona trick” Wimmer received special praise from his trainer Frank Kramer. “He has things like that in his blood, the guy,” said the Bielefeld coach.

In the ÖFB team, club colleagues Alessandro Schöpf, Louis Schaub or, as a “joker” Karim Onisiwo, played on the right flank in the final qualifying games of the group phase. Another contender would be Valentino Lazaro. The 25-year-old acts mostly as a substitute at Benfica Lisbon. Wimmer is currently a U21 international and has been on the call list for Foda several times. A promotion to the A squad would be quite possible. “I would be absolutely ready to help the team,” Wimmer explained in the “Kronen Zeitung”.

GEPA/Christian Moser

Patrick Wimmer would love to wear the ÖFB jersey in the senior team as well

“He’s got something crazy”

Not even three years ago, Wimmer was still playing in the Lower Austrian state league (4th division) at SV Gaflenz. After two years at Wiener Austria, he went to Bielefeld last August for a fee of 700,000 euros. There he quickly gained a foothold as a right winger. The league has three goals and five assists.

Wimmer is tied to Bielefeld until 2025. Austria would be involved in a resale. In East Westphalia they appreciate his carefree nature. Wimmer showed in Frankfurt what you’ve seen all season, said Bielefeld goalie Stefan Ortega. “That he sometimes inspires you, but sometimes makes you mad again. It’s that youthful madness. There’s something crazy about him, something carefree that’s really good for us.”

“Still working on a few basics”

The offensive player could also improve significantly, Ortega emphasized. “If he stays with himself, if he works on a few basics that are important for the team, then he can become even more valuable than he already is.” Coach Kramer saw Wimmer’s task fulfilled: “Patrick is a player who is good for a goal or for a goal action. That’s what he’s on the field for, that’s what the others behind him clear up.”

The ÖFB legionnaire would not have received any reprimands for the “Rabona” campaign either if it had gone wrong, his coach assured. “You have to allow him such things.” With a wink, Kramer added: “Before he takes his left, it’s better that way.” Wimmer himself justified the action by saying that he didn’t have enough trust in his left foot. Then he just tried it. “Fortunately, that’s how it worked out. Because if that doesn’t work out, I’ll probably be accused of arrogance or something.”

But in the end there was great rejoicing. With the fifth game in a row without a defeat, Arminia gained some air in the relegation battle and improved to 14th place in the table with a two-point lead over the relegation place. “We’ve had a good phase lately, we’re in a good mood,” said Wimmer. “If we are compact and do the booths at the front, then hopefully it will continue like this.”

We want to say thanks to the writer of this article for this outstanding content

Football: Wimmer plays in Foda’s focus

) [summary] => Wimmer inspired Arminia’s 2-0 victory with a goal and an assist worth seeing. The right winger crossed in the 27th minute with his right foot behind his left leg, compatriot Alessandro Schöpf only had to hold out his chest to make it 2-0. For the “Rabona trick” Wimmer received special praise from his trainer Frank ... Read more [atom_content] =>

Wimmer inspired Arminia’s 2-0 victory with a goal and an assist worth seeing. The right winger crossed in the 27th minute with his right foot behind his left leg, compatriot Alessandro Schöpf only had to hold out his chest to make it 2-0. For the “Rabona trick” Wimmer received special praise from his trainer Frank Kramer. “He has things like that in his blood, the guy,” said the Bielefeld coach.

In the ÖFB team, club colleagues Alessandro Schöpf, Louis Schaub or, as a “joker” Karim Onisiwo, played on the right flank in the final qualifying games of the group phase. Another contender would be Valentino Lazaro. The 25-year-old acts mostly as a substitute at Benfica Lisbon. Wimmer is currently a U21 international and has been on the call list for Foda several times. A promotion to the A squad would be quite possible. “I would be absolutely ready to help the team,” Wimmer explained in the “Kronen Zeitung”.

GEPA/Christian Moser

Patrick Wimmer would love to wear the ÖFB jersey in the senior team as well

“He’s got something crazy”

Not even three years ago, Wimmer was still playing in the Lower Austrian state league (4th division) at SV Gaflenz. After two years at Wiener Austria, he went to Bielefeld last August for a fee of 700,000 euros. There he quickly gained a foothold as a right winger. The league has three goals and five assists.

Wimmer is tied to Bielefeld until 2025. Austria would be involved in a resale. In East Westphalia they appreciate his carefree nature. Wimmer showed in Frankfurt what you’ve seen all season, said Bielefeld goalie Stefan Ortega. “That he sometimes inspires you, but sometimes makes you mad again. It’s that youthful madness. There’s something crazy about him, something carefree that’s really good for us.”

“Still working on a few basics”

The offensive player could also improve significantly, Ortega emphasized. “If he stays with himself, if he works on a few basics that are important for the team, then he can become even more valuable than he already is.” Coach Kramer saw Wimmer’s task fulfilled: “Patrick is a player who is good for a goal or for a goal action. That’s what he’s on the field for, that’s what the others behind him clear up.”

The ÖFB legionnaire would not have received any reprimands for the “Rabona” campaign either if it had gone wrong, his coach assured. “You have to allow him such things.” With a wink, Kramer added: “Before he takes his left, it’s better that way.” Wimmer himself justified the action by saying that he didn’t have enough trust in his left foot. Then he just tried it. “Fortunately, that’s how it worked out. Because if that doesn’t work out, I’ll probably be accused of arrogance or something.”

But in the end there was great rejoicing. With the fifth game in a row without a defeat, Arminia gained some air in the relegation battle and improved to 14th place in the table with a two-point lead over the relegation place. “We’ve had a good phase lately, we’re in a good mood,” said Wimmer. “If we are compact and do the booths at the front, then hopefully it will continue like this.”

We want to say thanks to the writer of this article for this outstanding content

Football: Wimmer plays in Foda’s focus

) [3] => Array ( [title] => Corona measures: Thousands demonstrate for and against them on Monday evening – WELT [link] => https://debatepost.com/sport/corona-measures-thousands-demonstrate-for-and-against-them-on-monday-evening-welt/ [dc] => Array ( [creator] => Ann Moon ) [pubdate] => Mon, 24 Jan 2022 22:40:18 +0000 [category] => SportCoronademonstrateeveningmeasuresMondaythousandsWELT [guid] => https://debatepost.com/?p=11590 [description] => Germany Germany-wide protest Tens of thousands demonstrate against Corona measures – attacks on journalists and the police Status: 11:08 p.m | Reading time: 4 minutes Relax some, tighten others Dealing with the corona pandemic differs significantly from country to country. While some states are already relaxing again, elsewhere the reins are being tightened again significantly. ... Read more [content] => Array ( [encoded] =>
Germany Germany-wide protest

Tens of thousands demonstrate against Corona measures – attacks on journalists and the police

Relax some, tighten others

Dealing with the corona pandemic differs significantly from country to country. While some states are already relaxing again, elsewhere the reins are being tightened again significantly. In Brussels, protests against the corona restrictions turned violent.

On this Monday evening, several thousand people again demonstrated in several cities against a general obligation to vaccinate and against the corona measures. While it mostly remained peaceful, there were attacks in Saxony.

IIn various cities in Germany, several tens of thousands of people demonstrated again on Monday evening against compulsory vaccination and the corona measures. In many places, counter-demonstrators held their own events or vigils for the dead of the pandemic.

In some cases, the police used strong forces to stop prohibited elevators. Again and again there were violations of the mask requirement or other requirements.

alone in Thuringia a total of around 22,000 people took to the streets. The largest gatherings were in Gera with around 3,000 participants, Hermsdorf with around 1,000 and Jena with 800, the police reported. In the past few weeks, there have been repeated unannounced and sometimes violent protest marches against the Corona measures in Thuringia, often organized by the right-wing extremist spectrum.

also read

In Mecklenburg-Western Pomerania According to the police, around 10,000 people protested in more than 25 cities across the country. But that was again less than in previous weeks, when it had been 15,000. The largest actions were reported this time with 2000 participants from Schwerin and Neubrandenburg with about 1700 protesters.

In Lübeck According to the police, more than a thousand opponents of the Corona policy demonstrated under the motto “When injustice becomes law, resistance becomes a duty”. According to the organizing alliance of churches, trade unions and social groups, around 700 people took part in a counter-demonstration “For compliance with the rules and recognition of scientific facts”.

Also in Saxony and Saxony-Anhalt there were several thousand nationwide. In Saxony, there is an upper limit of 1,000 participants per meeting, which, according to the police’s initial findings in the evening, was not exceeded. In Bautzen according to the police, a total of around 2000 people took part in several meetings, in Dresden “several hundred”, in Zwickau 950.

also read

Demonstration in Vienna against Corona measures

Some of the demonstrators here massively attacked police officers and representatives of the media. This was reported by eyewitnesses on the short message service Twitter. Accordingly, about in Coswig near Dresden reporting stopped because reporters were pelted with bottles and physically assaulted.

also read

Autorenkombo-NEU1

The Saxony police confirmed on Twitter that demonstrators had taken action against press representatives in Coswig. A video was secured and investigations were launched. A suspect has been arrested for the time being, it said. A man is being investigated for dangerous bodily harm.

In Bautzen Opponents of state corona measures attacked police vehicles with pyrotechnics. In order to stop the elevator, emergency services had to use direct force several times, the police said on Twitter. Even with Corona protests in Chemnitz pyrotechnics were thrown. In contrast, it was initially peaceful in Freiberg. Unauthorized gatherings have been broken up, police said.

also read

January 17, 2022, Berlin: People take part in a demonstration against the corona measures with a poster with the inscription " As soon as I have my basic rights back, I'm going home" part.  Photo: Fabian Sommer/dpa +++ dpa picture radio +++

In Saxony-Anhalt according to the police, there were almost 2,400 at the largest demonstration in Halle. After press representatives were attacked by individual demo participants on Monday last week, the police had significantly increased their contingent.

Also in different Ruhr area cities Corona protesters took to the streets, but no demonstrations with more than 1000 participants were reported. A demonstration with 1,200 participants was reported from Lower Saxony, for example from Braunschweig.

In Baden-Wuerttemberg, which at times also experienced many corona protests, counter-demonstrators became active again. This was the case in Karlsruhe and in Rottweil, where 600 people stood up for corona solidarity and against conspiracy theories.

In many places, the actions were planned as so-called walks, as in the past few weeks, because the organizers do not register their meetings as events with the authorities. Several cities have banned such unannounced protests. In some cases, however, the courts overturned such blanket orders because there were milder means.

In Potsdam strong police forces enforced the ban on an alleged “light walk”. It was similar in Brandenburg Bernau. In Rostock, where there had recently been violent protests, a meeting was dissolved by its leader himself.

Opponents of the Corona measures in particular have been protesting regularly for weeks. According to police estimates, almost 100,000 people took part on Monday last week. In the meantime, however, counter-protests are increasingly forming to promote more solidarity.

We wish to give thanks to the author of this article for this amazing web content

Corona measures: Thousands demonstrate for and against them on Monday evening – WELT

) [summary] => Germany Germany-wide protest Tens of thousands demonstrate against Corona measures – attacks on journalists and the police Status: 11:08 p.m | Reading time: 4 minutes Relax some, tighten others Dealing with the corona pandemic differs significantly from country to country. While some states are already relaxing again, elsewhere the reins are being tightened again significantly. ... Read more [atom_content] =>
Germany Germany-wide protest

Tens of thousands demonstrate against Corona measures – attacks on journalists and the police

Relax some, tighten others

Dealing with the corona pandemic differs significantly from country to country. While some states are already relaxing again, elsewhere the reins are being tightened again significantly. In Brussels, protests against the corona restrictions turned violent.

On this Monday evening, several thousand people again demonstrated in several cities against a general obligation to vaccinate and against the corona measures. While it mostly remained peaceful, there were attacks in Saxony.

IIn various cities in Germany, several tens of thousands of people demonstrated again on Monday evening against compulsory vaccination and the corona measures. In many places, counter-demonstrators held their own events or vigils for the dead of the pandemic.

In some cases, the police used strong forces to stop prohibited elevators. Again and again there were violations of the mask requirement or other requirements.

alone in Thuringia a total of around 22,000 people took to the streets. The largest gatherings were in Gera with around 3,000 participants, Hermsdorf with around 1,000 and Jena with 800, the police reported. In the past few weeks, there have been repeated unannounced and sometimes violent protest marches against the Corona measures in Thuringia, often organized by the right-wing extremist spectrum.

also read

In Mecklenburg-Western Pomerania According to the police, around 10,000 people protested in more than 25 cities across the country. But that was again less than in previous weeks, when it had been 15,000. The largest actions were reported this time with 2000 participants from Schwerin and Neubrandenburg with about 1700 protesters.

In Lübeck According to the police, more than a thousand opponents of the Corona policy demonstrated under the motto “When injustice becomes law, resistance becomes a duty”. According to the organizing alliance of churches, trade unions and social groups, around 700 people took part in a counter-demonstration “For compliance with the rules and recognition of scientific facts”.

Also in Saxony and Saxony-Anhalt there were several thousand nationwide. In Saxony, there is an upper limit of 1,000 participants per meeting, which, according to the police’s initial findings in the evening, was not exceeded. In Bautzen according to the police, a total of around 2000 people took part in several meetings, in Dresden “several hundred”, in Zwickau 950.

also read

Demonstration in Vienna against Corona measures

Some of the demonstrators here massively attacked police officers and representatives of the media. This was reported by eyewitnesses on the short message service Twitter. Accordingly, about in Coswig near Dresden reporting stopped because reporters were pelted with bottles and physically assaulted.

also read

Autorenkombo-NEU1

The Saxony police confirmed on Twitter that demonstrators had taken action against press representatives in Coswig. A video was secured and investigations were launched. A suspect has been arrested for the time being, it said. A man is being investigated for dangerous bodily harm.

In Bautzen Opponents of state corona measures attacked police vehicles with pyrotechnics. In order to stop the elevator, emergency services had to use direct force several times, the police said on Twitter. Even with Corona protests in Chemnitz pyrotechnics were thrown. In contrast, it was initially peaceful in Freiberg. Unauthorized gatherings have been broken up, police said.

also read

January 17, 2022, Berlin: People take part in a demonstration against the corona measures with a poster with the inscription " As soon as I have my basic rights back, I'm going home" part.  Photo: Fabian Sommer/dpa +++ dpa picture radio +++

In Saxony-Anhalt according to the police, there were almost 2,400 at the largest demonstration in Halle. After press representatives were attacked by individual demo participants on Monday last week, the police had significantly increased their contingent.

Also in different Ruhr area cities Corona protesters took to the streets, but no demonstrations with more than 1000 participants were reported. A demonstration with 1,200 participants was reported from Lower Saxony, for example from Braunschweig.

In Baden-Wuerttemberg, which at times also experienced many corona protests, counter-demonstrators became active again. This was the case in Karlsruhe and in Rottweil, where 600 people stood up for corona solidarity and against conspiracy theories.

In many places, the actions were planned as so-called walks, as in the past few weeks, because the organizers do not register their meetings as events with the authorities. Several cities have banned such unannounced protests. In some cases, however, the courts overturned such blanket orders because there were milder means.

In Potsdam strong police forces enforced the ban on an alleged “light walk”. It was similar in Brandenburg Bernau. In Rostock, where there had recently been violent protests, a meeting was dissolved by its leader himself.

Opponents of the Corona measures in particular have been protesting regularly for weeks. According to police estimates, almost 100,000 people took part on Monday last week. In the meantime, however, counter-protests are increasingly forming to promote more solidarity.

We wish to give thanks to the author of this article for this amazing web content

Corona measures: Thousands demonstrate for and against them on Monday evening – WELT

) [4] => Array ( [title] => Davis Cup: the Argentine team returns to Buenos Aires Lawn Tennis after 16 years [link] => https://debatepost.com/popular-sports/davis-cup-the-argentine-team-returns-to-buenos-aires-lawn-tennis-after-16-years/ [dc] => Array ( [creator] => Tom Pauler ) [pubdate] => Mon, 24 Jan 2022 21:57:39 +0000 [category] => Popular SportsAiresArgentineBuenosCupDavisLawnreturnsteamTennis [guid] => https://debatepost.com/?p=11584 [description] => The Buenos Aires Lawn Tennis It was for more than seven decades the home of the Argentine Davis Cup team. Between 1933 and 2005, that mythical Buenos Aires club received 40 series of that tournament and great legends of this sport and the most talented rackets of our country passed through the brick dust of ... Read more [content] => Array ( [encoded] =>

The Buenos Aires Lawn Tennis It was for more than seven decades the home of the Argentine Davis Cup team. Between 1933 and 2005, that mythical Buenos Aires club received 40 series of that tournament and great legends of this sport and the most talented rackets of our country passed through the brick dust of the central court. This Saturday, after 16 years, the Tennis Cathedral will once again vibrate with the most prestigious country competition in the clash between Argentina Y Belarus, corresponding to World Group I.

That reunion – which will be sweeter because it will take place with the fans in the stands, after 70 percent of the capacity has been enabled – will give the games a very special seasoning.

“We are all children of the BALTC. We were born playing here. The central court is magical, it has a lot of history. All the best Argentine tennis players have passed through here, starting with Guillermo Vilas and historical series were lived. It is a place of reference for Argentine tennis”, reflected Mariano Zabaleta in chat with Clarín.

González, Zeballos, Pella, Gaudio (captain), Schwartzman and Coria, the Argentine team with the BALTC in the background. AAT Press Photo

Although it was not only that historical and sentimental weight that the club has that prompted the return of Davis. The current vice president of the Argentine Tennis Association and former member of the legion He said that behind the choice of this venue there was a very important sporting reason.

“We have a lot of dialogue with the players and the captains, who are the ones who enter the court to play the matches, and we made this decision in consensus. It was a bit of a proposal from them to play again on Lawn Tennis. Sportingly they thought – and we also thought that it was the best thing to face Belarus due to the climatic conditions at this time of year, because it is a field at sea level and because we hoped to have the possibility that there would be people in the stands, as in the end it will happen And we must not lose sight of the objective, which is that the boys are calm and comfortable to perform in the best way and be able to look for a victory”, assured Zabaleta.

And he added: “The BALTC accepted the proposal right away, with great joy. The club has always worked with the AAT together for the development of tennis and did not want to miss this opportunity so that the Davis could be played on this court again after 16 years. They are super happy. This reunion is a great happiness for everyone. Hopefully it will be a great party.”

In his time as a player, the former number 21 in the world played only one local series at Davis: the 5-0 win over Russia at River Stadium, in the 2003 quarterfinals. But, like some of the current members of the Argentine team, has nice memories of other clashes that took place in the BALTC.

“The first time I went to see the Davis Cup as a child was at Lawn Tennis, an Argentina-United States match. Guillermo Perez Roldan with John McEnroe and there was Andre Agassi as well. It was a party. The mystique that you feel on this pitch is beautiful,” he said.

Horacio Zeballos, one of the doubles players in the quintet that will seek victory against Belarus, explained why this club is so special to him.

“Here I played interclubs as a boy, since I was nine years old. I waited every weekend for my old man to bring me from Mar del Plata. I have walked through these corridors for many years and having this opportunity to play Davis makes me very excited, “he recalled the Mar del Plata “I remember coming to see several series against Lapenti’s Ecuador, with Hernán Gumy as the protagonist of the Argentine team. I have beautiful memories of this place.”

The mystique of the BALTC in full swing, with Guillermo Coria cheering from the stands at the close of the match against the Czechs in 2005. Photo EFE

The mystique of the BALTC in full swing, with Guillermo Coria cheering from the stands at the close of the match against the Czechs in 2005. Photo EFE

For Federico Coria, the match before this weekend will be doubly special, because it will also mark his Davis debut in a stadium that was a great inspiration in his career.

“It gives me a little goosebumps. I was here in the 2005 series against the Czech Republic. I don’t remember much about tennis, except for the match between Guille and Tomas Berdych. What most caught my attention at that time was the people and what my brother and the entire Legion generated. I always say that I play tennis because of those experiences. Being able to enjoy my first Davis Cup in this stadium is going to be unforgettable,” said Rosario.

“We made a lot of effort to play in this stadium, which has so much history,

The first Davis Cup series that was played at the BALTC was in 1933, for the final of the American Zone. Argentina, with Adriano Zappa, Héctor Cattaruzza, Guillermo Robson Y Lucilo del Castillo, defeated Chile 4-0, in a duel played over four days (from April 7 to 10), since the opening day was suspended due to rain, and it was not even completed. The fifth point was canceled due to lack of light, when the locals had secured the victory.

The celebration of Nalbandian and Cañas after winning the doubles against the Czech Republic 16 years ago.  Photo EFE

The celebration of Nalbandian and Cañas after winning the doubles against the Czech Republic 16 years ago. Photo EFE

Seventy-two years later, that clash between Argentina and the Czech Republic that Fede Coria spoke about was played. For the first round of the World Group, the national team, with Guillermo Coria, David Nalbandian, William Canas Y Agustin Calleri, Y Alberto Mancini as captain, he won 5-0. It was Davis’ farewell to that emblematic club.

The following year, the AAT decided to move the headquarters to Parque Roca, which housed the competition until 2013, and then began its remodeling. In the last seven years, the Argentine team played as a local in different parts of the country. And this weekend, finally, he will return to the legendary BALTC.

Scene of great battles of the past, the Cathedral of national tennis will once again vibrate with the action of the Davis Cup.

We want to thank the author of this post for this awesome material

Davis Cup: the Argentine team returns to Buenos Aires Lawn Tennis after 16 years

) [summary] => The Buenos Aires Lawn Tennis It was for more than seven decades the home of the Argentine Davis Cup team. Between 1933 and 2005, that mythical Buenos Aires club received 40 series of that tournament and great legends of this sport and the most talented rackets of our country passed through the brick dust of ... Read more [atom_content] =>

The Buenos Aires Lawn Tennis It was for more than seven decades the home of the Argentine Davis Cup team. Between 1933 and 2005, that mythical Buenos Aires club received 40 series of that tournament and great legends of this sport and the most talented rackets of our country passed through the brick dust of the central court. This Saturday, after 16 years, the Tennis Cathedral will once again vibrate with the most prestigious country competition in the clash between Argentina Y Belarus, corresponding to World Group I.

That reunion – which will be sweeter because it will take place with the fans in the stands, after 70 percent of the capacity has been enabled – will give the games a very special seasoning.

“We are all children of the BALTC. We were born playing here. The central court is magical, it has a lot of history. All the best Argentine tennis players have passed through here, starting with Guillermo Vilas and historical series were lived. It is a place of reference for Argentine tennis”, reflected Mariano Zabaleta in chat with Clarín.

González, Zeballos, Pella, Gaudio (captain), Schwartzman and Coria, the Argentine team with the BALTC in the background. AAT Press Photo

Although it was not only that historical and sentimental weight that the club has that prompted the return of Davis. The current vice president of the Argentine Tennis Association and former member of the legion He said that behind the choice of this venue there was a very important sporting reason.

“We have a lot of dialogue with the players and the captains, who are the ones who enter the court to play the matches, and we made this decision in consensus. It was a bit of a proposal from them to play again on Lawn Tennis. Sportingly they thought – and we also thought that it was the best thing to face Belarus due to the climatic conditions at this time of year, because it is a field at sea level and because we hoped to have the possibility that there would be people in the stands, as in the end it will happen And we must not lose sight of the objective, which is that the boys are calm and comfortable to perform in the best way and be able to look for a victory”, assured Zabaleta.

And he added: “The BALTC accepted the proposal right away, with great joy. The club has always worked with the AAT together for the development of tennis and did not want to miss this opportunity so that the Davis could be played on this court again after 16 years. They are super happy. This reunion is a great happiness for everyone. Hopefully it will be a great party.”

In his time as a player, the former number 21 in the world played only one local series at Davis: the 5-0 win over Russia at River Stadium, in the 2003 quarterfinals. But, like some of the current members of the Argentine team, has nice memories of other clashes that took place in the BALTC.

“The first time I went to see the Davis Cup as a child was at Lawn Tennis, an Argentina-United States match. Guillermo Perez Roldan with John McEnroe and there was Andre Agassi as well. It was a party. The mystique that you feel on this pitch is beautiful,” he said.

Horacio Zeballos, one of the doubles players in the quintet that will seek victory against Belarus, explained why this club is so special to him.

“Here I played interclubs as a boy, since I was nine years old. I waited every weekend for my old man to bring me from Mar del Plata. I have walked through these corridors for many years and having this opportunity to play Davis makes me very excited, “he recalled the Mar del Plata “I remember coming to see several series against Lapenti’s Ecuador, with Hernán Gumy as the protagonist of the Argentine team. I have beautiful memories of this place.”

The mystique of the BALTC in full swing, with Guillermo Coria cheering from the stands at the close of the match against the Czechs in 2005. Photo EFE

The mystique of the BALTC in full swing, with Guillermo Coria cheering from the stands at the close of the match against the Czechs in 2005. Photo EFE

For Federico Coria, the match before this weekend will be doubly special, because it will also mark his Davis debut in a stadium that was a great inspiration in his career.

“It gives me a little goosebumps. I was here in the 2005 series against the Czech Republic. I don’t remember much about tennis, except for the match between Guille and Tomas Berdych. What most caught my attention at that time was the people and what my brother and the entire Legion generated. I always say that I play tennis because of those experiences. Being able to enjoy my first Davis Cup in this stadium is going to be unforgettable,” said Rosario.

“We made a lot of effort to play in this stadium, which has so much history,

The first Davis Cup series that was played at the BALTC was in 1933, for the final of the American Zone. Argentina, with Adriano Zappa, Héctor Cattaruzza, Guillermo Robson Y Lucilo del Castillo, defeated Chile 4-0, in a duel played over four days (from April 7 to 10), since the opening day was suspended due to rain, and it was not even completed. The fifth point was canceled due to lack of light, when the locals had secured the victory.

The celebration of Nalbandian and Cañas after winning the doubles against the Czech Republic 16 years ago.  Photo EFE

The celebration of Nalbandian and Cañas after winning the doubles against the Czech Republic 16 years ago. Photo EFE

Seventy-two years later, that clash between Argentina and the Czech Republic that Fede Coria spoke about was played. For the first round of the World Group, the national team, with Guillermo Coria, David Nalbandian, William Canas Y Agustin Calleri, Y Alberto Mancini as captain, he won 5-0. It was Davis’ farewell to that emblematic club.

The following year, the AAT decided to move the headquarters to Parque Roca, which housed the competition until 2013, and then began its remodeling. In the last seven years, the Argentine team played as a local in different parts of the country. And this weekend, finally, he will return to the legendary BALTC.

Scene of great battles of the past, the Cathedral of national tennis will once again vibrate with the action of the Davis Cup.

We want to thank the author of this post for this awesome material

Davis Cup: the Argentine team returns to Buenos Aires Lawn Tennis after 16 years

) [5] => Array ( [title] => Boycott discussion about the Olympic Winter Games in Beijing [link] => https://debatepost.com/sport/boycott-discussion-about-the-olympic-winter-games-in-beijing/ [dc] => Array ( [creator] => Ann Moon ) [pubdate] => Mon, 24 Jan 2022 21:44:24 +0000 [category] => SportBeijingBoycottdiscussionGamesOlympicwinter [guid] => https://debatepost.com/?p=11578 [description] => Mr. Dahlin, the closer the Winter Olympics in Beijing draws, the louder the criticism, mainly because of the human rights situation. What about human rights in China? Peter Dahlin: Since the 2008 Summer Olympics, we have seen a steady deterioration in all areas related to fundamental human rights. The situation has deteriorated in recent years ... Read more [content] => Array ( [encoded] =>

Mr. Dahlin, the closer the Winter Olympics in Beijing draws, the louder the criticism, mainly because of the human rights situation. What about human rights in China?

Peter Dahlin: Since the 2008 Summer Olympics, we have seen a steady deterioration in all areas related to fundamental human rights. The situation has deteriorated in recent years to the extent that action is no longer just taken against human rights activists, but against many areas of civil society.

Can you elaborate on that?

Dahlin: First, a few years ago, the term “civil society” was banned and replaced with “public society”. Everything that the leadership sees as civil society takes place outside of the party and the state and therefore poses a potential threat to them. Especially after global protests and revolutions, the government wants to smash every form of civil organization.

You too were seen as a threat to the Communist Party and imprisoned in 2016. Please tell us about your detention.

Dahlin: Well, I’ve never been arrested in the classic sense, never been charged or been part of a judicial process. Instead, I was put in a so-called “black prison” where the regime makes dissidents disappear – a massively growing system of criminal arbitrariness. It goes against anything seen as anti-partisan and exemplifies the collapse of the judicial system. I was held in solitary confinement, in a padded suicide cell, for a month, and was only released following intense diplomatic pressure.

“Of course, a diplomatic boycott will not prevent the games”

How did this experience change your perception of China?

Dahlin: She took my hope away. Otherwise, the suppression of civil society occurs in cycles. After severe suppression, relaxation follows. Reform and opening-up were a means for China to grow and become stronger. Now the country is strong both domestically and internationally and is regaining control of society. Suppression is increasing, but there is no prospect of relaxation. A worrying development.

Given this catastrophic human rights situation, should the Olympic Games be held there?

Dahlin: I think it’s too late to cancel. What I’m wondering is why wasn’t this discussed at the time of award? Why has nothing been learned from the many empty promises made about the 2008 Summer Games? Especially in countries with a difficult human rights situation, these discussions must be conducted and the promises of the host must be analyzed. Instead, all promises broken at the time were IOC swept under the rug. On the part of IOC so there was no analysis, no re-assessment of risk, no nothing.

Several countries including the USA, have declared a diplomatic boycott. How do you rate this political tool?

Dahlin: Of course, a diplomatic boycott will not prevent the games. But judging by the Chinese leadership’s reaction, it seems to be working very well. They desperately want high-ranking political figures to attend the games and they are now being denied that. For them, this is a threat to their legitimacy. It challenges the global stage that China wants to use for self-expression.

We would love to give thanks to the author of this write-up for this awesome material

Boycott discussion about the Olympic Winter Games in Beijing

) [summary] => Mr. Dahlin, the closer the Winter Olympics in Beijing draws, the louder the criticism, mainly because of the human rights situation. What about human rights in China? Peter Dahlin: Since the 2008 Summer Olympics, we have seen a steady deterioration in all areas related to fundamental human rights. The situation has deteriorated in recent years ... Read more [atom_content] =>

Mr. Dahlin, the closer the Winter Olympics in Beijing draws, the louder the criticism, mainly because of the human rights situation. What about human rights in China?

Peter Dahlin: Since the 2008 Summer Olympics, we have seen a steady deterioration in all areas related to fundamental human rights. The situation has deteriorated in recent years to the extent that action is no longer just taken against human rights activists, but against many areas of civil society.

Can you elaborate on that?

Dahlin: First, a few years ago, the term “civil society” was banned and replaced with “public society”. Everything that the leadership sees as civil society takes place outside of the party and the state and therefore poses a potential threat to them. Especially after global protests and revolutions, the government wants to smash every form of civil organization.

You too were seen as a threat to the Communist Party and imprisoned in 2016. Please tell us about your detention.

Dahlin: Well, I’ve never been arrested in the classic sense, never been charged or been part of a judicial process. Instead, I was put in a so-called “black prison” where the regime makes dissidents disappear – a massively growing system of criminal arbitrariness. It goes against anything seen as anti-partisan and exemplifies the collapse of the judicial system. I was held in solitary confinement, in a padded suicide cell, for a month, and was only released following intense diplomatic pressure.

“Of course, a diplomatic boycott will not prevent the games”

How did this experience change your perception of China?

Dahlin: She took my hope away. Otherwise, the suppression of civil society occurs in cycles. After severe suppression, relaxation follows. Reform and opening-up were a means for China to grow and become stronger. Now the country is strong both domestically and internationally and is regaining control of society. Suppression is increasing, but there is no prospect of relaxation. A worrying development.

Given this catastrophic human rights situation, should the Olympic Games be held there?

Dahlin: I think it’s too late to cancel. What I’m wondering is why wasn’t this discussed at the time of award? Why has nothing been learned from the many empty promises made about the 2008 Summer Games? Especially in countries with a difficult human rights situation, these discussions must be conducted and the promises of the host must be analyzed. Instead, all promises broken at the time were IOC swept under the rug. On the part of IOC so there was no analysis, no re-assessment of risk, no nothing.

Several countries including the USA, have declared a diplomatic boycott. How do you rate this political tool?

Dahlin: Of course, a diplomatic boycott will not prevent the games. But judging by the Chinese leadership’s reaction, it seems to be working very well. They desperately want high-ranking political figures to attend the games and they are now being denied that. For them, this is a threat to their legitimacy. It challenges the global stage that China wants to use for self-expression.

We would love to give thanks to the author of this write-up for this awesome material

Boycott discussion about the Olympic Winter Games in Beijing

) [6] => Array ( [title] => The draw of the quarterfinals: Berrettini and Sinner can find themselves in the final [link] => https://debatepost.com/tennis/the-draw-of-the-quarterfinals-berrettini-and-sinner-can-find-themselves-in-the-final/ [dc] => Array ( [creator] => Kent Miner ) [pubdate] => Mon, 24 Jan 2022 21:04:50 +0000 [category] => TennisBerrettinidrawfinalquarterfinalsSinner [guid] => https://debatepost.com/?p=11572 [description] => Frenchman Monfils will be the opponent of the last Wimbledon finalist. The South Tyrolean instead will face Tsitsipas For the fifth time in the history of the Grand Slams, two Italian tennis players arrive at the same time to play for a place for the semifinals. It had happened to Gianni Cucelli and Rolando Del ... Read more [content] => Array ( [encoded] =>

Frenchman Monfils will be the opponent of the last Wimbledon finalist. The South Tyrolean instead will face Tsitsipas

For the fifth time in the history of the Grand Slams, two Italian tennis players arrive at the same time to play for a place for the semifinals. It had happened to Gianni Cucelli and Rolando Del Bello at Roland Garros in 1948, to Beppe Merlo and Nicola Pietrangeli at Roland Garros in 1956, to Nicola Pietrangeli and Orlando Sirola at Roland Garros in 1960 and finally to Paolo Bertolucci and Adriano Panatta at Roland Garros in 1973. This time the company bears the signature of Matteo Berrettini and Jannik Sinner and has the concrete stage of the Rod Laver Arena in Melbourne, which traditionally is the first Grand Slam tournament of the season.

Berrettini-Monflils

The first of the two Azzurri to take the field is Matteo Berrettini who in the late Italian morning on Tuesday faces the Frenchman Gael Monfils. The precedents see Matteo ahead 2-0: the Roman beat the transalpine in the quarter-final of the 2019 United States Open for 3-6 6-3 6-2 3-6 7-6 (7-5 ​​the tie- final break) and in the group stage of the 2021 ATP Cup (6-4 6-2). At 35, Monfils is the second oldest among those left in the race and is also the one with the worst ranking (number 20 in the world). Berrettini, on the other hand, is almost 10 years younger and has been among the top 10 in the world continuously since the end of October 2019. For Berrettini it is the first Grand Slam quarter-final reached in Australia, the fifth overall after the semifinal at the United States Open in 2019 and the trio of 2021 (quarter-finals in Paris, final in Wimbledon and quarter-finals at the United States Open, always defeated in four sets by Novak Djokovic).

The French

For Monfils, on the other hand, it is the second quarter-final in Australia after that of 2016 lost to Raonic, and the tenth overall in the Grand Slams (2 in Australia, 4 at Roland Garros and 4 at the United States Open). Only twice the Frenchman has made it through this round: at Roland Garros in 2008 when he beat David Ferrer and at the United States Open in 2016 when he won the derby against Lucas Pouille. The statistical strength of Matteo Berrettini is represented by the aces: he has placed 80 in four matches, he is the player still in the race to have made the most, the third overall after Cressy’s 95 aces and Cilic’s 85 aces. Monfils, on the other hand, is eleventh with 53 aces. On the other hand, Berrettini remained on the pitch for almost 5 hours longer than Monfils. The Roman took 12 hours and 20 minutes to beat Nakashima, Kozlov, Alcaraz and Carreno Busta: in Monfils, on the other hand, 7 hours and 39 minutes were enough to tame Coria, Bublik, Garin and Kecmanovic. And this in a long match can represent a significant advantage in favor of Monfils.

Italians

No Italian has ever reached the semifinals at the Australian Open. Giorgio De Stefani lost with a triple 6-0 in the quarterfinals of 1935 to Fred Perry (the first player in history to win all four Slams in his career), Nicola Pietrangeli surrendered in three sets to Malcolm Anderson in 1957 and finally Cristiano Caratti lost in five sets in 1991 to Patrick McEnroe. France instead won the Australian Championships in 1928 with Jean Borotra and in the Open Era brought two players to the final: Arnaud Clement in 2001 (beaten by Agassi) and Jo-Wilfried Tsonga in 2008 (overtaken by Djokovic).

Sinner-Tsitsipas

On Wednesday it will be Jannik Sinner’s turn to face Greek Stefanos Tsitsipas. It will be their fourth direct confrontation: Tsitsipas won the first challenge at the Foro Italico in 2019 (6-3 6-2), Sinner won the second one again at the Internazionali d’Italia but in 2020 (6-1 6-7 6- 2) and finally the Greek excelled in the last one in Barcelona 2021, beating his rival with a double 6-3. At 20 years and 5 months Sinner is the youngest of the eight players left in the competition, while Tsitsipas at 23 is the fourth youngest after Sinner, Auger-Aliassime and Shapovalov. Sinner is in the second Grand Slam quarter-final of his career after the one he lost against Nadal at Roland Garros 2020, Tsitispas is in the fifth Grand Slam quarter-final, and at this level he never lost: the Greek in fact beat Bautista-Agut in the quarterfinals of the Australian Open 2019, Rublev at Roland Garros 2020, Nadal at Australian Open 2021 and Medvedev at Roland Garros 2021. Tsitsipas remained on the pitch for 11 hours and 37 minutes, Sinner instead only for 8 hours and 54 minutes.

He records

Between the Greek and the South Tyrolean there is a particular match with a prize also a record of precocity that Sinner could snatch from his rival for just one day of difference. By winning, Sinner would become the second-youngest semi-finalist of the last 20 years at the Australian Open, after Andy Roddick who succeeded in 2003 at 20 years and 4 months. Sinner would become one at 20 years, 5 months and 14 days, one day less than Tsitsipas did in 2019 (20 years, 5 months and 15 days). If the two Italians win, it will be the second time in history with two Azzurri in the Grand Slam semifinals. Previously it had only happened at Roland Garros in 1960, the tournament that marked Nicola Pietrangeli’s second and last Slam success. In that tournament Orlando Sirola reached the semifinals losing to the Chilean Luis Ayala then regulated in the final by Pietrangeli. In case of victory Matteo Berrettini will find one between Rafael Nadal and Denis Shapovalov (both left-handed) in the semifinal, while Sinner the winner between Daniil Medvedev and Felix Auger-Aliassime.

Watch the Australian Open on Discovery +.Activate now

We would like to give thanks to the writer of this write-up for this remarkable web content

The draw of the quarterfinals: Berrettini and Sinner can find themselves in the final

) [summary] => Frenchman Monfils will be the opponent of the last Wimbledon finalist. The South Tyrolean instead will face Tsitsipas For the fifth time in the history of the Grand Slams, two Italian tennis players arrive at the same time to play for a place for the semifinals. It had happened to Gianni Cucelli and Rolando Del ... Read more [atom_content] =>

Frenchman Monfils will be the opponent of the last Wimbledon finalist. The South Tyrolean instead will face Tsitsipas

For the fifth time in the history of the Grand Slams, two Italian tennis players arrive at the same time to play for a place for the semifinals. It had happened to Gianni Cucelli and Rolando Del Bello at Roland Garros in 1948, to Beppe Merlo and Nicola Pietrangeli at Roland Garros in 1956, to Nicola Pietrangeli and Orlando Sirola at Roland Garros in 1960 and finally to Paolo Bertolucci and Adriano Panatta at Roland Garros in 1973. This time the company bears the signature of Matteo Berrettini and Jannik Sinner and has the concrete stage of the Rod Laver Arena in Melbourne, which traditionally is the first Grand Slam tournament of the season.

Berrettini-Monflils

The first of the two Azzurri to take the field is Matteo Berrettini who in the late Italian morning on Tuesday faces the Frenchman Gael Monfils. The precedents see Matteo ahead 2-0: the Roman beat the transalpine in the quarter-final of the 2019 United States Open for 3-6 6-3 6-2 3-6 7-6 (7-5 ​​the tie- final break) and in the group stage of the 2021 ATP Cup (6-4 6-2). At 35, Monfils is the second oldest among those left in the race and is also the one with the worst ranking (number 20 in the world). Berrettini, on the other hand, is almost 10 years younger and has been among the top 10 in the world continuously since the end of October 2019. For Berrettini it is the first Grand Slam quarter-final reached in Australia, the fifth overall after the semifinal at the United States Open in 2019 and the trio of 2021 (quarter-finals in Paris, final in Wimbledon and quarter-finals at the United States Open, always defeated in four sets by Novak Djokovic).

The French

For Monfils, on the other hand, it is the second quarter-final in Australia after that of 2016 lost to Raonic, and the tenth overall in the Grand Slams (2 in Australia, 4 at Roland Garros and 4 at the United States Open). Only twice the Frenchman has made it through this round: at Roland Garros in 2008 when he beat David Ferrer and at the United States Open in 2016 when he won the derby against Lucas Pouille. The statistical strength of Matteo Berrettini is represented by the aces: he has placed 80 in four matches, he is the player still in the race to have made the most, the third overall after Cressy’s 95 aces and Cilic’s 85 aces. Monfils, on the other hand, is eleventh with 53 aces. On the other hand, Berrettini remained on the pitch for almost 5 hours longer than Monfils. The Roman took 12 hours and 20 minutes to beat Nakashima, Kozlov, Alcaraz and Carreno Busta: in Monfils, on the other hand, 7 hours and 39 minutes were enough to tame Coria, Bublik, Garin and Kecmanovic. And this in a long match can represent a significant advantage in favor of Monfils.

Italians

No Italian has ever reached the semifinals at the Australian Open. Giorgio De Stefani lost with a triple 6-0 in the quarterfinals of 1935 to Fred Perry (the first player in history to win all four Slams in his career), Nicola Pietrangeli surrendered in three sets to Malcolm Anderson in 1957 and finally Cristiano Caratti lost in five sets in 1991 to Patrick McEnroe. France instead won the Australian Championships in 1928 with Jean Borotra and in the Open Era brought two players to the final: Arnaud Clement in 2001 (beaten by Agassi) and Jo-Wilfried Tsonga in 2008 (overtaken by Djokovic).

Sinner-Tsitsipas

On Wednesday it will be Jannik Sinner’s turn to face Greek Stefanos Tsitsipas. It will be their fourth direct confrontation: Tsitsipas won the first challenge at the Foro Italico in 2019 (6-3 6-2), Sinner won the second one again at the Internazionali d’Italia but in 2020 (6-1 6-7 6- 2) and finally the Greek excelled in the last one in Barcelona 2021, beating his rival with a double 6-3. At 20 years and 5 months Sinner is the youngest of the eight players left in the competition, while Tsitsipas at 23 is the fourth youngest after Sinner, Auger-Aliassime and Shapovalov. Sinner is in the second Grand Slam quarter-final of his career after the one he lost against Nadal at Roland Garros 2020, Tsitispas is in the fifth Grand Slam quarter-final, and at this level he never lost: the Greek in fact beat Bautista-Agut in the quarterfinals of the Australian Open 2019, Rublev at Roland Garros 2020, Nadal at Australian Open 2021 and Medvedev at Roland Garros 2021. Tsitsipas remained on the pitch for 11 hours and 37 minutes, Sinner instead only for 8 hours and 54 minutes.

He records

Between the Greek and the South Tyrolean there is a particular match with a prize also a record of precocity that Sinner could snatch from his rival for just one day of difference. By winning, Sinner would become the second-youngest semi-finalist of the last 20 years at the Australian Open, after Andy Roddick who succeeded in 2003 at 20 years and 4 months. Sinner would become one at 20 years, 5 months and 14 days, one day less than Tsitsipas did in 2019 (20 years, 5 months and 15 days). If the two Italians win, it will be the second time in history with two Azzurri in the Grand Slam semifinals. Previously it had only happened at Roland Garros in 1960, the tournament that marked Nicola Pietrangeli’s second and last Slam success. In that tournament Orlando Sirola reached the semifinals losing to the Chilean Luis Ayala then regulated in the final by Pietrangeli. In case of victory Matteo Berrettini will find one between Rafael Nadal and Denis Shapovalov (both left-handed) in the semifinal, while Sinner the winner between Daniil Medvedev and Felix Auger-Aliassime.

Watch the Australian Open on Discovery +.Activate now

We would like to give thanks to the writer of this write-up for this remarkable web content

The draw of the quarterfinals: Berrettini and Sinner can find themselves in the final

) [7] => Array ( [title] => European: Italy, with Slovenia another equal. Now we need to beat Kazakhstan [link] => https://debatepost.com/sport/european-italy-with-slovenia-another-equal-now-we-need-to-beat-kazakhstan/ [dc] => Array ( [creator] => Ann Moon ) [pubdate] => Mon, 24 Jan 2022 19:52:03 +0000 [category] => SportbeatequalEuropeanItalyKazakhstanSlovenia [guid] => https://debatepost.com/?p=11566 [description] => The national team remains hanging by a thread: after the draw in the final against Finland, the one with Slovenia (2-2) has arrived. The last game on Friday will be decisive, but for the team seen in these first two games it seems a very tough mission Two seconds from the end of the match ... Read more [content] => Array ( [encoded] =>

The national team remains hanging by a thread: after the draw in the final against Finland, the one with Slovenia (2-2) has arrived. The last game on Friday will be decisive, but for the team seen in these first two games it seems a very tough mission

Two seconds from the end of the match against Slovenia, Italy’s European Championship virtually risked finishing. With the goalkeeper on the pitch and the blue goal empty, the Slovenian goalkeeper Berzelak kicked, finding the post and keeping the Azzurri alive. The national team is still hanging by a thread: after the draw caught in the final against Finland, the one with Slovenia (2-2) has arrived, which already puts Italy with its back to the wall. The last match on Friday against Kazakhstan (17.30) will be decisive, but for the team seen in these first two matches it seems a very tough mission. To complicate the life of the national team, Stefano Mammarella’s positivity at Covid, even if his replacement in goal Lorenzo Pietrangelo was perhaps the best in the field: a signal.

WITHOUT BREAST

Italy’s day began with the positivity of captain Mammarella, replaced in the list and between the posts by Pietrangelo, who was already aggregated in the Netherlands and who was immediately put on the field with the 18-year-old Berthod (who was already in the 14 ) on the bench. Motta also out due to injury, replaced by De Oliveira. Italy, however, started very well, taking the lead after only 39 seconds with Nicolodi, who already scored against Finland. Azzurri close to doubling: the Slovenian goalkeeper Berzelak was lucky to deflect Merlim’s free-kick on the post. The new captain of Italy and star of Sporting, however, at 9’38 ” was the protagonist of the episode that gave Slovenia the equalizer. On Turk’s lineout, Merlim’s detour fooled Pietrangelo. The goalkeeper of Came Dosson in the final of the first half and with Slovenia with five fouls was good on Ceh and Hozjan, player of Naples.

DRAW MERLIM

As in the second half of the first half, even at the beginning of the second half Italy seemed frightened: Cujec pardoned her by kicking out from a few meters, on the other side a lightning bolt from Musumeci with a deviation of Berzelak’s foot. But Slovenia (already executioner of Italy in 2018 and the only one to beat them in the European Championship won in 2014) continued to be scary: Totoskovic’s pole (he also plays in Italy, in Sampdoria) also thanks to a deviation. But in the end Slovenia found the goal: Hozjan won the rebound with Merlim and had the coldness to move the ball and kick it behind Pietrangelo. When Italy was close to collapse, Merlim on a free kick found the only space available between the goalkeeper and the barrier and let the 2-2 ball pass there. At 6’40 “, Italy found themselves with five fouls against: Pietrangelo was still decisive on Hozjan, then Bellarte – to keep possession, but not only – tried the move of the moving goalkeeper (Musumeci) , but the result did not come off thanks to yet another intervention by Pietrangelo on Cujec’s header and Berzelak’s incredible post from his own goal. The numbers of the match are in any case the photograph of the match and of the moment of Italy, which shot less than half of the Slovenians in the mirror (7 against 16) and a total of 13 fewer times (34 to 47). That’s why we need a feat against Kazakhstan, but luck was on our side.

We would like to thank the writer of this short article for this awesome content

European: Italy, with Slovenia another equal. Now we need to beat Kazakhstan

) [summary] => The national team remains hanging by a thread: after the draw in the final against Finland, the one with Slovenia (2-2) has arrived. The last game on Friday will be decisive, but for the team seen in these first two games it seems a very tough mission Two seconds from the end of the match ... Read more [atom_content] =>

The national team remains hanging by a thread: after the draw in the final against Finland, the one with Slovenia (2-2) has arrived. The last game on Friday will be decisive, but for the team seen in these first two games it seems a very tough mission

Two seconds from the end of the match against Slovenia, Italy’s European Championship virtually risked finishing. With the goalkeeper on the pitch and the blue goal empty, the Slovenian goalkeeper Berzelak kicked, finding the post and keeping the Azzurri alive. The national team is still hanging by a thread: after the draw caught in the final against Finland, the one with Slovenia (2-2) has arrived, which already puts Italy with its back to the wall. The last match on Friday against Kazakhstan (17.30) will be decisive, but for the team seen in these first two matches it seems a very tough mission. To complicate the life of the national team, Stefano Mammarella’s positivity at Covid, even if his replacement in goal Lorenzo Pietrangelo was perhaps the best in the field: a signal.

WITHOUT BREAST

Italy’s day began with the positivity of captain Mammarella, replaced in the list and between the posts by Pietrangelo, who was already aggregated in the Netherlands and who was immediately put on the field with the 18-year-old Berthod (who was already in the 14 ) on the bench. Motta also out due to injury, replaced by De Oliveira. Italy, however, started very well, taking the lead after only 39 seconds with Nicolodi, who already scored against Finland. Azzurri close to doubling: the Slovenian goalkeeper Berzelak was lucky to deflect Merlim’s free-kick on the post. The new captain of Italy and star of Sporting, however, at 9’38 ” was the protagonist of the episode that gave Slovenia the equalizer. On Turk’s lineout, Merlim’s detour fooled Pietrangelo. The goalkeeper of Came Dosson in the final of the first half and with Slovenia with five fouls was good on Ceh and Hozjan, player of Naples.

DRAW MERLIM

As in the second half of the first half, even at the beginning of the second half Italy seemed frightened: Cujec pardoned her by kicking out from a few meters, on the other side a lightning bolt from Musumeci with a deviation of Berzelak’s foot. But Slovenia (already executioner of Italy in 2018 and the only one to beat them in the European Championship won in 2014) continued to be scary: Totoskovic’s pole (he also plays in Italy, in Sampdoria) also thanks to a deviation. But in the end Slovenia found the goal: Hozjan won the rebound with Merlim and had the coldness to move the ball and kick it behind Pietrangelo. When Italy was close to collapse, Merlim on a free kick found the only space available between the goalkeeper and the barrier and let the 2-2 ball pass there. At 6’40 “, Italy found themselves with five fouls against: Pietrangelo was still decisive on Hozjan, then Bellarte – to keep possession, but not only – tried the move of the moving goalkeeper (Musumeci) , but the result did not come off thanks to yet another intervention by Pietrangelo on Cujec’s header and Berzelak’s incredible post from his own goal. The numbers of the match are in any case the photograph of the match and of the moment of Italy, which shot less than half of the Slovenians in the mirror (7 against 16) and a total of 13 fewer times (34 to 47). That’s why we need a feat against Kazakhstan, but luck was on our side.

We would like to thank the writer of this short article for this awesome content

European: Italy, with Slovenia another equal. Now we need to beat Kazakhstan

) [8] => Array ( [title] => Elezioni Presidente della Repubblica, votazione per il Quirinale in diretta: Salvini incontra Letta e Conte, scheda bianca per i grandi partiti [link] => https://debatepost.com/sport/elezioni-presidente-della-repubblica-votazione-per-il-quirinale-in-diretta-salvini-incontra-letta-e-conte-scheda-bianca-per-i-grandi-partiti/ [dc] => Array ( [creator] => Ann Moon ) [pubdate] => Mon, 24 Jan 2022 18:55:46 +0000 [category] => SportbiancaContedellaDIRETTAElezionigrandiincontraLettapartitiPresidenteQuirinaleRepubblicaSalvinischedavotazione [guid] => https://debatepost.com/?p=11560 [description] => Le news in diretta sull’elezione del Presidente della Repubblica, prima votazione in corso a Montecitorio per i 1008 Grandi Elettori. Nulla di fatto nella giornata di oggi: Lega, PD, M5S, Leu, Italia Viva e FdI voteranno scheda bianca oggi. Calenda: “Per Azione e +Europa l’indicazione è Marta Cartabia”. Meloni: “Propongo Carlo Nordio“. La deputata Cunial ... Read more [content] => Array ( [encoded] =>

Le news in diretta sull’elezione del Presidente della Repubblica, prima votazione in corso a Montecitorio per i 1008 Grandi Elettori. Nulla di fatto nella giornata di oggi: Lega, PD, M5S, Leu, Italia Viva e FdI voteranno scheda bianca oggi. Calenda: “Per Azione e +Europa l’indicazione è Marta Cartabia”. Meloni: “Propongo Carlo Nordio“. La deputata Cunial respinta anche al seggio drive-in.

Fuori dall’Aula di Montecitorio continuano le trattative tra i leader di partito: Letta e Salvini “stanno lavorando su delle ipotesi e si rivedranno domani”, come si legge nella nota. Il leader PD: “Ci rivediamo domani”, Meloni: “È bene che ci si parli”. E aggiunge: “Non ho appuntamenti con Draghi”.

Tra i possibili candidati Presidente della Repubblica, Carlo Nordio proposto da Giorgia Meloni, Andrea Ricciardi per il centrosinistra, la diplomatica Elisabetta Belloni e chiaramente il premier Mario Draghi, senza escludere l’ipotesi di un Mattarella Bis o delle candidature di Casini e Casellati.

La diretta delle votazioni per il Presidente della Repubblica:

Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su

Elezione del Presidente della Repubblica 2022

Elezione del Presidente della Repubblica, oggi incontro Draghi-Letta

Secondo quanto si apprende da fonti parlamentari, Mario Draghi avrebbe avuto oggi un colloquio anche con il leader del Partito Democratico, Enrico Letta. Da Palazzo Chigi e dal Nazareno non confermano e non smentiscono. In queste ore il presidente del Consiglio starebbe incontrando uno a uno tutti i leader politici.

Salvini: “Nelle prossime ore centrodestra farà diverse proposte di qualità per Quirinale”

salvini elezioni primo

Sto lavorando perché nelle prossime ore il centrodestra unito offra non una, ma diverse proposte di qualità, donne e uomini di alto profilo istituzionale e culturale, su cui contiamo ci sia una discussione priva di veti e pregiudizi, che gli italiani non meritano in un momento così delicato dal punto di vista economico e sociale“: sono le parole di Matteo Salvini, mentre si avvia a conclusione la prima giornata di votazioni per il presidente della Repubblica.

Terminata la seconda chiama dei deputati: è il turno dei delegati delle Regioni

È conclusa la seconda chiama dei deputati. “La seduta riprenderà alle 19.40“, ha annunciato il presidente di Montecitorio, Roberto Fico. È adesso il turno dei delegati delle Regioni, gli ultimi a votare per la giornata.

Quirinale, Renzi: “Basta chiacchiere, scelta nell’interesse degli italiani”

matteo renzi

Il leader di Italia Viva, Matteo Renzi, ha twittato una foto che lo ritrae mentre imbuca nell’urna il suo voto per il Presidente della Repubblica: “Prima votazione per il Presidente della Repubblica. Avverto la grande responsabilità e lancio un appello – ha scritto il senatore fiorentino – Basta con le chiacchiere: è il momento di fare una scelta nell’interesse degli italiani, non dei singoli. Come abbiamo fatto 7 anni fa con Mattarella. Fare presto, fare bene“.

Quirinale, offline il sito della Camera e la diretta Youtube della votazione si blocca

Schermata 2022 01 24 alle 19.09.46

Il sito della Camera dei deputati, così come il canale su cui viene trasmessa la diretta del voto per il Presidente della Repubblica, è bloccato. La diretta è ferma alle 18:37. Ovviamente il voto, all’interno di Montecitorio, sta proseguendo regolarmente.

Quirinale, Meloni: “Normale che ci si parli in questo momento, non vedrò Draghi”

meloni

È normale che ci si parli in questo momento, tutti si parlano“, commenta Giorgia Meloni con i cronisti dopo aver votato per il Presidente della Repubblica alla Camera. E quanto a eventuali appuntamenti con il presidente Draghi chiosa: “Non ho in programma appuntamenti“.

L’ex ministro Boccia: “Bene confronto con Salvini, ora trovare nome condiviso”

14200575 small

Bene questo confronto con Salvini, così come con tutti gli altri leader dei partiti. Ora bisogna trovare una figura che unisca tutti“: così il deputato ed ex ministro del Partito democratico Francesco Boccia ha commentato quanto accaduto in questa prima giornata di votazioni per il prossimo presidente della Repubblica. “Sul metodo ci siamo, ora è importante non mettere sul tavolo nomi di parte, che finirebbero per rompere questa unità che si sta piano piano ricercando e che dobbiamo far diventare la nostra ossessione quotidiana“, ha detto.

Presidente della Repubblica, Patuanelli: “Draghi deve stare a Chigi? I cittadini hanno bisogno di certezze”

14033857 small

Mario Draghi deve restare a Palazzo Chigi? “I cittadini hanno bisogno di certezze“, ha risposto così il ministro dell’Agricoltura, il Cinque Stelle Stefano Patuanelli, uscendo dalla Camera dopo la votazione per il presidente della Repubblica, ai giornalisti che gli chiedevano se il presidente del Consiglio dovrebbe restare a Palazzo Chigi.

Letta dopo l’incontro con Salvini: “Ci rivedremo domani, dialogo positivo”

salvini letta

Abbiamo aperto il dialogo, è positivo, ci rivediamo domani“, ha detto Enrico Letta a Montecitorio al termine dell’incontro con Matteo Salvini per definire la partita del Quirinale. Anche Giorgia Meloni ha commentato il vertice avvenuto oggi tra i leader di Pd e Lega: “È bene che ci si parli“, ha detto.

La deputata No Vax Sara Cunial non può votare senza Green Pass: “Querelo tutti”

La deputata No Vax Sara Cunial non è potuta entrare alla Camera per la votazione del presidente della Repubblica in quanto senza Green Pass e ha minacciato di querelare tutti e di invalidare il voto. “Sicuramente quereleremo chi ci ha detto di no e il presidente della Camera, Roberto Fico. Siamo in presenza di un abuso e di una dittatura“, ha commentato Cunial.

Conte incontra Salvini alla Camera: trattative per il Quirinale in corso

giuseppe contte matteo salvini

È in corso alla Camera l’incontro tra Giuseppe Conte e Matteo Salvini: il presidente del Movimento Cinque Stelle e il leader della Lega stanno discutendo dell’elezione del prossimo presidente della Repubblica, mentre sono in corso le votazioni. Nel primo pomeriggio Salvini aveva incontrato anche Enrico Letta.

Quando conosceremo il nome del prossimo Presidente della Repubblica

La prima votazione per il Presidente della Repubblica è ancora in corso, ma è molto difficile che esca un nome già questa sera. Nei prossimi giorni proseguiranno le votazioni, con un calendario ben preciso. Una votazione al giorno: martedì 25 si comincerà alle 15, da mercoledì 26 gennaio il via sarà alle 11 e così anche i giorni successivi.

Quirinale, lungo incontro tra Salvini e Letta: “Lavorano su delle ipotesi”

letta salvini

Matteo Salvini ed Enrico Letta si sono visti di nuovo oggi per parlare del Presidente della Repubblica, secondo quanto fanno sapere note congiunte di Lega e Partito Democratico: “Lungo e cordiale incontro tra Matteo Salvini ed Enrico Letta negli uffici della Lega alla Camera – spiegano – con il faccia a faccia si è aperto un dialogo, i due leader stanno lavorando su delle ipotesi e si rivedranno domani“. Nelle prossime ore il segretario della Lega vedrà anche Giuseppe Conte.

Quirinale, incontro tra Tajani e Conte alla Camera

13502386 medium

Il presidente del Movimento 5 Stelle, Giuseppe Conte, sta incontrando in questi minuti il coordinatore di Forza Italia, Antonio Tajani. La riunione tra i due, incentrata chiaramente sull’elezione del Presidente della Repubblica, è in corso alla Camera dei deputati in sala Tatarella.

Renzi: “Draghi? È una delle ipotesi in campo, ma serve accordo politico per il governo dopo”

14476688 small

È una situazione simile al 2013 dove nessuno sta prendendo una iniziativa politica e quindi di conseguenza al momento non vedo grandi soluzioni all’orizzonte“: lo ha detto Matteo Renzi in Transatlantico, dopo aver votato per l’elezione del presidente della Repubblica. “Spero le prossime 48 ore siano decisive perché si passi dal wrestling di queste ore alla politica. Sono ottimista perché hanno tutti interesse a farlo, la destra e la sinistra. Basta schermaglie, ora si fa sul serio“, ha sottolineato il leader di Italia Viva. Sull’ipotesi di un trasferimento di Mario Draghi da Palazzo Chigi al Quirinale Renzi ha commentato: “È una delle ipotesi in campo, sta in piedi solo in un quadro di accordo politico. L’elezione del presidente della Repubblica non può essere che una scelta politica e prevede un accordo sul governo del dopo. Draghi è una ipotesi in campo, non è la sola“.

Quirinale, cominciate le votazioni al drive in per gli elettori positivi al Covid

Presidente della Repubblica, iniziate elezioni nei drive in per positivi al Covid

Presidente della Repubblica, iniziate elezioni nei drive in per positivi al Covid

Il primo dei grandi elettori che votano per il Presidente della Repubblica nel seggio speciale per positivi al Covid e in quarantena, è entrato pochi minuti fa. L’operazione di voto è durata un paio di minuti in tutto, al termine dei quali il parlamentare è tornato sull’ambulanza che ha subito lasciato via della Missione. Nel drive in si alterneranno diversi altri parlamentari e delegati regionali per votare il capo dello Stato.

Elezione Presidente della Repubblica, Draghi incontrerà tutti i leader di partito

mario draghi 2

La prima votazione per l’elezione del Presidente della Repubblica è in corso, ma i grandi partiti hanno già dichiarato tutti che voteranno scheda bianca e c’è un solo nome di cui si continua a parlare: Mario Draghi. Fonti parlamentari, intanto, hanno riferito a Skytg24 che il presidente del Consiglio ha in agenda degli incontri con tutti i leader dei partiti. Sarebbe un segnale importante per la sua eventuale candidatura.

Votano quattro senatori a vita su sei, Segre: “Molto emozionante essere qui”

segre monti

Dopo i parlamentari che avevano chiesto di anticipare la votazione per motivi di salute, come vuole la norma, sono stati chiamati i senatori a vita nello scrutinio per l’elezione del presidente della Repubblica. Hanno votato quattro senatori a vita su sei: presenti Elena Cattaneo, Renzo Piano, Mario Monti e Liliana Segre. Non hanno invece risposto alla chiama Giorgio Napolitano e Carlo Rubbia. Al termine della votazione Segre, la senatrice a vita sopravvissuta ad Auschwitz, ha commentato: “Molto emozionante essere qui, è la mia prima volta“.

Quirinale, incontro Salvini-Meloni alla Camera

salvini meloni ad atreju

Matteo Salvini e Giorgia Meloni si sono incontrati alla Camera per fare un punto prima del voto sul Presidente della Repubblica: “L’incontro tra Salvini e Meloni si è concluso ed è stato utile per fare il punto della situazione. Più tardi, il segretario della Lega vedrà singolarmente Enrico Letta e Giuseppe Conte“, spiegano dallo staff del leader leghista. Al momento tutti e quattro i partiti hanno dichiarato che voteranno scheda bianca.

La diretta di Fanpage.it sulle elezioni per il presidente della Repubblica

elezioni

Le ultime notizie e gli aggiornamenti sull’elezione del Presidente della Repubblica oggi nella diretta su YouTube di Fanpage.it.

Umberto Bossi il primo a votare: “Non c’è ancora nome condiviso. Draghi? può uscire alla fine”

Umberto Bossi per la votazione del Presidente della Repubblica

Umberto Bossi per la votazione del Presidente della Repubblica

Il primo a votare per l’elezione del presidente della Repubblica è stato il senatore leghista Umberto Bossi. Rispondendo alle domande dei giornalisti in uscita dalla Camera, Bossi ha detto di aver votato “seguendo l’ordine di scuderia“. E sulle trattative per un nome condiviso ha aggiunto: “Ognuno deve ancora fare i suoi nomi. Quello giusto non è ancora uscito fuori“. Potrà essere quello di Mario Draghi? “Draghi può uscire alla fine“, ha detto il senatore.

Voto Quirinale, Fdi: “Disponibili a valutare altri nomi centrodestra oltre a Carlo Nordio”

carlo di nordio

Fratelli d’Italia in una nota ha fatto sapere di essere disponibile ad allargare la rosa dei nomi di centrodestra, oltre a Carlo Nordio, valutando “altre personalità” che rispondano “ai requisiti di autorevolezza, che siano rispettosi della volontà popolare e con a cuore gli interessi nazionali”.

“Fratelli d’Italia – si legge – ha piena ed eguale fiducia in tutti i nomi della rosa del centrodestra che sono circolati e che Giorgia Meloni ha ricordato nel corso dell’assemblea dei grandi elettori di Fdi. Dopo l’inaccettabile pregiudiziale negativa della sinistra su qualsiasi nome proveniente dal centrodestra, Fratelli d’Italia propone di aggiungere personalità che nella loro storia non hanno avuto alcun trascorso politico. Tra queste, anche su suggerimento dell’autorevole Fondazione Einaudi, è stato proposto il nome di Carlo Nordio, per rendere più agevole la convergenza di altre aree politiche qualora non ci fosse da parte della sinistra un atteggiamento strumentale”.

Quirinale, Salvini incontrerà Letta e Conte per trattare sul nome del Presidente della Repubblica

salvini letta 1

Oggi Matteo Salvini incontrerà Enrico Letta e Giuseppe Conte, per tentare di trovare un accordo sul Quirinale. È quanto fanno sapere fonti della Lega. L’obiettivo è di trovare una candidatura condivisa, anche prima di arrivare alla quarta votazione, quando basterà raggiunger il quorum di 505 voti. In questo momento il nome favorito è quello dell’attuale presidente del Consiglio Mario Draghi.

Quirinale, è cominciata la prima votazione per il Presidente della Repubblica: la diretta

Schermata 2022 01 24 alle 15.12.06

È cominciata, alla Camera, la votazione dei grandi elettori per l’elezione del Presidente della Repubblica. Il presidente Fico ha dato il via pochi minuti fa e i primi parlamentari e delegati regionali hanno già cominciato a votare.

Presidente della Repubblica, inizia la prima votazione: la diretta streaming sui canali del Quirinale

La prima votazione per l’elezione del Presidente della Repubblica sta per iniziare. È possibile seguire in diretta la votazione a Montecitorio sul canale YouTube del Quirinale e su quello della Camera dei Deputati.

Le regole anti Covid per l’elezione del Presidente della Repubblica

Per entrare in Aula, spiega una nota interna diffusa tra i parlamentari, bisogna avere innanzi tutto una temperatura inferiore a 37,5°. È obbligatorio indossare le mascherine FFP2, in ogni circostanza, e rispettare le misure generali di prevenzione dell’epidemia. Durante la seduta per la votazione, nella fase del voto, l’accesso all’emiciclo sarà consentito sulla base delle modalità organizzative della chiama: ci sarà una suddivisione per fasce orarie prestabilite, e si procederà per gruppi di 50 elettori, stabiliti in ordine alfabetico.

La Lega voterà scheda bianca alla prima votazione per il presidente della Repubblica

salvini mascherina 1642681135117

Anche la Lega voterà scheda bianca al primo scrutinio per l’elezione del nuovo presidente della Repubblica. È quanto ha indicato Matteo Salvini nell’incontro con i Grandi elettori del suo partito prima della votazione. “Confermeremo di essere seri e responsabili”, ha detto.

Chi è Marta Cartabia, la ministra della Giustizia candidata da Calenda e +Europa al Quirinale

Marta Cartabia è uno dei nomi che si fanno, da diverso tempo, per la carica di Presidente della Repubblica. L’attuale ministra della Giustizia, prima donna alla presidenza della Corte Costituzionale, è stata candidata ufficialmente da Azione e +Europa. Al momento nessun altro si è esposto a favore dell’ex giudice costituzionale, ma il suo profilo potrebbe trovare l’appoggio anche di diverse altre forze politiche.

A che ora inizia l’elezione del Presidente della Repubblica e quando ci sarà lo spoglio

La prima votazione in programma oggi per l’elezione del Presidente della Repubblica inizierà alle ore 15.00. La durata dello scrutinio e dello spoglio sarà di circa sei ore. Verranno allestite tre cabine nell’emiciclo. I Grandi elettori entreranno suddivisi in gruppi di 50 per volta, mentre saranno 200 i parlamentari ammessi in Aula quando ci sarà lo spoglio delle schede.

Chi è Andrea Riccardi, il candidato che per il Csx ha il “profilo ideale” per il Colle

riccardi

Dal centrosinistra filtra un’apertura per un “dialogo vero” con il centrodestra, e la volontà di preservare il nome di Andrea Riccardi, considerato il candidato “ideale” per la presidenza della Repubblica. È quanto hanno stabilito i leader e i capigruppo di Pd, M5s, e Leu, che si sono visti dopo le assemblee dei Grandi elettori per “condividere le conclusioni” dei loro partiti e confermare la scheda bianca alla prima votazione. Giuseppe Conte ha spiegato che il Movimento non intende votarlo subito per non bruciare la candidatura.

Ma chi è Andrea Riccardi? Storico e studioso della Chiesa Cattolica, è il fondatore della comunità di S.Egidio, associazione umanitaria nata nel 1968. Romano, laureato in legge, ha ricoperto la carica di ministro per la Cooperazione internazionale e l’Integrazione nel governo tecnico di Mario Monti.

Gli ultimi sondaggi sui possibili candidati al Quirinale

Secondo l’ultimo sondaggio Demopolis, realizzato in vista dell’elezione del prossimo Presidente della Repubblica, la maggioranza degli italiani spera possa esserci un secondo mandato per Sergio Mattarella, sebbene il Capo dello Stato abbia rimandato al mittente le richieste arrivate, fino ad ora in modo indiretto, dalle forze politiche.

Quirinale, Conte: “Governo non si può fermare, siamo in piena emergenza”

Giuseppe Conte 1631096084826

“Sul Quirinale siamo chiamati a una grande responsabilità, ma non possiamo trascurare che ci sono cittadini, famiglie e imprese che hanno urgenze impellenti: l’azione del governo non si può fermare. Siamo ancora in piena emergenza sanitaria, economica. C’e’ ancora molto da fare”. Lo ha scritto su Twitter il leader del Movimento 5 stelle, Giuseppe Conte.

Cosa succede al Governo se Mario Draghi diventa Presidente della Repubblica

La candidatura di Mario Draghi al Quirinale è più viva che mai, e anche la scelta più facile per questo Parlamento. Ma cosa succederebbe dopo? Gli scenari sono diversi e vanno dalle improbabili elezioni anticipate alla formazione di un nuovo governo. Potrebbe resistere la stessa maggioranza con un presidente tecnico al posto di Draghi, ci potrebbe essere un rimpasto importante con l’ingresso dei pezzi grossi, ma anche la formazione di una nuova maggioranza, la quarta diversa da inizio legislatura.

Quirinale, incontro Letta-Salvini nel pomeriggio: cosa si diranno i due leader

conte letta 1

Slitta al tardo pomeriggio di oggi l’incontro previsto tra il segretario del Pd Enrico Letta e il leader della Lega Matteo Salvini.  Il faccia a faccia si terrà con il primo scrutinio già avviato per l’elezione del Presidente della Repubblica.Il leader dem cercherà di capire se il muro alzato da Salvini su Draghi sia aggirabile o no: “Voglio capire se le dichiarazioni fatte”, su Draghi al Colle, “siano ultimative oppure no”, ha detto Letta, che comunque ha rilanciato la proposta del secondo mandato per Sergio Mattarella: “Per noi sarebbe l’ideale, parleremo anche di questo”. Lo scopo del colloquio è quello comunque di trovare un nome condiviso.

Quirinale, deputata No Vax Cunial in fila con i positivi: “Sono sana ma voto con i malati Covid”

chi e sara cunial la deputata no vax che il m5s sta cacciando

La deputata No Vax Sara Cunial, sprovvista di Green Pass base, necessario per entrare alla Camera, ha annunciato che voterà insieme ai Grandi elettori positivi o in quarantena, nella postazione allestita in via della Missione: “Sono sana e chiedo di poter votare il presidente come è mio diritto costituzionale fare, non vedo perché non possa votare come i malati di Covid sia vaccinati che non”.

“Non far votare un cittadino prima ed un parlamentare poi perché sano è un affronto alla democrazia, alla legge e alle istituzioni. Possono votare i malati, possono votare i positivi, possono votare i vaccinati, purché piegati al regime e alle sue insensate regole. A questo serve il Green pass, a certificare chi, in un modo o nell’altro, si prostra. Non ci sono altre motivazioni. In caso contrario mi sarebbe permesso il voto dall’auto come a tutti gli altri esclusi dall’Aula – prosegue – Io comunque oggi alle 16.00 mi presenterò negli spazi preposti all’esterno di Montecitorio per fare il mio dovere di parlamentare eletto democraticamente dal popolo italiano e annuncio fin da ora che querelerò ogni persona ed istituzione che mi impedirà di esercitare il diritto costituzionale di votare il presidente, che si tratti del commesso alla porta o del presidente Fico. Sono altresì pronta a chiedere l’annullamento delle elezioni del presidente della Repubblica se mi verrà fatta saltare anche solo una chiama”.

Elezione Presidente della Repubblica, come votano i Grandi elettori positivi

Sono circa una dozzina, tra i 12 e i 15, i Grandi elettori positivi al Covid o in quarantena per un contatto con un contagiato, che hanno già inviato il certificato per poter accedere al “seggio speciale”, allestito nel parcheggio di via della Missione per l’elezione del presidente della Repubblica. Un numero che però è in aggiornamento, viene spiegato a Montecitorio, in attesa che arrivino altre richieste. Per poter votare bisogna infatti trasmettere alla Camera il certificato medico che attesta la quarantena o l’isolamento causa positività al Covid.

Quorum e maggioranza in Parlamento, i numeri per eleggere il Presidente della Repubblica

Per eleggere il capo dello Stato va raggiunto un quorum: nei primi tre scrutini, quindi anche oggi, è necessario raggiungere la maggioranza qualificata dei due terzi dei Grandi elettori. Quindi 637 voti. Dal quarto scrutinio in poi, invece, è sufficiente la maggioranza assoluta, cioè 505 voti. Va ricordato che quest’anno sarà l’ultimo in cui bisognerà fare riferimento a questi numeri: visto il taglio dei parlamentari il quorum per la maggioranza qualificata e assoluta cambieranno.

Chi voterà scheda bianca per al primo scrutinio per l’elezione del presidente della Repubblica

MATTARELLA ELEZIONI FANPAGE IMG

Oggi alle ore 15 ci sarà il primo scrutinio per l’elezione del presidente della Repubblica. Manca ancora un’intesa tra le forze politiche per arrivare a un nome condiviso e continuano i colloqui tra i partiti: la maggior parte dei leader ha dato l’indicazione ai propri Grandi elettori di votare scheda bianca.

Casini tra i ‘quirinabili’: “Sono sereno, un privilegio votare il Presidente della Repubblica”

Casini Berlusconi si dimettera

Tra i nomi considerati papabili per il Quirinale circola anche quello dell’ex presidente della Camera Pier Ferdinando Casini: “Sono assolutamente sereno. A volte pensiamo di essere così importanti, ma c’è chi si incarica di decidere per noi. Ho abbastanza autoironia e sono contento di poter votare ancora una volta il nostro nuovo presidente della Repubblica”, ha detto al Resto del Carlino, osservando che proprio in questi momenti si mette in evidenza “la centralità del Parlamento. Ed è molto bello avere l’orgoglio di farne parte, perché rappresenta la collettività nazionale”.

“Troppe volte – aggiunge Casini che è per la settima volta tra i grandi elettori che eleggeranno il capo dello Stato – si ridicolizza e si mortifica il ruolo di questa istituzione. Ma in giorni così importanti, riacquista un grande significato e un grande valore repubblicano”.

“Ho votato per Cossiga, Scalfaro, Ciampi, Napolitano uno, Napolitano due e Mattarella. Ora voterò per il nuovo presidente della Repubblica. Essere testimone di gran parte della vita della nostra Repubblica, lo ritengo già questo un grande privilegio…”.

Elezione Presidente della Repubblica, Calenda e +Europa voteranno Marta Cartabia

ministra cartabia

“Abbiamo deciso, insieme Azione e Più Europa nell’incontro tra i grandi elettori di non andare sulla scheda bianca e di votare Marta Cartabia perché ha le carateristiche per essere un ottimo presidente della Repubblica”. Lo ha dichiarato Carlo Calenda, leader di Azione, al termine dell’incontro con gli alleati.

La ministra Cartabia “è una giurista riconosciuta e un ministro delle Giustizia equilibrata e seria, non è una candidatura di bandiera ma un’offerta al Parlamento perchè può con equilibrio rappresentare tutti gli italiani”, ha aggiunto Calenda, “il nostro è un appello ai parlamentari perché questa occasione non va persa, non possiamo continuare a dare uno spettacolo indecoroso di accordi sotterranei, tatticismi, abbiamo inviato i partiti a incontrarci per parlare di Quirinale, non hanno voluto, non si può andare avanti così, dico alle parlamentari se non votiamo, se non spingiamo su un profilo come quello della Cartabia, se non ora quando? Non voteremo la Cartabia perché è donna ma perché ha il profilo perfetto ed è anche donna”.

Chi è Carlo Nordio, il candidato Presidente della Repubblica proposto da Meloni

Carlo Nordio

La presidente di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni ha proposto la candidatura di Carlo Nordio, ex magistrato. L’idea è quella di “allargare la rosa dei ‘quirinabili’ anche alle personalità che non hanno un trascorso politico”. Secondo Meloni su questa figura è “difficile che si possano muovere obiezioni”. È stato consulente della Commissione Parlamentare per il terrorismo e presidente della Commissione ministeriale per la riforma del codice penale. Fino al pensionamento, avvenuto nel 2017, è stato procuratore aggiunto della Procura di Venezia.

Meloni annuncia che Fratelli d’Italia non sosterrà mai un Mattarella bis

casellati mattarella fico

“Alcuni lavorano alla riproposizione di Mattarella anche se lui stesso ha dichiarato la sua indisponibilità. Noi non lo chiediamo e su questa ipotesi siamo indisponibili: quella della riconferma del Presidente uscente non può diventare una prassi”, ha detto Giorgia Meloni, secondo quanto si apprende, parlando all’assemblea dei grandi elettori di Fratelli d’Italia.

“Molte personalità, che provengono dall’area del centrodestra, avrebbero il curriculum e lo standing per ricoprire il ruolo di presidente. Nomi come quello di Marcello Pera, Letizia Moratti, Elisabetta Alberti Casellati, Giulio Tremonti, Franco Frattini sono tutti autorevoli. Io ho chiesto di allargare la rosa anche alle personalità che non hanno un trascorso politico e per questo abbiamo aggiunto il nome di Carlo Nordio, su cui ci pare difficile che si possano muovere obiezioni”, ha aggiunto la leader di Fratelli d’Italia.

Quirinale, la deputata Sessa subentrerà al posto di Fasano: Grandi elettori di nuovo 1009

urna voto quirinale presidente

Sarà Maria Rosa Sessa detta Rossella a subentrare al posto di Enzo Fasano, il deputato di Forza Italia, morto ieri. Lo ha annunciato su Twitter il deputato e capogruppo del Pd in commissione Affari Costituzionali, Stefano Ceccanti. Il deputato deceduto all’età di 71 anni, era stato eletto nella circoscrizione Campania 2 e la subentrante sarà appunto Rosella Sessa, i cui titoli sono stati verificati a tempo di record dalla Giunta per le elezioni della Camera e la cui elezione verrà proclamata in apertura di seduta oggi, per ripristinare il quorum di 1009 elettori, che era stato stabilito nelle votazioni per il presidente della Repubblica.

I compiti e le funzioni del Presidente della Repubblica

I compiti del Presidente della Repubblica sono elencati negli articoli 87 e 88 della Costituzione:

Art 87

Il Presidente della Repubblica è il Capo dello Stato e rappresenta l’unità nazionale.

  • Può inviare messaggi alle Camere.
  • Indice le elezioni delle nuove Camere e ne fissa la prima riunione.
  • Autorizza la presentazione alle Camere dei disegni di legge di iniziativa del Governo.
  • Promulga le leggi ed emana i decreti aventi valore di legge e i regolamenti.
  • Indice il referendum popolare nei casi previsti dalla Costituzione.
  • Nomina, nei casi indicati dalla legge, i funzionari dello Stato.
  • Accredita e riceve i rappresentanti diplomatici, ratifica i trattati internazionali, previa, quando occorra, l’autorizzazione delle Camere.
  • Ha il comando delle Forze armate, presiede il Consiglio supremo di difesa costituito secondo la legge, dichiara lo stato di guerra deliberato dalle Camere.
  • Presiede il Consiglio superiore della magistratura.
  • Può concedere grazia e commutare le pene.
  • Conferisce le onorificenze della Repubblica.

Art 88

Il Presidente della Repubblica può, sentiti i loro Presidenti, sciogliere le Camere o anche una sola di esse.

Non può esercitare tale facoltà negli ultimi sei mesi del suo mandato, salvo che essi coincidano in tutto o in parte con gli ultimi sei mesi della legislatura.

Quirinale, Pd, M5s, Leu e Iv voteranno scheda bianca al primo voto

Collage Conte Letta

Il centrosinistra ha confermato l’orientamento emerso ieri: voterà scheda bianca oggi. La decisione è stata presa durante la riunione alla quale hanno partecipato i leader di Pd, Enrico Letta, Leu, Roberto Speranza e Movimento cinque stelle, Giuseppe Conte, insieme ai rispettivi capigruppo. Anche i 44 Grandi elettori di Iv lasceranno oggi scheda bianca per la prima votazione, una decisione presa da parlamentari e delegati regionali del partito di Matteo Renzi nell’assemblea appena conclusasi.

Elezione Presidente della Repubblica, Meloni: “Fdi chiederà elezioni in ogni caso”

meloni 1640974770397

La leader di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni ha annunciato che il suo partito, a prescindere dall’esito delle votazioni per il Quirinale, chiederà elezioni anticipate: “Comunque vada, noi sosterremo il ritorno alle urne, anche perché il mandato di Draghi, a nostro avviso, è legato a quello di Sergio Mattarella. Noi puntiamo a un governo che abbia un programma coeso e un chiaro mandato popolare”, ha detto parlando ai Grandi elettori del partito in riunione alla Camera.

Come funziona l’elezione del Presidente della Repubblica: le operazioni di voto dei candidati

camera 3

Il Presidente della Repubblica viene eletto dal Parlamento in seduta comune a cui si aggiungono 3 delegati per ogni Regione. I Grandi elettori sono sono scesi a 1.008, dopo la morte del deputato di Forza Italia Vincenzo Fasano, ma il plenum dell’assemblea tornerà 1009, dopo la sostituzione del parlamentare, che avverrà nelle prossime ore. Con il taglio dei parlamentari nella prossima elezione ci saranno 230 deputati e 115 senatori in meno.

Elezione Quirinale, il deputato Fasano, morto ieri, verrà sostituito già oggi

Camera dei deputati Aula

Per la prima volta nella storia l’Aula della Camera dei deputati sarà convocata durante la fase di elezione del presidente della Repubblica per la proclamazione di un deputato subentrante. La decisione verrà assunta dalla conferenza dei capigruppo convocata per 12:00. Si tratterà di sostituire di Vincenzo Fasano, il deputato di Forza Italia scomparso ieri, individuando il primo dei non eletti Fi nella Circoscrizione Campania 2 e verificarne i titoli. Normalmente, durante l’elezione del presidente della Repubblica le aule di Camera e Senato non vengono convocate. Dovrà riunirsi la giunta per le elezioni e quindi l’Sula dovrà decretare il subentro del nuovo deputato.

A che ora inizia la prima votazione e dove seguirla in diretta

I nomi dei possibili candidati Presidente della Repubblica

sergio mattarella discorso quirinale

Non c’è ancora un’indicazione chiara da parte dei partiti sul nome da votare per il tredicesimo Presidente della Repubblica. Durante un incontro previsto in mattinata tra Letta e Salvini il segretario dem proverà a capire se sarà possibile, da parte del centrodestra, far cadere il veto su un eventuale passaggio di Mario Draghi al Colle. Il candidato ideale per il Pd resta però Sergio Mattarella, che però si è detto più volte indisponibile per un bis. Un secondo mandato per l’attuale Capo dello Stato sarebbe un’ottima soluzione anche per il M5s, che spinge perché ci sia una continuità della legislatura, senza scossoni. “Vogliamo una personalità di alto profilo che ci possa rendere orgogliosi dì essere rappresentati. Non poniamo veti”, ha ribadito il leader del M5S Giuseppe Conte entrando a Montecitorio, dicendosi quindi disposto a vagliare eventuali nomi da avanzati dal centrodestra. I pentastellati hanno suggerito il nome di Andrea Riccardi, una candidatura che piace anche al Nazareno. Ma il leader del M5s in queste settimane ha dichiarato che “È tempo di una donna” al Quirinale. In queste ore prende sempre più piede il nome della diplomatica Elisabetta Belloni, una figura con un profilo istituzionale, ma non appartenente ad alcuna forza politica. Matteo Salvini ha detto che la sua coalizione proporrà presto una rosa di nomi, tra i quali potrebbe esserci anche quello dell’attuale presidente del Senato, Elisabetta Casellati. Il Pd ha escluso la possibilità di votare per la seconda carica dello Stato, che potrebbe avere comunque i numeri per farcela, se Italia viva la sostenesse. E Matteo Renzi ha fatto capire che da parte del suo partito non ci sarebbe alcuna preclusione a priori davanti a un nome di centrodestra. Renzi potrebbe lanciare anche la candidatura dell’ex presidente della Camera Pier Ferdinando Casini, ma non è detto che Lega e Forza Italia lo voterebbero, visto che l’ultima volta è andato in Parlamento con i voti del centrosinistra.

Oggi comunque sia il centrosinistra sia il centrodestra, salvo diverse indicazioni, dovrebbero votare scheda bianca.

Quirinale, come avverrà lo spoglio delle schede: votazione durerà 6 ore

elezioni quirinale

Si è conclusa positivamente la verifica dei poteri dei delegati regionali. Lo ha comunicato l’ufficio di Presidenza della Camera e il Consiglio di presidenza Senato che si sono riuniti congiuntamente questa mattina a Montecitorio, per gli ultimi adempimenti prima delle votazioni per l’elezione del presidente della Repubblica, il cui inizio è previsto per le ore 15.

La durata dello scrutinio e dello spoglio sarà di circa sei ore. Verranno allestite tre cabine nell’emiciclo. I Grandi elettori entreranno suddivisi in gruppi di 50 per volta, mentre saranno 200 i parlamentari ammessi in Aula quando ci sarà lo spoglio delle schede. Durante quest’operazione il Presidente Fico darà lettura del solo cognome, nel caso in cui la scheda rechi solo quest’indicazione, oppure quando, pur essendoci altre notazioni, è possibile identificare dal solo cognome la persona a cui è attribuito il voto Procederà a leggere nome e cognome solo nel caso in cui entrambi siano riportati nella scheda, e la lettura del solo cognome non consenta l’univoca attribuzione del voto.

Elezioni Presidente della Repubblica 2022, oggi la prima votazione: orari e candidati

quirinale

Oggi a partire dalle ore 15 iniziano le votazioni per il tredicesimo Capo dello Stato. Si vota nell’Aula di Montecitorio che sarà presieduta dal presidente della Camera Roberto Fico.

Dopo giorni di incontri e telefonate nel tentativo di superare i veti incrociati, proseguono le trattative tra i partiti per trovare un candidato ideale per il Colle. A causa dell’improvvisa scomparsa ieri del deputato Vincenzo Fasano di Forza Italia, parteciperanno al voto 629 deputati, 321 senatori (compresi quindi i senatori a vita, cioè Giorgio Napolitano, presidente emerito, Elena Cattaneo, Renzo Piano, Mario Monti, Liliana Segre e Carlo Rubbia), e i delegati regionali che in totale sono 58. I Grandi elettori scendono quindi da 1009 a 1.008. Scende quindi a 672 il quorum dei due terzi richiesto nelle prime tre votazioni mentre dalla quarta servirà la maggioranza semplice.

L’elezione in tempi di pandemia costringerà i grandi elettori positivi a votare in un’area esterna alla Camera, in una postazione allestita all’aperto in via della Missione. La chiama avverrà in ordine alfabetico. Iniziano i senatori a vita, poi i senatori. Alle 16.40 sarà la volta dei deputati e alle 19.24 dei delegati regionali. Sempre a causa del Covid si vota a gruppi di 50 alla volta. Le operazioni di voto e lo spoglio richiederanno circa sei ore.

Nella fase dello spoglio l’ingresso all’emiciclo sarà permesso naturalmente ai componenti dell’Ufficio di Presidenza della Camera e del Consiglio di Presidenza del Senato, e a un massimo di 200 parlamentari indicati dai Presidenti dei Gruppi di appartenenza. Per tutti gli altri sarà possibile seguire lo spoglio in diretta attraverso gli schermi posizionati al piano Aula e presso le Aule delle Commissioni.

We would like to thank the author of this write-up for this remarkable web content

Elezioni Presidente della Repubblica, votazione per il Quirinale in diretta: Salvini incontra Letta e Conte, scheda bianca per i grandi partiti

) [summary] => Le news in diretta sull’elezione del Presidente della Repubblica, prima votazione in corso a Montecitorio per i 1008 Grandi Elettori. Nulla di fatto nella giornata di oggi: Lega, PD, M5S, Leu, Italia Viva e FdI voteranno scheda bianca oggi. Calenda: “Per Azione e +Europa l’indicazione è Marta Cartabia”. Meloni: “Propongo Carlo Nordio“. La deputata Cunial ... Read more [atom_content] =>

Le news in diretta sull’elezione del Presidente della Repubblica, prima votazione in corso a Montecitorio per i 1008 Grandi Elettori. Nulla di fatto nella giornata di oggi: Lega, PD, M5S, Leu, Italia Viva e FdI voteranno scheda bianca oggi. Calenda: “Per Azione e +Europa l’indicazione è Marta Cartabia”. Meloni: “Propongo Carlo Nordio“. La deputata Cunial respinta anche al seggio drive-in.

Fuori dall’Aula di Montecitorio continuano le trattative tra i leader di partito: Letta e Salvini “stanno lavorando su delle ipotesi e si rivedranno domani”, come si legge nella nota. Il leader PD: “Ci rivediamo domani”, Meloni: “È bene che ci si parli”. E aggiunge: “Non ho appuntamenti con Draghi”.

Tra i possibili candidati Presidente della Repubblica, Carlo Nordio proposto da Giorgia Meloni, Andrea Ricciardi per il centrosinistra, la diplomatica Elisabetta Belloni e chiaramente il premier Mario Draghi, senza escludere l’ipotesi di un Mattarella Bis o delle candidature di Casini e Casellati.

La diretta delle votazioni per il Presidente della Repubblica:

Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su

Elezione del Presidente della Repubblica 2022

Elezione del Presidente della Repubblica, oggi incontro Draghi-Letta

Secondo quanto si apprende da fonti parlamentari, Mario Draghi avrebbe avuto oggi un colloquio anche con il leader del Partito Democratico, Enrico Letta. Da Palazzo Chigi e dal Nazareno non confermano e non smentiscono. In queste ore il presidente del Consiglio starebbe incontrando uno a uno tutti i leader politici.

Salvini: “Nelle prossime ore centrodestra farà diverse proposte di qualità per Quirinale”

salvini elezioni primo

Sto lavorando perché nelle prossime ore il centrodestra unito offra non una, ma diverse proposte di qualità, donne e uomini di alto profilo istituzionale e culturale, su cui contiamo ci sia una discussione priva di veti e pregiudizi, che gli italiani non meritano in un momento così delicato dal punto di vista economico e sociale“: sono le parole di Matteo Salvini, mentre si avvia a conclusione la prima giornata di votazioni per il presidente della Repubblica.

Terminata la seconda chiama dei deputati: è il turno dei delegati delle Regioni

È conclusa la seconda chiama dei deputati. “La seduta riprenderà alle 19.40“, ha annunciato il presidente di Montecitorio, Roberto Fico. È adesso il turno dei delegati delle Regioni, gli ultimi a votare per la giornata.

Quirinale, Renzi: “Basta chiacchiere, scelta nell’interesse degli italiani”

matteo renzi

Il leader di Italia Viva, Matteo Renzi, ha twittato una foto che lo ritrae mentre imbuca nell’urna il suo voto per il Presidente della Repubblica: “Prima votazione per il Presidente della Repubblica. Avverto la grande responsabilità e lancio un appello – ha scritto il senatore fiorentino – Basta con le chiacchiere: è il momento di fare una scelta nell’interesse degli italiani, non dei singoli. Come abbiamo fatto 7 anni fa con Mattarella. Fare presto, fare bene“.

Quirinale, offline il sito della Camera e la diretta Youtube della votazione si blocca

Schermata 2022 01 24 alle 19.09.46

Il sito della Camera dei deputati, così come il canale su cui viene trasmessa la diretta del voto per il Presidente della Repubblica, è bloccato. La diretta è ferma alle 18:37. Ovviamente il voto, all’interno di Montecitorio, sta proseguendo regolarmente.

Quirinale, Meloni: “Normale che ci si parli in questo momento, non vedrò Draghi”

meloni

È normale che ci si parli in questo momento, tutti si parlano“, commenta Giorgia Meloni con i cronisti dopo aver votato per il Presidente della Repubblica alla Camera. E quanto a eventuali appuntamenti con il presidente Draghi chiosa: “Non ho in programma appuntamenti“.

L’ex ministro Boccia: “Bene confronto con Salvini, ora trovare nome condiviso”

14200575 small

Bene questo confronto con Salvini, così come con tutti gli altri leader dei partiti. Ora bisogna trovare una figura che unisca tutti“: così il deputato ed ex ministro del Partito democratico Francesco Boccia ha commentato quanto accaduto in questa prima giornata di votazioni per il prossimo presidente della Repubblica. “Sul metodo ci siamo, ora è importante non mettere sul tavolo nomi di parte, che finirebbero per rompere questa unità che si sta piano piano ricercando e che dobbiamo far diventare la nostra ossessione quotidiana“, ha detto.

Presidente della Repubblica, Patuanelli: “Draghi deve stare a Chigi? I cittadini hanno bisogno di certezze”

14033857 small

Mario Draghi deve restare a Palazzo Chigi? “I cittadini hanno bisogno di certezze“, ha risposto così il ministro dell’Agricoltura, il Cinque Stelle Stefano Patuanelli, uscendo dalla Camera dopo la votazione per il presidente della Repubblica, ai giornalisti che gli chiedevano se il presidente del Consiglio dovrebbe restare a Palazzo Chigi.

Letta dopo l’incontro con Salvini: “Ci rivedremo domani, dialogo positivo”

salvini letta

Abbiamo aperto il dialogo, è positivo, ci rivediamo domani“, ha detto Enrico Letta a Montecitorio al termine dell’incontro con Matteo Salvini per definire la partita del Quirinale. Anche Giorgia Meloni ha commentato il vertice avvenuto oggi tra i leader di Pd e Lega: “È bene che ci si parli“, ha detto.

La deputata No Vax Sara Cunial non può votare senza Green Pass: “Querelo tutti”

La deputata No Vax Sara Cunial non è potuta entrare alla Camera per la votazione del presidente della Repubblica in quanto senza Green Pass e ha minacciato di querelare tutti e di invalidare il voto. “Sicuramente quereleremo chi ci ha detto di no e il presidente della Camera, Roberto Fico. Siamo in presenza di un abuso e di una dittatura“, ha commentato Cunial.

Conte incontra Salvini alla Camera: trattative per il Quirinale in corso

giuseppe contte matteo salvini

È in corso alla Camera l’incontro tra Giuseppe Conte e Matteo Salvini: il presidente del Movimento Cinque Stelle e il leader della Lega stanno discutendo dell’elezione del prossimo presidente della Repubblica, mentre sono in corso le votazioni. Nel primo pomeriggio Salvini aveva incontrato anche Enrico Letta.

Quando conosceremo il nome del prossimo Presidente della Repubblica

La prima votazione per il Presidente della Repubblica è ancora in corso, ma è molto difficile che esca un nome già questa sera. Nei prossimi giorni proseguiranno le votazioni, con un calendario ben preciso. Una votazione al giorno: martedì 25 si comincerà alle 15, da mercoledì 26 gennaio il via sarà alle 11 e così anche i giorni successivi.

Quirinale, lungo incontro tra Salvini e Letta: “Lavorano su delle ipotesi”

letta salvini

Matteo Salvini ed Enrico Letta si sono visti di nuovo oggi per parlare del Presidente della Repubblica, secondo quanto fanno sapere note congiunte di Lega e Partito Democratico: “Lungo e cordiale incontro tra Matteo Salvini ed Enrico Letta negli uffici della Lega alla Camera – spiegano – con il faccia a faccia si è aperto un dialogo, i due leader stanno lavorando su delle ipotesi e si rivedranno domani“. Nelle prossime ore il segretario della Lega vedrà anche Giuseppe Conte.

Quirinale, incontro tra Tajani e Conte alla Camera

13502386 medium

Il presidente del Movimento 5 Stelle, Giuseppe Conte, sta incontrando in questi minuti il coordinatore di Forza Italia, Antonio Tajani. La riunione tra i due, incentrata chiaramente sull’elezione del Presidente della Repubblica, è in corso alla Camera dei deputati in sala Tatarella.

Renzi: “Draghi? È una delle ipotesi in campo, ma serve accordo politico per il governo dopo”

14476688 small

È una situazione simile al 2013 dove nessuno sta prendendo una iniziativa politica e quindi di conseguenza al momento non vedo grandi soluzioni all’orizzonte“: lo ha detto Matteo Renzi in Transatlantico, dopo aver votato per l’elezione del presidente della Repubblica. “Spero le prossime 48 ore siano decisive perché si passi dal wrestling di queste ore alla politica. Sono ottimista perché hanno tutti interesse a farlo, la destra e la sinistra. Basta schermaglie, ora si fa sul serio“, ha sottolineato il leader di Italia Viva. Sull’ipotesi di un trasferimento di Mario Draghi da Palazzo Chigi al Quirinale Renzi ha commentato: “È una delle ipotesi in campo, sta in piedi solo in un quadro di accordo politico. L’elezione del presidente della Repubblica non può essere che una scelta politica e prevede un accordo sul governo del dopo. Draghi è una ipotesi in campo, non è la sola“.

Quirinale, cominciate le votazioni al drive in per gli elettori positivi al Covid

Presidente della Repubblica, iniziate elezioni nei drive in per positivi al Covid

Presidente della Repubblica, iniziate elezioni nei drive in per positivi al Covid

Il primo dei grandi elettori che votano per il Presidente della Repubblica nel seggio speciale per positivi al Covid e in quarantena, è entrato pochi minuti fa. L’operazione di voto è durata un paio di minuti in tutto, al termine dei quali il parlamentare è tornato sull’ambulanza che ha subito lasciato via della Missione. Nel drive in si alterneranno diversi altri parlamentari e delegati regionali per votare il capo dello Stato.

Elezione Presidente della Repubblica, Draghi incontrerà tutti i leader di partito

mario draghi 2

La prima votazione per l’elezione del Presidente della Repubblica è in corso, ma i grandi partiti hanno già dichiarato tutti che voteranno scheda bianca e c’è un solo nome di cui si continua a parlare: Mario Draghi. Fonti parlamentari, intanto, hanno riferito a Skytg24 che il presidente del Consiglio ha in agenda degli incontri con tutti i leader dei partiti. Sarebbe un segnale importante per la sua eventuale candidatura.

Votano quattro senatori a vita su sei, Segre: “Molto emozionante essere qui”

segre monti

Dopo i parlamentari che avevano chiesto di anticipare la votazione per motivi di salute, come vuole la norma, sono stati chiamati i senatori a vita nello scrutinio per l’elezione del presidente della Repubblica. Hanno votato quattro senatori a vita su sei: presenti Elena Cattaneo, Renzo Piano, Mario Monti e Liliana Segre. Non hanno invece risposto alla chiama Giorgio Napolitano e Carlo Rubbia. Al termine della votazione Segre, la senatrice a vita sopravvissuta ad Auschwitz, ha commentato: “Molto emozionante essere qui, è la mia prima volta“.

Quirinale, incontro Salvini-Meloni alla Camera

salvini meloni ad atreju

Matteo Salvini e Giorgia Meloni si sono incontrati alla Camera per fare un punto prima del voto sul Presidente della Repubblica: “L’incontro tra Salvini e Meloni si è concluso ed è stato utile per fare il punto della situazione. Più tardi, il segretario della Lega vedrà singolarmente Enrico Letta e Giuseppe Conte“, spiegano dallo staff del leader leghista. Al momento tutti e quattro i partiti hanno dichiarato che voteranno scheda bianca.

La diretta di Fanpage.it sulle elezioni per il presidente della Repubblica

elezioni

Le ultime notizie e gli aggiornamenti sull’elezione del Presidente della Repubblica oggi nella diretta su YouTube di Fanpage.it.

Umberto Bossi il primo a votare: “Non c’è ancora nome condiviso. Draghi? può uscire alla fine”

Umberto Bossi per la votazione del Presidente della Repubblica

Umberto Bossi per la votazione del Presidente della Repubblica

Il primo a votare per l’elezione del presidente della Repubblica è stato il senatore leghista Umberto Bossi. Rispondendo alle domande dei giornalisti in uscita dalla Camera, Bossi ha detto di aver votato “seguendo l’ordine di scuderia“. E sulle trattative per un nome condiviso ha aggiunto: “Ognuno deve ancora fare i suoi nomi. Quello giusto non è ancora uscito fuori“. Potrà essere quello di Mario Draghi? “Draghi può uscire alla fine“, ha detto il senatore.

Voto Quirinale, Fdi: “Disponibili a valutare altri nomi centrodestra oltre a Carlo Nordio”

carlo di nordio

Fratelli d’Italia in una nota ha fatto sapere di essere disponibile ad allargare la rosa dei nomi di centrodestra, oltre a Carlo Nordio, valutando “altre personalità” che rispondano “ai requisiti di autorevolezza, che siano rispettosi della volontà popolare e con a cuore gli interessi nazionali”.

“Fratelli d’Italia – si legge – ha piena ed eguale fiducia in tutti i nomi della rosa del centrodestra che sono circolati e che Giorgia Meloni ha ricordato nel corso dell’assemblea dei grandi elettori di Fdi. Dopo l’inaccettabile pregiudiziale negativa della sinistra su qualsiasi nome proveniente dal centrodestra, Fratelli d’Italia propone di aggiungere personalità che nella loro storia non hanno avuto alcun trascorso politico. Tra queste, anche su suggerimento dell’autorevole Fondazione Einaudi, è stato proposto il nome di Carlo Nordio, per rendere più agevole la convergenza di altre aree politiche qualora non ci fosse da parte della sinistra un atteggiamento strumentale”.

Quirinale, Salvini incontrerà Letta e Conte per trattare sul nome del Presidente della Repubblica

salvini letta 1

Oggi Matteo Salvini incontrerà Enrico Letta e Giuseppe Conte, per tentare di trovare un accordo sul Quirinale. È quanto fanno sapere fonti della Lega. L’obiettivo è di trovare una candidatura condivisa, anche prima di arrivare alla quarta votazione, quando basterà raggiunger il quorum di 505 voti. In questo momento il nome favorito è quello dell’attuale presidente del Consiglio Mario Draghi.

Quirinale, è cominciata la prima votazione per il Presidente della Repubblica: la diretta

Schermata 2022 01 24 alle 15.12.06

È cominciata, alla Camera, la votazione dei grandi elettori per l’elezione del Presidente della Repubblica. Il presidente Fico ha dato il via pochi minuti fa e i primi parlamentari e delegati regionali hanno già cominciato a votare.

Presidente della Repubblica, inizia la prima votazione: la diretta streaming sui canali del Quirinale

La prima votazione per l’elezione del Presidente della Repubblica sta per iniziare. È possibile seguire in diretta la votazione a Montecitorio sul canale YouTube del Quirinale e su quello della Camera dei Deputati.

Le regole anti Covid per l’elezione del Presidente della Repubblica

Per entrare in Aula, spiega una nota interna diffusa tra i parlamentari, bisogna avere innanzi tutto una temperatura inferiore a 37,5°. È obbligatorio indossare le mascherine FFP2, in ogni circostanza, e rispettare le misure generali di prevenzione dell’epidemia. Durante la seduta per la votazione, nella fase del voto, l’accesso all’emiciclo sarà consentito sulla base delle modalità organizzative della chiama: ci sarà una suddivisione per fasce orarie prestabilite, e si procederà per gruppi di 50 elettori, stabiliti in ordine alfabetico.

La Lega voterà scheda bianca alla prima votazione per il presidente della Repubblica

salvini mascherina 1642681135117

Anche la Lega voterà scheda bianca al primo scrutinio per l’elezione del nuovo presidente della Repubblica. È quanto ha indicato Matteo Salvini nell’incontro con i Grandi elettori del suo partito prima della votazione. “Confermeremo di essere seri e responsabili”, ha detto.

Chi è Marta Cartabia, la ministra della Giustizia candidata da Calenda e +Europa al Quirinale

Marta Cartabia è uno dei nomi che si fanno, da diverso tempo, per la carica di Presidente della Repubblica. L’attuale ministra della Giustizia, prima donna alla presidenza della Corte Costituzionale, è stata candidata ufficialmente da Azione e +Europa. Al momento nessun altro si è esposto a favore dell’ex giudice costituzionale, ma il suo profilo potrebbe trovare l’appoggio anche di diverse altre forze politiche.

A che ora inizia l’elezione del Presidente della Repubblica e quando ci sarà lo spoglio

La prima votazione in programma oggi per l’elezione del Presidente della Repubblica inizierà alle ore 15.00. La durata dello scrutinio e dello spoglio sarà di circa sei ore. Verranno allestite tre cabine nell’emiciclo. I Grandi elettori entreranno suddivisi in gruppi di 50 per volta, mentre saranno 200 i parlamentari ammessi in Aula quando ci sarà lo spoglio delle schede.

Chi è Andrea Riccardi, il candidato che per il Csx ha il “profilo ideale” per il Colle

riccardi

Dal centrosinistra filtra un’apertura per un “dialogo vero” con il centrodestra, e la volontà di preservare il nome di Andrea Riccardi, considerato il candidato “ideale” per la presidenza della Repubblica. È quanto hanno stabilito i leader e i capigruppo di Pd, M5s, e Leu, che si sono visti dopo le assemblee dei Grandi elettori per “condividere le conclusioni” dei loro partiti e confermare la scheda bianca alla prima votazione. Giuseppe Conte ha spiegato che il Movimento non intende votarlo subito per non bruciare la candidatura.

Ma chi è Andrea Riccardi? Storico e studioso della Chiesa Cattolica, è il fondatore della comunità di S.Egidio, associazione umanitaria nata nel 1968. Romano, laureato in legge, ha ricoperto la carica di ministro per la Cooperazione internazionale e l’Integrazione nel governo tecnico di Mario Monti.

Gli ultimi sondaggi sui possibili candidati al Quirinale

Secondo l’ultimo sondaggio Demopolis, realizzato in vista dell’elezione del prossimo Presidente della Repubblica, la maggioranza degli italiani spera possa esserci un secondo mandato per Sergio Mattarella, sebbene il Capo dello Stato abbia rimandato al mittente le richieste arrivate, fino ad ora in modo indiretto, dalle forze politiche.

Quirinale, Conte: “Governo non si può fermare, siamo in piena emergenza”

Giuseppe Conte 1631096084826

“Sul Quirinale siamo chiamati a una grande responsabilità, ma non possiamo trascurare che ci sono cittadini, famiglie e imprese che hanno urgenze impellenti: l’azione del governo non si può fermare. Siamo ancora in piena emergenza sanitaria, economica. C’e’ ancora molto da fare”. Lo ha scritto su Twitter il leader del Movimento 5 stelle, Giuseppe Conte.

Cosa succede al Governo se Mario Draghi diventa Presidente della Repubblica

La candidatura di Mario Draghi al Quirinale è più viva che mai, e anche la scelta più facile per questo Parlamento. Ma cosa succederebbe dopo? Gli scenari sono diversi e vanno dalle improbabili elezioni anticipate alla formazione di un nuovo governo. Potrebbe resistere la stessa maggioranza con un presidente tecnico al posto di Draghi, ci potrebbe essere un rimpasto importante con l’ingresso dei pezzi grossi, ma anche la formazione di una nuova maggioranza, la quarta diversa da inizio legislatura.

Quirinale, incontro Letta-Salvini nel pomeriggio: cosa si diranno i due leader

conte letta 1

Slitta al tardo pomeriggio di oggi l’incontro previsto tra il segretario del Pd Enrico Letta e il leader della Lega Matteo Salvini.  Il faccia a faccia si terrà con il primo scrutinio già avviato per l’elezione del Presidente della Repubblica.Il leader dem cercherà di capire se il muro alzato da Salvini su Draghi sia aggirabile o no: “Voglio capire se le dichiarazioni fatte”, su Draghi al Colle, “siano ultimative oppure no”, ha detto Letta, che comunque ha rilanciato la proposta del secondo mandato per Sergio Mattarella: “Per noi sarebbe l’ideale, parleremo anche di questo”. Lo scopo del colloquio è quello comunque di trovare un nome condiviso.

Quirinale, deputata No Vax Cunial in fila con i positivi: “Sono sana ma voto con i malati Covid”

chi e sara cunial la deputata no vax che il m5s sta cacciando

La deputata No Vax Sara Cunial, sprovvista di Green Pass base, necessario per entrare alla Camera, ha annunciato che voterà insieme ai Grandi elettori positivi o in quarantena, nella postazione allestita in via della Missione: “Sono sana e chiedo di poter votare il presidente come è mio diritto costituzionale fare, non vedo perché non possa votare come i malati di Covid sia vaccinati che non”.

“Non far votare un cittadino prima ed un parlamentare poi perché sano è un affronto alla democrazia, alla legge e alle istituzioni. Possono votare i malati, possono votare i positivi, possono votare i vaccinati, purché piegati al regime e alle sue insensate regole. A questo serve il Green pass, a certificare chi, in un modo o nell’altro, si prostra. Non ci sono altre motivazioni. In caso contrario mi sarebbe permesso il voto dall’auto come a tutti gli altri esclusi dall’Aula – prosegue – Io comunque oggi alle 16.00 mi presenterò negli spazi preposti all’esterno di Montecitorio per fare il mio dovere di parlamentare eletto democraticamente dal popolo italiano e annuncio fin da ora che querelerò ogni persona ed istituzione che mi impedirà di esercitare il diritto costituzionale di votare il presidente, che si tratti del commesso alla porta o del presidente Fico. Sono altresì pronta a chiedere l’annullamento delle elezioni del presidente della Repubblica se mi verrà fatta saltare anche solo una chiama”.

Elezione Presidente della Repubblica, come votano i Grandi elettori positivi

Sono circa una dozzina, tra i 12 e i 15, i Grandi elettori positivi al Covid o in quarantena per un contatto con un contagiato, che hanno già inviato il certificato per poter accedere al “seggio speciale”, allestito nel parcheggio di via della Missione per l’elezione del presidente della Repubblica. Un numero che però è in aggiornamento, viene spiegato a Montecitorio, in attesa che arrivino altre richieste. Per poter votare bisogna infatti trasmettere alla Camera il certificato medico che attesta la quarantena o l’isolamento causa positività al Covid.

Quorum e maggioranza in Parlamento, i numeri per eleggere il Presidente della Repubblica

Per eleggere il capo dello Stato va raggiunto un quorum: nei primi tre scrutini, quindi anche oggi, è necessario raggiungere la maggioranza qualificata dei due terzi dei Grandi elettori. Quindi 637 voti. Dal quarto scrutinio in poi, invece, è sufficiente la maggioranza assoluta, cioè 505 voti. Va ricordato che quest’anno sarà l’ultimo in cui bisognerà fare riferimento a questi numeri: visto il taglio dei parlamentari il quorum per la maggioranza qualificata e assoluta cambieranno.

Chi voterà scheda bianca per al primo scrutinio per l’elezione del presidente della Repubblica

MATTARELLA ELEZIONI FANPAGE IMG

Oggi alle ore 15 ci sarà il primo scrutinio per l’elezione del presidente della Repubblica. Manca ancora un’intesa tra le forze politiche per arrivare a un nome condiviso e continuano i colloqui tra i partiti: la maggior parte dei leader ha dato l’indicazione ai propri Grandi elettori di votare scheda bianca.

Casini tra i ‘quirinabili’: “Sono sereno, un privilegio votare il Presidente della Repubblica”

Casini Berlusconi si dimettera

Tra i nomi considerati papabili per il Quirinale circola anche quello dell’ex presidente della Camera Pier Ferdinando Casini: “Sono assolutamente sereno. A volte pensiamo di essere così importanti, ma c’è chi si incarica di decidere per noi. Ho abbastanza autoironia e sono contento di poter votare ancora una volta il nostro nuovo presidente della Repubblica”, ha detto al Resto del Carlino, osservando che proprio in questi momenti si mette in evidenza “la centralità del Parlamento. Ed è molto bello avere l’orgoglio di farne parte, perché rappresenta la collettività nazionale”.

“Troppe volte – aggiunge Casini che è per la settima volta tra i grandi elettori che eleggeranno il capo dello Stato – si ridicolizza e si mortifica il ruolo di questa istituzione. Ma in giorni così importanti, riacquista un grande significato e un grande valore repubblicano”.

“Ho votato per Cossiga, Scalfaro, Ciampi, Napolitano uno, Napolitano due e Mattarella. Ora voterò per il nuovo presidente della Repubblica. Essere testimone di gran parte della vita della nostra Repubblica, lo ritengo già questo un grande privilegio…”.

Elezione Presidente della Repubblica, Calenda e +Europa voteranno Marta Cartabia

ministra cartabia

“Abbiamo deciso, insieme Azione e Più Europa nell’incontro tra i grandi elettori di non andare sulla scheda bianca e di votare Marta Cartabia perché ha le carateristiche per essere un ottimo presidente della Repubblica”. Lo ha dichiarato Carlo Calenda, leader di Azione, al termine dell’incontro con gli alleati.

La ministra Cartabia “è una giurista riconosciuta e un ministro delle Giustizia equilibrata e seria, non è una candidatura di bandiera ma un’offerta al Parlamento perchè può con equilibrio rappresentare tutti gli italiani”, ha aggiunto Calenda, “il nostro è un appello ai parlamentari perché questa occasione non va persa, non possiamo continuare a dare uno spettacolo indecoroso di accordi sotterranei, tatticismi, abbiamo inviato i partiti a incontrarci per parlare di Quirinale, non hanno voluto, non si può andare avanti così, dico alle parlamentari se non votiamo, se non spingiamo su un profilo come quello della Cartabia, se non ora quando? Non voteremo la Cartabia perché è donna ma perché ha il profilo perfetto ed è anche donna”.

Chi è Carlo Nordio, il candidato Presidente della Repubblica proposto da Meloni

Carlo Nordio

La presidente di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni ha proposto la candidatura di Carlo Nordio, ex magistrato. L’idea è quella di “allargare la rosa dei ‘quirinabili’ anche alle personalità che non hanno un trascorso politico”. Secondo Meloni su questa figura è “difficile che si possano muovere obiezioni”. È stato consulente della Commissione Parlamentare per il terrorismo e presidente della Commissione ministeriale per la riforma del codice penale. Fino al pensionamento, avvenuto nel 2017, è stato procuratore aggiunto della Procura di Venezia.

Meloni annuncia che Fratelli d’Italia non sosterrà mai un Mattarella bis

casellati mattarella fico

“Alcuni lavorano alla riproposizione di Mattarella anche se lui stesso ha dichiarato la sua indisponibilità. Noi non lo chiediamo e su questa ipotesi siamo indisponibili: quella della riconferma del Presidente uscente non può diventare una prassi”, ha detto Giorgia Meloni, secondo quanto si apprende, parlando all’assemblea dei grandi elettori di Fratelli d’Italia.

“Molte personalità, che provengono dall’area del centrodestra, avrebbero il curriculum e lo standing per ricoprire il ruolo di presidente. Nomi come quello di Marcello Pera, Letizia Moratti, Elisabetta Alberti Casellati, Giulio Tremonti, Franco Frattini sono tutti autorevoli. Io ho chiesto di allargare la rosa anche alle personalità che non hanno un trascorso politico e per questo abbiamo aggiunto il nome di Carlo Nordio, su cui ci pare difficile che si possano muovere obiezioni”, ha aggiunto la leader di Fratelli d’Italia.

Quirinale, la deputata Sessa subentrerà al posto di Fasano: Grandi elettori di nuovo 1009

urna voto quirinale presidente

Sarà Maria Rosa Sessa detta Rossella a subentrare al posto di Enzo Fasano, il deputato di Forza Italia, morto ieri. Lo ha annunciato su Twitter il deputato e capogruppo del Pd in commissione Affari Costituzionali, Stefano Ceccanti. Il deputato deceduto all’età di 71 anni, era stato eletto nella circoscrizione Campania 2 e la subentrante sarà appunto Rosella Sessa, i cui titoli sono stati verificati a tempo di record dalla Giunta per le elezioni della Camera e la cui elezione verrà proclamata in apertura di seduta oggi, per ripristinare il quorum di 1009 elettori, che era stato stabilito nelle votazioni per il presidente della Repubblica.

I compiti e le funzioni del Presidente della Repubblica

I compiti del Presidente della Repubblica sono elencati negli articoli 87 e 88 della Costituzione:

Art 87

Il Presidente della Repubblica è il Capo dello Stato e rappresenta l’unità nazionale.

  • Può inviare messaggi alle Camere.
  • Indice le elezioni delle nuove Camere e ne fissa la prima riunione.
  • Autorizza la presentazione alle Camere dei disegni di legge di iniziativa del Governo.
  • Promulga le leggi ed emana i decreti aventi valore di legge e i regolamenti.
  • Indice il referendum popolare nei casi previsti dalla Costituzione.
  • Nomina, nei casi indicati dalla legge, i funzionari dello Stato.
  • Accredita e riceve i rappresentanti diplomatici, ratifica i trattati internazionali, previa, quando occorra, l’autorizzazione delle Camere.
  • Ha il comando delle Forze armate, presiede il Consiglio supremo di difesa costituito secondo la legge, dichiara lo stato di guerra deliberato dalle Camere.
  • Presiede il Consiglio superiore della magistratura.
  • Può concedere grazia e commutare le pene.
  • Conferisce le onorificenze della Repubblica.

Art 88

Il Presidente della Repubblica può, sentiti i loro Presidenti, sciogliere le Camere o anche una sola di esse.

Non può esercitare tale facoltà negli ultimi sei mesi del suo mandato, salvo che essi coincidano in tutto o in parte con gli ultimi sei mesi della legislatura.

Quirinale, Pd, M5s, Leu e Iv voteranno scheda bianca al primo voto

Collage Conte Letta

Il centrosinistra ha confermato l’orientamento emerso ieri: voterà scheda bianca oggi. La decisione è stata presa durante la riunione alla quale hanno partecipato i leader di Pd, Enrico Letta, Leu, Roberto Speranza e Movimento cinque stelle, Giuseppe Conte, insieme ai rispettivi capigruppo. Anche i 44 Grandi elettori di Iv lasceranno oggi scheda bianca per la prima votazione, una decisione presa da parlamentari e delegati regionali del partito di Matteo Renzi nell’assemblea appena conclusasi.

Elezione Presidente della Repubblica, Meloni: “Fdi chiederà elezioni in ogni caso”

meloni 1640974770397

La leader di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni ha annunciato che il suo partito, a prescindere dall’esito delle votazioni per il Quirinale, chiederà elezioni anticipate: “Comunque vada, noi sosterremo il ritorno alle urne, anche perché il mandato di Draghi, a nostro avviso, è legato a quello di Sergio Mattarella. Noi puntiamo a un governo che abbia un programma coeso e un chiaro mandato popolare”, ha detto parlando ai Grandi elettori del partito in riunione alla Camera.

Come funziona l’elezione del Presidente della Repubblica: le operazioni di voto dei candidati

camera 3

Il Presidente della Repubblica viene eletto dal Parlamento in seduta comune a cui si aggiungono 3 delegati per ogni Regione. I Grandi elettori sono sono scesi a 1.008, dopo la morte del deputato di Forza Italia Vincenzo Fasano, ma il plenum dell’assemblea tornerà 1009, dopo la sostituzione del parlamentare, che avverrà nelle prossime ore. Con il taglio dei parlamentari nella prossima elezione ci saranno 230 deputati e 115 senatori in meno.

Elezione Quirinale, il deputato Fasano, morto ieri, verrà sostituito già oggi

Camera dei deputati Aula

Per la prima volta nella storia l’Aula della Camera dei deputati sarà convocata durante la fase di elezione del presidente della Repubblica per la proclamazione di un deputato subentrante. La decisione verrà assunta dalla conferenza dei capigruppo convocata per 12:00. Si tratterà di sostituire di Vincenzo Fasano, il deputato di Forza Italia scomparso ieri, individuando il primo dei non eletti Fi nella Circoscrizione Campania 2 e verificarne i titoli. Normalmente, durante l’elezione del presidente della Repubblica le aule di Camera e Senato non vengono convocate. Dovrà riunirsi la giunta per le elezioni e quindi l’Sula dovrà decretare il subentro del nuovo deputato.

A che ora inizia la prima votazione e dove seguirla in diretta

I nomi dei possibili candidati Presidente della Repubblica

sergio mattarella discorso quirinale

Non c’è ancora un’indicazione chiara da parte dei partiti sul nome da votare per il tredicesimo Presidente della Repubblica. Durante un incontro previsto in mattinata tra Letta e Salvini il segretario dem proverà a capire se sarà possibile, da parte del centrodestra, far cadere il veto su un eventuale passaggio di Mario Draghi al Colle. Il candidato ideale per il Pd resta però Sergio Mattarella, che però si è detto più volte indisponibile per un bis. Un secondo mandato per l’attuale Capo dello Stato sarebbe un’ottima soluzione anche per il M5s, che spinge perché ci sia una continuità della legislatura, senza scossoni. “Vogliamo una personalità di alto profilo che ci possa rendere orgogliosi dì essere rappresentati. Non poniamo veti”, ha ribadito il leader del M5S Giuseppe Conte entrando a Montecitorio, dicendosi quindi disposto a vagliare eventuali nomi da avanzati dal centrodestra. I pentastellati hanno suggerito il nome di Andrea Riccardi, una candidatura che piace anche al Nazareno. Ma il leader del M5s in queste settimane ha dichiarato che “È tempo di una donna” al Quirinale. In queste ore prende sempre più piede il nome della diplomatica Elisabetta Belloni, una figura con un profilo istituzionale, ma non appartenente ad alcuna forza politica. Matteo Salvini ha detto che la sua coalizione proporrà presto una rosa di nomi, tra i quali potrebbe esserci anche quello dell’attuale presidente del Senato, Elisabetta Casellati. Il Pd ha escluso la possibilità di votare per la seconda carica dello Stato, che potrebbe avere comunque i numeri per farcela, se Italia viva la sostenesse. E Matteo Renzi ha fatto capire che da parte del suo partito non ci sarebbe alcuna preclusione a priori davanti a un nome di centrodestra. Renzi potrebbe lanciare anche la candidatura dell’ex presidente della Camera Pier Ferdinando Casini, ma non è detto che Lega e Forza Italia lo voterebbero, visto che l’ultima volta è andato in Parlamento con i voti del centrosinistra.

Oggi comunque sia il centrosinistra sia il centrodestra, salvo diverse indicazioni, dovrebbero votare scheda bianca.

Quirinale, come avverrà lo spoglio delle schede: votazione durerà 6 ore

elezioni quirinale

Si è conclusa positivamente la verifica dei poteri dei delegati regionali. Lo ha comunicato l’ufficio di Presidenza della Camera e il Consiglio di presidenza Senato che si sono riuniti congiuntamente questa mattina a Montecitorio, per gli ultimi adempimenti prima delle votazioni per l’elezione del presidente della Repubblica, il cui inizio è previsto per le ore 15.

La durata dello scrutinio e dello spoglio sarà di circa sei ore. Verranno allestite tre cabine nell’emiciclo. I Grandi elettori entreranno suddivisi in gruppi di 50 per volta, mentre saranno 200 i parlamentari ammessi in Aula quando ci sarà lo spoglio delle schede. Durante quest’operazione il Presidente Fico darà lettura del solo cognome, nel caso in cui la scheda rechi solo quest’indicazione, oppure quando, pur essendoci altre notazioni, è possibile identificare dal solo cognome la persona a cui è attribuito il voto Procederà a leggere nome e cognome solo nel caso in cui entrambi siano riportati nella scheda, e la lettura del solo cognome non consenta l’univoca attribuzione del voto.

Elezioni Presidente della Repubblica 2022, oggi la prima votazione: orari e candidati

quirinale

Oggi a partire dalle ore 15 iniziano le votazioni per il tredicesimo Capo dello Stato. Si vota nell’Aula di Montecitorio che sarà presieduta dal presidente della Camera Roberto Fico.

Dopo giorni di incontri e telefonate nel tentativo di superare i veti incrociati, proseguono le trattative tra i partiti per trovare un candidato ideale per il Colle. A causa dell’improvvisa scomparsa ieri del deputato Vincenzo Fasano di Forza Italia, parteciperanno al voto 629 deputati, 321 senatori (compresi quindi i senatori a vita, cioè Giorgio Napolitano, presidente emerito, Elena Cattaneo, Renzo Piano, Mario Monti, Liliana Segre e Carlo Rubbia), e i delegati regionali che in totale sono 58. I Grandi elettori scendono quindi da 1009 a 1.008. Scende quindi a 672 il quorum dei due terzi richiesto nelle prime tre votazioni mentre dalla quarta servirà la maggioranza semplice.

L’elezione in tempi di pandemia costringerà i grandi elettori positivi a votare in un’area esterna alla Camera, in una postazione allestita all’aperto in via della Missione. La chiama avverrà in ordine alfabetico. Iniziano i senatori a vita, poi i senatori. Alle 16.40 sarà la volta dei deputati e alle 19.24 dei delegati regionali. Sempre a causa del Covid si vota a gruppi di 50 alla volta. Le operazioni di voto e lo spoglio richiederanno circa sei ore.

Nella fase dello spoglio l’ingresso all’emiciclo sarà permesso naturalmente ai componenti dell’Ufficio di Presidenza della Camera e del Consiglio di Presidenza del Senato, e a un massimo di 200 parlamentari indicati dai Presidenti dei Gruppi di appartenenza. Per tutti gli altri sarà possibile seguire lo spoglio in diretta attraverso gli schermi posizionati al piano Aula e presso le Aule delle Commissioni.

We would like to thank the author of this write-up for this remarkable web content

Elezioni Presidente della Repubblica, votazione per il Quirinale in diretta: Salvini incontra Letta e Conte, scheda bianca per i grandi partiti

) [9] => Array ( [title] => Mkk Nmecko, tvrd Britnie. Zpadu proti Rusku kod i oteven diplomacie – iDNES.cz [link] => https://debatepost.com/sport/mkk-nmecko-tvrd-britnie-zpadu-proti-rusku-kod-i-oteven-diplomacie-idnes-cz/ [dc] => Array ( [creator] => Ann Moon ) [pubdate] => Mon, 24 Jan 2022 17:59:11 +0000 [category] => SportdiplomacieiDNESczprotiRusku [guid] => https://debatepost.com/?p=11555 [description] => Americk prezident Joe Biden sklidil kritiku, kdy naznail, e reakce Zpadu na ruskou agresi vi Ukrajin bude zleet na tom, zda se bude jednat o men vpd i nco jinho. V NATO jsou rozdly v tom, co jsou zem ochotny udlat, v zvislosti na tom, co se stane, ekl f Blho domu. Podle listu The ... Read more [content] => Array ( [encoded] =>

Americk prezident Joe Biden sklidil kritiku, kdy naznail, e reakce Zpadu na ruskou agresi vi Ukrajin bude zleet na tom, zda se bude jednat o men vpd i nco jinho. V NATO jsou rozdly v tom, co jsou zem ochotny udlat, v zvislosti na tom, co se stane, ekl f Blho domu.

Podle listu The Washington Postjsou vak rozdln pohledy evropskch zem patrn i bez toho, aby o nich mluvil americk prezident. Vypovdajc ilustrac jinho postoje k ukrajinsk krizi bylo to, e se britsk letadla pevejc protitankov zbran na Ukrajinu vyhnula Nmecku. Britsk letectvo si cestou pes Severn moe a Dnsko prodlouilo cestu o nkolik hodin.

Britt i nmet initel poprali, e by Nmecko odmtlo britsk poadavek pevzt zbran pes nmeck vzdun prostors tm, e dn takov dost nebyla podna.

Abychom se vyhnuli konfrontaci, abychom se vyhnuli zostuzen Nmecka, formln jsme nepodali o pelety, vysvtlil f obranho vboru britskho parlamentu Tobias Ellwood. Podle nj nic lpe nevystihuje absenci jakhokoli koordinovanho sil NATO pomoci spojenci NATO a evropskmu spojenci.

Nmecko zastv dlouholetou politikunevyzbrojovn jakchkoliv stran konfliktu, s ohledem na svou temnou historii. Podle listu The Wall Street Journal Berln tuto zsadu aplikuje i ve vztahu k tetm zemm. Estonsku dajn odmt povolit zasln tkch zbran Ukrajin, protoe pochz z Nmecka.

Za svj postoj je nyn Nmecko terem siln kritiky. Podle ukrajinskho ministra zahraninch vc Dmytra Kuleby nmet pedstavitel neochotou poskytnout Ukrajin zbran i vhnm nad monm odpojenm Ruska od mezinrodnho bankovnho systmu SWIFT podkopvaj jednotu a povzbuzuj Vladimira Putina k novmu toku na Ukrajinu. Starosta Kyjeva, bval boxer Vitalij Kliko, dokonce mluv o zrad ptel.

Vzestup Britnie

List The Guardian s odkazem na zdroje blzk britskmu premirovi Borisi Johnsonovi tvrd, e pedseda vldy vyslovil obavu, e nkte svtov ldi nechpou rizika, kter pedstavuje ikanujc Rusko. Podle listu je jasn, e mil na Nmecko, kter u dve kritizoval za plynovod Nord Stream 2, jen povauje za hlavn strategick problm pro evropskou bezpenost.

Berln je pod tlakem, aby prostednictvm plynovodu zatlailo na Rusko, list The Wall Street Journal ale poukazuje, e Nmecko po odstaven svch jadernch elektrren je na ruskm plynu zvisl vce ne kdy jindy.

Obava, e Rusko vyuije v ppad hrozby sankc plyn k potrestn zpadnch zem, rezonuje i ve vce sobstan Britnii. Ostrovn krlovstv se nicmn stav do ela protiruskho odporu. Zatmco dve se Britnie bla, e britsk zbran poslan na Ukrajiny skon ve patnch rukou, nyn je vdm hlasem volajcm po ozbrojen zem.

Podle analytik je britsk silov politika je vsledkem dlouhodobj frustrace z toho, co Britov vnmaj jako rusk provokace. Napklad jde o otravu dvojitho agenta Sergeje Skripala. Podle Kima Darrocha, bvalho poradce pro nrodn bezpenost za premira Davida Camerona, chce Britnie asertivnjm postojem tak ustanovit svou pobrexitovou nezvislou identitu a projevit se jako vlivn hr. A v neposledn ad Johnson projevem rozhodnosti me odvst pozornost od vnho skandlu s poruovnm koronavirovch pravidel.

e Velk Britnie hodl hrt tvrd, ukazuje neobvykl zveejnn zpravodajskch informac, podle nich Kreml chyst do ela Ukrajiny dosadit prorusk vdce.Rusko informace odmtlo jako nepodloen.

skal nejednotn komunikace

Podle listu The Financial Times tato strategie veejn diplomacie m sv skal. Londn neposkytl dn dkazy a jeho prohlen se setkalo se veobecnm zmatenm. Britnie si zila prostor pro zkulisn jednn, kter by mohla pinst prlomv situaci, podotk list.

Mlen by mohlo bt v Moskv vnmno jako souhlas, take je zapoteb Rusku neustle pipomnat, e existuje jednotn fronta a e bude nsledovat ostr reakce, tvrd Andrew Lohsen z think-tanku Center for Strategic and International Studies. Problm je, e m dle to trv, tm se zvtuje ance na pehmaty a chyby, dodal.

Za jeden z tchto nejvtch pevrat povauje list Financial Times vzvu francouzskho prezidenta Emmanuela Macrona k Evropou vedenmu vyjednvn s Moskvou. Macron svj pln zejm s nikm nekomunikoval a setkal se se znanm nepochopenm. Premir dal v poslednch dnech svm protjkm jasn najevo, e nyn nen as tv v tv spirle agrese na hranicch zahjit rozhovor o strategick autonomii Evropy nebo radiklnch zmnch evropsk bezpenostn architektury, uvedla Johnsonova kancel.

Rozepe mezi hlavnmi zpadnmi evropskmi stty znepokojuj vchodoevropsk a pobaltsk stty, kter proto doufaj, e se mohou spolehnout na USA. Podle listu The Washington Post se vak obvaj, e zmaten strategie klovch pedstavitel Evropy oslab ochotu Spojench stt plnit sv bezpenostn zvazky.

We would love to say thanks to the author of this write-up for this awesome web content

Mkk Nmecko, tvrd Britnie. Zpadu proti Rusku kod i oteven diplomacie – iDNES.cz

) [summary] => Americk prezident Joe Biden sklidil kritiku, kdy naznail, e reakce Zpadu na ruskou agresi vi Ukrajin bude zleet na tom, zda se bude jednat o men vpd i nco jinho. V NATO jsou rozdly v tom, co jsou zem ochotny udlat, v zvislosti na tom, co se stane, ekl f Blho domu. Podle listu The ... Read more [atom_content] =>

Americk prezident Joe Biden sklidil kritiku, kdy naznail, e reakce Zpadu na ruskou agresi vi Ukrajin bude zleet na tom, zda se bude jednat o men vpd i nco jinho. V NATO jsou rozdly v tom, co jsou zem ochotny udlat, v zvislosti na tom, co se stane, ekl f Blho domu.

Podle listu The Washington Postjsou vak rozdln pohledy evropskch zem patrn i bez toho, aby o nich mluvil americk prezident. Vypovdajc ilustrac jinho postoje k ukrajinsk krizi bylo to, e se britsk letadla pevejc protitankov zbran na Ukrajinu vyhnula Nmecku. Britsk letectvo si cestou pes Severn moe a Dnsko prodlouilo cestu o nkolik hodin.

Britt i nmet initel poprali, e by Nmecko odmtlo britsk poadavek pevzt zbran pes nmeck vzdun prostors tm, e dn takov dost nebyla podna.

Abychom se vyhnuli konfrontaci, abychom se vyhnuli zostuzen Nmecka, formln jsme nepodali o pelety, vysvtlil f obranho vboru britskho parlamentu Tobias Ellwood. Podle nj nic lpe nevystihuje absenci jakhokoli koordinovanho sil NATO pomoci spojenci NATO a evropskmu spojenci.

Nmecko zastv dlouholetou politikunevyzbrojovn jakchkoliv stran konfliktu, s ohledem na svou temnou historii. Podle listu The Wall Street Journal Berln tuto zsadu aplikuje i ve vztahu k tetm zemm. Estonsku dajn odmt povolit zasln tkch zbran Ukrajin, protoe pochz z Nmecka.

Za svj postoj je nyn Nmecko terem siln kritiky. Podle ukrajinskho ministra zahraninch vc Dmytra Kuleby nmet pedstavitel neochotou poskytnout Ukrajin zbran i vhnm nad monm odpojenm Ruska od mezinrodnho bankovnho systmu SWIFT podkopvaj jednotu a povzbuzuj Vladimira Putina k novmu toku na Ukrajinu. Starosta Kyjeva, bval boxer Vitalij Kliko, dokonce mluv o zrad ptel.

Vzestup Britnie

List The Guardian s odkazem na zdroje blzk britskmu premirovi Borisi Johnsonovi tvrd, e pedseda vldy vyslovil obavu, e nkte svtov ldi nechpou rizika, kter pedstavuje ikanujc Rusko. Podle listu je jasn, e mil na Nmecko, kter u dve kritizoval za plynovod Nord Stream 2, jen povauje za hlavn strategick problm pro evropskou bezpenost.

Berln je pod tlakem, aby prostednictvm plynovodu zatlailo na Rusko, list The Wall Street Journal ale poukazuje, e Nmecko po odstaven svch jadernch elektrren je na ruskm plynu zvisl vce ne kdy jindy.

Obava, e Rusko vyuije v ppad hrozby sankc plyn k potrestn zpadnch zem, rezonuje i ve vce sobstan Britnii. Ostrovn krlovstv se nicmn stav do ela protiruskho odporu. Zatmco dve se Britnie bla, e britsk zbran poslan na Ukrajiny skon ve patnch rukou, nyn je vdm hlasem volajcm po ozbrojen zem.

Podle analytik je britsk silov politika je vsledkem dlouhodobj frustrace z toho, co Britov vnmaj jako rusk provokace. Napklad jde o otravu dvojitho agenta Sergeje Skripala. Podle Kima Darrocha, bvalho poradce pro nrodn bezpenost za premira Davida Camerona, chce Britnie asertivnjm postojem tak ustanovit svou pobrexitovou nezvislou identitu a projevit se jako vlivn hr. A v neposledn ad Johnson projevem rozhodnosti me odvst pozornost od vnho skandlu s poruovnm koronavirovch pravidel.

e Velk Britnie hodl hrt tvrd, ukazuje neobvykl zveejnn zpravodajskch informac, podle nich Kreml chyst do ela Ukrajiny dosadit prorusk vdce.Rusko informace odmtlo jako nepodloen.

skal nejednotn komunikace

Podle listu The Financial Times tato strategie veejn diplomacie m sv skal. Londn neposkytl dn dkazy a jeho prohlen se setkalo se veobecnm zmatenm. Britnie si zila prostor pro zkulisn jednn, kter by mohla pinst prlomv situaci, podotk list.

Mlen by mohlo bt v Moskv vnmno jako souhlas, take je zapoteb Rusku neustle pipomnat, e existuje jednotn fronta a e bude nsledovat ostr reakce, tvrd Andrew Lohsen z think-tanku Center for Strategic and International Studies. Problm je, e m dle to trv, tm se zvtuje ance na pehmaty a chyby, dodal.

Za jeden z tchto nejvtch pevrat povauje list Financial Times vzvu francouzskho prezidenta Emmanuela Macrona k Evropou vedenmu vyjednvn s Moskvou. Macron svj pln zejm s nikm nekomunikoval a setkal se se znanm nepochopenm. Premir dal v poslednch dnech svm protjkm jasn najevo, e nyn nen as tv v tv spirle agrese na hranicch zahjit rozhovor o strategick autonomii Evropy nebo radiklnch zmnch evropsk bezpenostn architektury, uvedla Johnsonova kancel.

Rozepe mezi hlavnmi zpadnmi evropskmi stty znepokojuj vchodoevropsk a pobaltsk stty, kter proto doufaj, e se mohou spolehnout na USA. Podle listu The Washington Post se vak obvaj, e zmaten strategie klovch pedstavitel Evropy oslab ochotu Spojench stt plnit sv bezpenostn zvazky.

We would love to say thanks to the author of this write-up for this awesome web content

Mkk Nmecko, tvrd Britnie. Zpadu proti Rusku kod i oteven diplomacie – iDNES.cz

) ) [channel] => Array ( [title] => Debatepost [link] => https://debatepost.com [lastbuilddate] => Tue, 25 Jan 2022 01:28:29 +0000 [language] => en-US [sy] => Array ( [updateperiod] => hourly [updatefrequency] => 1 ) [generator] => https://wordpress.org/?v=5.8.3 [tagline] => ) [textinput] => Array ( ) [image] => Array ( ) [feed_type] => RSS [feed_version] => 2.0 [stack] => Array ( ) [inchannel] => [initem] => [incontent] => [intextinput] => [inimage] => [current_field] => [current_namespace] => [ERROR] => [_CONTENT_CONSTRUCTS] => Array ( [0] => content [1] => summary [2] => info [3] => title [4] => tagline [5] => copyright ) )